Recensione: "Il lago dei desideri" di Susan Elizabeth Phillips.

martedì 10 dicembre 2013

 





---oOo---
 Il lago dei desideri
di Susan Elizabeth Phillips
Pagine 469
Prezzo € 12,00
 Leggereditore
già disponibile
--o--







La serie Chicago Stars è composta da:
1. It Had to Be You - Il gioco della seduzione
2. Heaven Texas - Heaven Texas. Un posto nel cuore
3. Nobody’s Baby But Mine - E se fosse lui quello giusto?
4. Dream a Little Dream - Un piccolo sogno
5. This Heart of Mine - Il lago dei desideri
 6. Match Me If You Can - inedito
7. Natural Born Charmer - inedito

Molly Somerville ha una vita (quasi) perfetta: adora il suo barboncino, il suo lavoro di scrittrice per bambini, il suo minuscolo loft. 
L’unico neo è la sua cotta storica per un quarterback scavezzacollo, quel detestabile e superficiale e irritante e… meraviglioso Kevin Tucker, che finora non ha fatto altro che ignorarla. 
Il talento di Molly per ficcarsi nei guai la porterà proprio tra le sue braccia, a farsi spezzare il cuore in una sola notte. 
Eppure Kevin tornerà nella sua vita quasi perfetta per una vacanza sul lago, dove Molly sarà costretta a vedersela con artisti ipocondriaci, giovanissimi sposi e vecchie pantere hollywoodiane, ma prima di tutto con sé stessa. 
Perché l’amore può far soffrire, sì, ma a volte può anche, a sorpresa, far bene come una risata.
 

Considerazioni.
Dopo esserci allontanati per un pochettino dagli spogliatoi dei Chicago Stars, con una specie di spin off della serie, avvenuta con "Un piccolo sogno" rientriamo nei suddetti spogliatoi con la storia di Molly. 
Molly è la sorella minore di Phoebe Sommerville, prima protagonista della serie dei "Chicago Stars" nonchè proprietaria della squadra omonima, e pur essendo sorella della vulcanica (ormai super accasata) Phoebe, Molly è molto diversa da sua sorella, e lo si comprende (quasi) subito: tranquilla, serie, riflessiva e un pò apprensiva, Molly è una ragazza composta, educata che è diventata una zia perfetta e una sorella modello che scrive libri per bambini ma che si trova, ad un certo punto della sua vita, da milionaria - con niente che possa preoccuparla al mondo - a semi spiantata per scelta (rinunciando ad una sostanziosa eredità per gratificarsi personalmente con le proprie forze, con il supporto, però, di una magnifica famiglia sempre a suo sostegno).
Sulla strada che la porterà ad una maturazione più equilibrata, meno mirata alla perfezione, ecco che incontra un certo Kevin Tucker, giocatore dei CS, nonchè ex oggetto di cotta per Molly - che tutto subito mi è sembrato essere un essere maschile di quelli che pensano una volta al mese e nelle condizioni cosmiche appropriate - il quale è diventato, nel frattempo, un'ottimo giocatore, se non il migliore della NFL, che si trova a dover modificare completamente la sua vita a seguito dell'incontro con Molly.

Ora, all'inzio, ad essere assolutamente sincera, non mi aveva molto convito questo quinto romanzo della Phillips, anche perchè ho incontrato parecchie somiglianze, per la storia, con il romanzo numero 3 nella serie (E se fosse lui quello giusto?), poi però la svolta e quindi il decollo che avevo tanto sperato.

 

Inizialmente il personaggio di Molly sembra molto simile alla sorella Phoebe - almeno all'apparenza: molto chic, molto elegantina, perfettina, con una vita perfetta, un barboncino perfetto, la pettinatura giusta, il lavoro calzante per le sue possibilità, smalto adatto, poi però ecco che scopriamo una donna che è felice di quello che ha: lavoro, amici, affetti; manca però una cosa all'appello ... l'amore. Molly infatti, da sempre ha una cotta pazzesca per Kevin, il superficiale, irritante, detestabile giocatore, con cui non vuole avere niente a che fare (almeno così cerca di convincersi).

Kevin infatti si comporta come tutti i belli e impossibili: esce con ragazze altissime, bellissime, biondissime, ecc... e non ha problemi di sorta se non per quanto riguarda la squadra. Apparentemente nulla centrano l'uno con l'altra, ma poi ecco che il destino e la bontà che alberga in entrambi, in una situazione particoalrmente dura e difficile, li avvicinerà e proprio durante un campeggio (e questo romanzo vale la pena di essere letto solo per le scene che si svolgono in esso) le cose cambieranno tra i due che si troveranno a giocare (ahahaha), imbarazzarsi e scoprirsi con qualcosa che non ha nulla a che fare con la rabbia o il rimpianto.

Come al solito il punto forte del romanzo non è tanto dato dalla trama, ma quanto piuttosto dall'abile penna  della Phillips che crea situazioni molto romantiche, sensazioni che crescono piano piano nei personaggi e a cui, da fedeli lettori, ci si trova presenziare con il fazzoletto in una mano (per le situazioni drammatiche) e con i pop corn nell'altra (per i dialoghi scoppiettanti e le situazioni allegre e frizzanti) pronti alla prossima inaspettata mossa per giungere alla svolta amorosa, ma anche ad una spassosa e comica avventura che anche se non ha il pregio di soprendere sempre, appassiona moltissimo e regala veramente momenti molto dolci, dalle atmosfere avvolgenti dai toni rosati e confortevoli come le migliori commedie romantiche che si ha sempre voglia di vedere e rivedere (e rileggere ovviamente) senza fine.

Anche se a volte la Phillips, in questo romanzo, ha tentennato un pò, rispetto alla pura perfezione degli altri romanzi, non posso dire che non mi abbia emozionato e lasciato assolutamente soddisfatta, senza alcune ombra di dubbio in merito.

Consigliato!! 


Susan Elizabeth Phillips è una delle maestre della narrativa femminile internazionale. I suoi venti romanzi si sono posizionati ai vertici delle classifiche Usa, e hanno raggiunto i primi posti anche in Germania e Regno Unito. Il suo successo è legato alla capacità di cogliere con estrema delicatezza e con un tocco di ironia le sfumature dell?animo femminile, dando vita a scene di grande sensualità e intensità. Leggereditore ha già pubblicato Il gioco della seduzione, conquistando critica e pubblico. 


Nessun commento: