Recensione: "Immortal Rules" di Julie Kagawa.

mercoledì 27 novembre 2013






---oOo---
Immortal Rules. 
Regole di Sangue
di Julie Kagawa
Pagine 480
Prezzo € 10,00
Ebook: € 4,99
Fanucci 
già disponibile
--o--








La serie "Blood of Eden" è composta da:

0.5 Dawn of Eden - racconto prequel - inedito
1. The Immortal Rules - Immortal Rules. Regole di sangue
2. The Eternity Cure - inedito
3. The Forever Song - inedito



In un mondo postapocalittico governato dai vampiri, gli umani sopravvissuti all’epidemia del Polmone Rosso hanno il destino segnato: arrendersi ai dominatori ed essere schedati e allevati in cambio del proprio sangue. 
cover originale
Decidere di non sottoporsi alla registrazione significa mendicare ai margini della società, cercando di sfuggire ai continui attacchi di mutanti famelici originati dagli esperimenti per debellare il virus. 
È questa la realtà in cui Allison Sekemoto lotta per la sopravvivenza come una Non Registrata: i vampiri le hanno portato via la famiglia e tutti i suoi sogni e darebbe qualsiasi cosa per poterli sconfiggere. 
Ma il giorno in cui tocca a lei essere in pericolo di vita, è proprio un vampiro a darle una possibilità di scelta: morire come un’umana o diventare ciò che più odia per l’eternità. 
Allie sceglie di trasformarsi e non sarà facile difendere quel poco di umanità che le è rimasto. 
Soprattutto quando incontrerà qualcuno capace di vedere oltre il mostro che è diventata…


Considerazioni.
Avevo sentito tanto parlare di questo romanzo in America, anche se non come la serie più famosa della Kagawa,"The Iron Fey", questa per intenderci:

The Iron King The Iron Daughter The Iron Queen The Iron Knight The Lost Prince The Iron Traitor

che non è ancora arrivanta in Italia (sempre di stampo YA). Non sapevo però, in tutta franchezza, a cosa sarei andata in contro leggendolo. Risultato? Elementi molto positivi e rimanrchevoli da un lato ed elementi più o meno convincenti (no, negativi, no) dall'altro.

E' un romanzo che si colloca nel genere Young Adult, ma più che altro per una motivazione anagrafica della portagonista, perchè a seguito della lettura mi sono ricreduta in parte in merito e io lo preferirei collocare - personalmente - come romanzo di fiction per tutti, in quanto la Kagawa è stata particolarmente brava nel ricreare una storia vampiresca di ampio respiro, con elementi nuovi ed originali, che ha permesso di abbandonare spesso i tratti fanciulleschi che solitamente si associano ai romanzi YA ed abbandonarsi ad una storia si di formazione, ma molto particolare e intelligentemente narrata.

Ma partiamo dall'inizio
Immaginate una collocazione distopica (quindi in un fututo lontano di uno nostro ipotetico presente proiettato in avanti ed in parallelo in un altro universo), immaginate poi una città di nome Nuova Covington, che coincide con le classiche città futuristiche compeltamente distrutte, in rovina per abbandono ed incuria e immaginate che esista un padrone potente e vampiro che abita il centro di questa città che governa e su cui si impone. Il signore vampiro ha una sua stretta cerchia di collaboratori/servi che prende il nome di Favoriti (umani che dipendono in tutto e per tutto dalla volontà del padrone) all'opposto dei quali, nella zone de "il Margine", vivono i Non registrati (umani che non recando il timpro del Singore vampiro non si prestano a essere sacche di sangue viaggianti per i vampiri e che quindi non possono accedere alle riserve di cibo che i vampiri gestiscono e utilizzano per i Registrati).

