Recensione: "L'ombra della corona" di Patricia Bracewell

lunedì 26 maggio 2014


 ---oOo---
L’ombra
sulla corona
di Patricia Bracewell 
pagine 464
prezzo €18
Sonzogno
dal 24 aprile
voto:
4/5

 --o--
















 La trilogia dedicata a "Emma di Normandia" è composta da:
--
1. - Shadow of the Crown - L'ombra sulla corona
2. Ancora inedito
3. Ancora inedito
--
potete leggere anche l'intervista all'autrice, qui:
Siamo attorno all'anno Mille. Emma di Normandia ha quindici anni quando attraversa la Manica per andare in sposa al vecchio re Etelredo d'Inghilterra, che non ha mai incontrato prima.
cover originale
Circondata da cortigiani ostili e intriganti, con un marito che non le dà fiducia, figliastri gonfi di risentimento e un'ammaliante rivale che aspira alla sua corona, Emma deve difendersi contro minacce di ogni genere.
Per far ciò, intesserà alleanze con uomini influenti e conquisterà l'affetto del popolo inglese.
Ma il crescente amore per un uomo che non è suo marito e il pericolo di un'invasione vichinga metteranno a rischio la sua vita e la sua posizione.
Al centro del desiderio di quattro uomini potenti, Emma dovrà saper trovare la via che cambierà il corso della Storia.
Ispirato agli eventi reali tramandati dalla celebre Cronaca Anglo-Sassone, questo romanzo trasporta il lettore in un'affascinante e poco conosciuta epoca storica, in cui i fantasmi abitavano i palazzi del potere, la mano di Dio era all'opera ovunque, e la morte accompagnava i cavalieri da vicino.
Seduta sul trono d'Inghilterra in anni tormentati, la regina Emma è un'eroina indimenticabile, la cui lotta per affermare il proprio ruolo nel mondo risuona, ancor oggi, di una straordinaria modernità.

 

Considerazioni.
Normandia - Inghilterra. 
Anno 1000. 
Una giovane donna. 
Un grande destino.

Un grande destino, anche se non proprio reso famoso o celebrato dalla storia, quello di Emma di Normandia, ceduta in sposa, dal fratello Riccardo, ad un uomo molto più vecchio, disincantato e rude, anche se di nobili origini.
In un tempo dove le vipere non riposavano tanto nell'erba, quanto negli antri della nobiltà e delle menti dei cospiratori al potere, nella gerarchia più elevata e inglese, troviamo una storia di grande coraggio e determinazione, che facilmente declina nell'ammirazione per una donna intelligente e arguta, in un tempo ed un'epoca terribilmente dura e pericolosa.
Emma - la protagonista de "L'ombra della corona" -  non sa, inizialmente, che dalle coste (non tanto miti e frequentate dai danesi) della Normadia, approderà alla corte, quale seconda moglie, di Re Etereldo d'Inghilterra, il quale deve prendere moglie anche se non ne ha nessunissima voglia o intenzione (figli grandi ne aveva per la successione e questo bastava, ipoteticamente) ma voleri politici non lo lasciano troppo tranquillo e su Emma ricade la scelta.
Etereldo vede Emma come un'arrivista che ambisce solo a divenire la consorte del Re, a divenire più importante delle altre donne e non vede invece la giovane intelligente, colta che si trova davanti e che porterà all'apice del valore e dell'importanza, la sua stirpe ereditaria.

Interessante, storicamente attendibile e fluidissimo da leggere, la Bracewell costruisce un romanzo che non solo intriga per sapersi di più sulla figura storica di Emma, ma che per la narrativa serrata, che mai si lascia andare a momenti noiosi, ripetitivi, ma che anzi complessivamente costruisce un romanzo strutturalmente ben argomentato e narrativamente piacevole, scorrevole e che alterna e rispetta i momenti più serrati con quelli più introspettivi e riflessivi.

Bello, infatti, il personaggio di Emma, la sua evoluzione, la sua maturazione - che viene affrontata tanto in prima persona che dai tanti personaggi che si intervallano nella narrazione - che dipinge meravigliosamente sia il quadro storico, che avvolge Emma, che quello psicologico dei vari personaggi che la circondano e che con essa interagiscono.




La Bracewell è attenta ai particolari, ai dettagli storici, alla ricostruzione della società dell'epoca, e soprattutto a non storpiare o modificare con troppo entusiasmo o visione personale (cosa non troppo difficile, visto che a volte ci si immedisima troppo nel personaggio) Emma e la sua evoluzione, la sua storia, le sue intenzioni, i suoi scopi.

E' una trilogia, per cui il romanzo non termina con  un finale chiuso e finito, ma lascia dei puntini di sospensione per introdurre il secondo e poi il terzo romanzo. Troppi, infatti, gli avvenimenti storici e politici di cui Emma è testimone, pedina, conseguenza e fautrice.

Perchè consiglio questo romanzo? Potrei dirvi che è adattissimo a coloro che amano i personaggi femminili forti, decisivi, che avvincono il loro destino ad una sorta di riscatto sia sociale che storico, che lottano e in qualche modo sopravvivono alla storia eriposano nel'immortalità. Ma non è solo questo, mi è paiciuto perchè la narrazione storica è davvero molto piacevole, semplice e fluida, ed inoltre non presenta quelle lungaggini tipiche dei romanzi storici, con descrizioni lunghe, pedanti, ridondanti. No, qui non troverete questo, ma una narrazione incentrata sui personaggi, le loro storie e  i loro intrecci narrativi, con l'enucleazione delle loro intenzioni e scopi volti alla sopravvivenza ad un'epoca in cui a vivere e sopravvivere era solo il più forte, il più svelto, il più arguto. 

La Bracewell  sottolinea l'importanza degli intrallazzi di corte, l'astuzia - che scava sotto la roccia - delle donne, che non avevano molto margine di manipolazione politica, ma che potevano comunque (se furbe e coraggiose) trovare un loro spazio e concedersi una certa importanza in base a mosse intelligenti e personaggi importanti nelle loro vite (da Re a servi). Bello infatti anche il parellelo tra nobili e sevirtù davvero interessante.

Consigliato.



Patricia Bracewell è nata in California, dove ha insegnato letteratura prima di dedicarsi alla carriera di scrittrice. Attratta dalla storia inglese, si è imbattuta nella figura, poco studiata, di una delle grandi regine d'Inghilterra, Emma di Normandia, che per quattro decenni ha governato il destino di uno dei più potenti regni d'Europa. Questo è il primo volume di una trilogia dedicata a Emma.

Nessun commento: