Recensione "Il bacio della strega" di Melissa de la Cruz

martedì 1 ottobre 2013








---oOo---
Il bacio della strega
di Melissa del la Cruz
Pagine 384
Prezzo 10 euro
Leggereditore
già disponibile
--o--








La serie "The Beauchamp Family" è così composta:

0. Diary of the White Witch: A Witches of East End Prequel - inedito
1. Witches of East End - Le streghe dell'est end
2. Serpent's Kiss  - Il bacio della strega
3. Winds of Salem  - inedito



C’erano una volta, a North Hampton, tre donne straordinarie che conducevano una vita molto ordinaria. 
Joanna Beauchamp, capelli grigi e pollice verde, viveva in un’imponente casa coloniale con le sue due figlie, la timida, bionda bibliotecaria Ingrid e la rossa, scatenata barista Freya. 
Peccato che la loro vita sia solo apparentemente normale, visto che sono in realtà tre dee dell’Asgard: nel nostro mondo, tre streghe. 
E fra una torta al rabarbaro, un consiglio di lettura e un cocktail ben dosato fanno piovere piccole, generose magie su tutti gli abitanti dell’inconsapevole cittadina. 
Ma tre streghe non possono restare fuori dai guai a lungo, soprattutto se c’è di mezzo l’amore, umano o divino che sia, reso ancor più complicato da veleni, vendette e maledizioni millenarie.
 

Considerazioni.
Dunque dunque. Da dove cominciare? Non so proprio perchè questo libro mi ha un attimino preso in contropiede. 
La trama contenuta in questo secodo romanzo della trilogia delle Beauchamp nonchè del primo romanzo della serie mi avevano molto intrigato, sul serio, ma non posso dire che infine mi abbiano preso. 
Non pretendevo fossimo a livello dei romanzi di Sarah Addison Allen che venero e leggo quando l'umore vira verso il negativo e ho bisogno di quel piccolo elemento magico che mi riservi qualche sorpresa. No, non pretendevo la Allen, ma sono rimasta comuque un pochino delusa da questo secondo capitolo. Sebbene il primo, infatti, non mi avesse particolarmente entusiasmato, aveva comunque quella particolarità di farti evadere con leggerezza e gusto, anche se senza particolari picchi audaci o elementi che te lo facessero amare profondamente e smodatamente. La De la Cruz non mi è piaciuta molto in questo "Il bacio della strega". Vi spiego perchè.

La De la Cruz ha scelto, a differenza di molte trilogie, di non narrare tre storie incentrate ognuna su una protagonista della famiglia, bensì di narrarci in ogni romanzo le storie di tutte e tre le protagoniste (madre e due figlie molto diverse tra loro) intrecciando le loro storie, l'evoluzione dei loro personaggi e la trama avventurosa (legata alla loro magia ed ai loro poteri) che man mano si snoda in secondo piano.
 

Io amo le storie che si intrecciano a più livelli di personaggi e di sottotrame, perchè creano maggiore coinvolgimento, se fatte bene, per cui mi stava molto bene anche questa impostazione del romanzo, ma purtroppo ne viene fuori un pastrocchio ove emergono solo alcune delle caratteristiche dei vari personaggi (la sciocca prosperosa che ama l'esibizionismo finto timoroso, la bibliotecaria repressa ma altruista e la madre frustrata ma pronta ad innamorarsi di nuovo) qua e la e dove emerge una storia un pò raffazzonata giusto per creare un pò di suspance che però non c'è.

Proprio nel secondo romanzo, la storia si articolara ancora di più e sebbene si allinei e diventi più coinvolgente per quanto riguarda la parte narrativo - avventuroso, per cui vediamo finalmente una trama più accattivante, ecco che invece cede la parte concernente i personaggi, che risutano svuotati di attrattiva, non c'è stato un vero e proprio coinvolgimento emotivo da parte mia. Ho molto apprezzato piccole cose qua e la come l'ambientazione, la magia che aleggia, insomma la parte più "confortevole" del romanz,o piuttosto che la parte che invece dovrebbe essere più solida e appassionante, a mio gusto ovviamente.

Se amate il genere e vi piacerebbe leggere qualcosa di romantico, ben scritto e con un pizzico di magia, vi consiglio la Allen, la De la Cruz, con questa trilogia ha toppato, a mio gusto. Bellissime le copertine. Traballante la storia e poco approfonditi e curati i personaggi. 
Posso consigliarlo a chi vuole leggere una storia semplice, senza pretese e curata solo nel tema generale.


Melissa de la Cruz è una scrittrice filippina cresciuta tra Manila e San Francisco. È autrice di numerosi bestseller acclamati dalla critica, romanzi per ragazzi, tra cui le serie Au Pairs, Ashleys, Angels on Sunset Boulevard, e la serie Sangue Blu, pubblicata in Italia con grande successo da Fanucci Editore. Le streghe di East End (Leggereditore 2012) e Il bacio della strega sono i primi due volumi di una saga amatissima dai lettori americani.
 

2 commenti:

Angela ha detto...

a me il primo libro era piaciuto, per le streghe, che mi stavano simpatiche ^^ e anche per le vicende, poi è scritto in modo scorrevole, insomma una lettura leggera ma piacevole; mi aspetto che il secondo sia meglio... non peggio... vedremo :D
conto di leggerlo, anche se nn so quando....

Endimione Birches ha detto...

Ciao Angela!!

Non so, nel complesso mi ha lasciato indifferente e - onestamente - un pochetto delusa, perchè non mi è rimansto nulla...
Magari è una questione di gusti ... a te potrebbe piacere, anche moltissimo, chi lo sà!!
Fammi sapere una volta letto, sono curiosa ;)!
Un abbraccio forte

buona giornata!!
Endi