Proprio nella zone del Marigne vive Allison Sakemoto, una ribelle, una Non registrata, una ragazza che vive di espedienti per sopravvivere; Alli ruba il cibo e in generale provviste per mantenere in vita se stessa e la piccola tribù con cui condivide parole e sventure (un pò come nel romanzo "Il signore delle mosche" dove tutti i protagonisti sono ragazzi non ancora maggiorenni).
Conosciamo dunque Alli in un momento in cui è debole, indifesa, una piccola umana giovane e fragile che si nasconde per fuggire ai vampiri e combatte per sopravvivere con tutte le forze che possiede in corpo. Ma un giorno tutto cambia, e proprio mentre lei e i suoi amici sono a caccia di cibo ecco che vengono asssaliti e Alli si trova nella situzione di dover far decidere ad un vampiro molto "umano" se vivere e divenire un vampiro o morire per sempre. Sceglie di vivere, nonostante vivere significhi anche diventare il mostro che ha giurato di mai divenire, ma anzi di uccidere, di odiare.
Alli diventa dunque quel mostro e grazie al vampiro che la trasforma (Kanin) riesce a comprendere il modo di sopravvivere come vampiro, di vivere come vampiro, di ragionare, di cacciare, ecc... da vampiro tra i vampiri, in un mondo in cui i vampiri sono i signori del momento, loro le regole che imperano e loro la gerarchia a cui Alli deve sottostare.
Alli, in questo quadro e in questa nuova vita conoscerà persone buone, amiche, che la aiuteranno, di cui si innamorerà, ma anche persone profondamente malvagie, personge che spariranno dalla sua esistenza veloci come vi sono entrate.

 

Insomma, una volta chiuso il romanzo mi sono detta, "c'è tutto, c'è la storia, una protagonista forte, coraggiosa, che subisce una grande crescita, una bellissima rinascita dalle ceneri della morte, un'avventura intelligentemente fatta evolvere, ben gestita narrativamente, con una forte componente evolutiva".  

Bello. Io ho amato fortissimamente il personaggio di Allison, perchè passa da una sua visione della vita (con principi, regole morali e pensieri assolutamente precisi, quasi insindacabili per i vampiri e le creature che ruotano intorno alla loto gerarchia) a una concezione di vita, quasi come condanna da contrappasso per le sue rigide regole nei confronti deli immortali, che la porta a maturare ancora di più, con maggiore consapevolezza e meno leggerezza, meno spocchia di sapere qualcosa di cui, in realtà, non sa nulla. Allison è una ragazza che grida nel vuoto all'inizio, ma che prende quello che ha e cerca di farlo divenire il meglio, per lei.
Belli anche i protagonisti maschili (niente immagini alla True Blood, quindi non agitatevi) che si intervallano nella vita di Alli, tutti. Da Kanin, a Stecco, fino a Zeke, veramente tutti mi sono piaciuti moltissimo e per motivazioni molto diverse, perchè sono un modo, per Alli, di comprendere se stessa, quella vecchia e quella nuova, e andare avanti con una consapevolezza nuova, con uno scopo, con nuova linfa vitale dopo l'abbandono tragico della sua mortalità.
Meno piacevole, quasi sconfortante, disagevole, invece l'ambiente ricreato intorno a Allison. Lo so, che s'intona al resto, ma potendolo dire, e dovendo dare una mia opinione, io vi dico che non l'ho apprezzata. Troppo tragicamente dipinta, tropppo triste, cupa, fortemente tragica e inquietante, eccessiva per uno YA sul vampirismo, anche se distopicamente insteso, a mio gusto.

 

Globalmente mi è molto piaciuto questo romanzo, ed ho molto apprezzato la storia, il coinvolgimento emotivo che ha comportato, la voglia della Kagawa di dire la sua circa il vampirismo ed in modo molto diverso da altri autori che si sono letti e che si leggono nel genere.  Quindi lo consiglio a tutti coloro che vogliano leggere una storia molto diversa, in tema di vampiri, quasi del tutto scevro (escluso alcuni cenni) da un contesto prettamente romantico e con una focalizzazione sull'evoluzione della condizione da umana a vampira, e quindi una versione molto diversa da quella che si è letto fino ad ora.

Julie Kagawa è nata a Sacramento, California, ma a nove anni si è trasferita con la famiglia alle Hawaii, che scoprì essere abitate da insetti carnivori giganti e colonie di gechi, per non parlare dei frequenti uragani. Ora vive a Lousville, Kentucky, con il marito, i due gatti e i due cani.

2 commenti:

Aprilynne Corner ha detto...

Avevo già questo libro in wishlist! Dopo la tua recensione, ne coso ancora più incuriosita. Peccato, però, che non abbiano voluto iniziare a tradurre questa autrice dalla saga di "The Iron Fey" :-(

Endimione Birches ha detto...

Già ... io spero ancora, perchè sembra davvero molto carina, ora poi che ho letto e visto le capacità della Kagawa, mi aspetto moltissimo :)))