Recensione: "Cacciatori di ombre" + "Sunrise Saga. Evoluzioni"

sabato 27 settembre 2014


 
---oOo---
The Dark Hunt II
- Cacciatori di Ombre
di Julia Sienna
pagine 608
prezzo 22.50€
ebook 3.99€
Gainsworth Publishing
già disponibile
voto:
--o--



La trilogia "I Predatori Oscuri" è una serie composta da:
1. I Predatori Oscuri
2. Cacciatori di Ombre
3.  ancora inedito.

Una a una, le città dell'Uomo cadono sotto i colpi delle milizie Kaad. Una a una, le terre dell'Ovest soccombono alla minaccia nemica. 
Draug non è mai stato potente come in queste ore buie, ma l'Arma di Telassar è stata ritrovata e brama di incontrarlo per porre fine alla Caccia una volta per tutte. Oron Grimford è salvo e procede protetto dall'armata di Ghilen verso nord, seguito e aiutato dagli amici nella sua ultima impresa. 
La vita del Portatore sembra al sicuro, ma le insidie si nascondono sempre nei luoghi più impensabili. 
Mentre le giornate di Oron si popolano di paure e rimorsi, Hellenhor, Eyn Morgath di Moran-dum, intraprende un pericoloso viaggio in compagnia del giovane Mezzosangue Keleb, dritto nelle viscere di un mondo che non veniva disturbato da migliaia di anni: il Regno delle Ombre. 
Cosa si cela tra gli Inferi? 
Perché lo stregone più potente delle Nuove Terre mette in gioco la propria vita e quella di un ragazzo per affrontare le Tenebre?
Considerazioni.
Romanzo corposo, ma davvero molto carino, come il precedente. Avevo avuto infatti modo di leggere il primo libro di queste serie (che per il momento prevede tre titoli) che prendeva il nome di I Predatori Oscuri e che mi aveva piacevolmente colpito. 

La Sienna, con questo titolo, cerca di alzare la posta in palio per i personaggi, che già conosciamo ed abbiamo incominciato a comprendere nel primo capitolo e ampia il raggio dell'universo in cui si muovono, l'obiettivo da ricercare e cercando anche di approfondire meglio la psicologia e le tematiche già intavolate precedentemente.

"Cacciatori di Ombre" - che a mio parere dovrebbe essere letto dopo "I Predatori Oscuri" altrimenti si rischia qualche confusione - ha il pregio di riuscire nella maggior parte degli intenti di cui vi ho parlato poco sopra, e per questo, congiunto al fatto che la Sienna scrive in modo molto piacevole e narra una storia in cui è bello immegersi, ecco mi ha fatto davvero molto piacere leggerlo.
Proprio lo stile semplice, fluido e al contempo assennato nel narrare quello che ha in mente, rende piacevole, davvero molto, la lettura di romanzo che altrimenti sarebbe stato molto lungo e molto corposo.

Personaggi, ambientazioni e accadimenti mi sono dunque piaciuti sia per l'evoluzione intrapresa dal primo romanzo, che non li rende banali, piatti, privi di movimento esteriore ed interiore, ma interessanti da arguire, profondi da sondare, difficili da prevedere; sia per le tematiche che mano a mano vengono affrontate: amicizia, lotta, indipendenza, dolore, perdita, vittoria, penuria, ecc... sono ben inseriti rispetto alla crescita personale (tanto dei protagonisti quanto dei comprimari) che alla natura stessa dell'avventura stessa, che si accingono a compiere.

Menzione speciale poi alle descrizioni puntuali e davvero molto belle, alla cura e l'amore per la creazione di tanti dettagli, nomi, creature, lignaggi, alberi genealogici, linguaggi e quant'altro che accrescono la narrazione e la rendono originale e brillante.

Unica nota che mi ha impedito di dare un voto massimo alla storia è stata il fatto che - e in questo premetto che forse dipende da me - mi aspettavo una sorta di "picco" nel crescendo della storia, e che invece non ho trovato, o non ho colto. Sapete, quell'elemento o avvenimento che ti faccia giungere alla consapevolezza che sei di fronte a un romanzo che ti sta dando tutto perchè si è messo in gioco del tutto. Sebbene ci siano molte scene interessanti, ben rese, coinvolgenti e appassionanti è come se, una volta chiuso il romanzo, mi fosse mancato qualcosa che non riesco ben a definire. C'è tutto, ed anche di più, ma in ultimo, forse anche perchè mi aspettavo moltissimo essendomi abituata magnificamente con il primo titolo, mi aspettavo quel fattore che rende indimenticabile un'opera.

Non fraintendetemi, ho apprezzato moltissimo "Cacciatori di ombre" e ve lo consiglio anche non amate particolarmente i fantasy, perchè è una bella storia che ha di che narrare, e credo che in campo fantasy nostrano abbia davvero una marcia in più rispetto a molti altri autori, ma se proprio devo dire la mia, dalla Sienna voglio trovare l'impossibile, perchè può farcerla, può realizzarlo!

Julia Sienna nasce nel 1989, nella provincia milanese. Da sempre appassionata lettrice inizia a cimentarsi con la scrittura nell'adolescenza. E' autrice della saga fantasy "The Dark Hunt", di cui "I Predatori Oscuri" è il primo libro. Anche gli altri volumi della trilogia saranno editi sotto il marchio Gainsworth Publishing.

--o--

 
 
SUNRISE_cover_smashwords
 
---oOo---
  Sunrise Saga. 
Evoluzioni
 di Paolo Daolio
pagine 400 circa
prezzo 10.29€
0.99€
Autopubblicato
ebook
già disponibile
voto:
--o--




L’umanità è relegata sottoterra da centinaia di anni in uno scenario post-apocalittico.
Due giovani amici decidono di abbandonare le loro case per intraprendere un viaggio alla ricerca della verità.
Iniziano così un’avventura piena di pericoli, che li porterà a fronteggiare mutanti, droidi e interfacce cibernetiche di ogni tipo, muniti solo della loro genialità e della loro astuzia.
Durante il loro viaggio, incontreranno validi amici e avranno modo di rinforzare il loro legame come mai si erano immaginati.
Considerazioni.
Evoluzioni, primo romanzo della Saga Sunrise, porta il lettore a vagare in livelli sotteranei al terreno dove il protagonista Jeremy, vive, insieme ad altri, in un luogo molto povero ed in una situazione di vero degrado. Jeremy è un ragazzo comune, semplice, quasi anonimo, che come gli altri abitanti si pone, ad un certo punto della sua esistenza, delle domande circa il mondo misterioso che lo circonda. Ad esempio? Jeremy infatti deve accompagnare al suo nome un codice alfanumerico misterioso, perchè?
Oltre a ciò la situazione politica è ancora più dura di quanto potreste immaginare, perchè il governo è una sorta di dittatura del terrore per mano della polizia che non rinuncia a utilizzare armi particolarmente odiose come la manipolazione mentale e quella fisica. Come mai?

Molte domande, un mondo da scoprire, regole da travalicare e rompere per farlo, un'avventura in un posto angusto, molto spesso ostile e un personaggio come Jeremy che è una specie di animo bianco in un mondo che annega nella pece.

Questo è quello che ci propone Daolio, che non è male nel complesso, confesso, in quanto la sua scrittura è sciolta e fluente, la volontà di far piacere la storia è percepibilmente costante, ma è una storia che non mi ha del tutto colpita per via del fatto che usa una terminolgia onomatopeica che, nel corso della narrazione, mi infastidiva e che rende la lettura pià adatta ad un pubblico giovane, perchè stonava nel contesto a meno che non fosse diretta a un certo tipo di lettori (YA, appunto), ed inoltre ho trovato che peccasse un pò di originalità per chi ha già letto storie di questo tipo.
Inoltre, scrivendo capitoli molto brevi, Daolio, pur rendendo efficace l'azione in corso mina il resto, lasciandoci scarne descrizioni, poco approfondimento psicologico dei personaggi, che quindi rimangono adolescenti in quanto a scelte e crescita evolutiva.




Detto ciò ho apprezzato il personaggio di Jeremy, la scelta di lasciar leggere la storia da più punti di vista, le tematiche che sono poste in essere come il gruppo, l'amicizia, il supporto, il coraggio, la libertà, ecc...

Daolio a mio parere ha ampio margine di crescita sia in ambito stilistico che di evoluzione di una solida trama, in quanto questa ricalca un pò "il già letto", "già scritto", "già sentito", ma può benissimo spiccare il volo con avventure che possono trovare una propria precisa identità.
Questo primo romanzo è troppo poco per dare una visione complessa dell'opera che l'autore ha in mente, che rimane un pò in una fase embrionale dell'intero in un quadro più ampio che spero sia più complesso.

 
Paolo Daolio nasce il 9 luglio del 1971, a Genova, dove attualmente vive e lavora. Ama la creatività in tutte le sue forme e già nel lontano 1996 inizia la carriera in quello che sarà poi uno dei suoi grandi amori: il mondo dei videogiochi. La passione per il fantascientifico emerge grazie ai giochi di ruolo, alle consolle e, ovviamente, all’immenso Asimov, di cui divora tutte le opere. Nel 2014, completa di scrivere il suo primo romanzo, chiamato “Evoluzioni”, e ne crea una saga, su cui lavorava e fantasticava da ben più di dieci anni. Gli piace l’attività fisica, il buon cibo e passare il suo tempo libero in serenità con la moglie e la figlia.


2 commenti:

Ilenia T.D. Lemon ha detto...

Quello della Sienna lo sto aspettando da tipo un mese e mezzo e ancora non è arrivato D:

Endimione Birches ha detto...

Ciao Ilenia!! Posso chiederti se lo hai ordinato presso la casa editrice? In questo caso posso contattarla e domandare qualche notizia se vuoi...
Un abbraccio!!
Endi