Mini recensioni di inzio autunno!

sabato 4 ottobre 2014


 
 
---oOo---
I fantasmi
 dei Natali passati
di F. Soprani e V. Corella
pagine
prezzo € 1,99
Lite
già disponibile
voto:

--o-- 



La serie "Victoria Solstice" è composta da:
Come in ogni Vigilia di Natale Vittoriana che si rispetti, i fantasmi fanno visita ai vivi allo scoccare della mezzanotte. Ma nella Londra gotica e maledetta di Victorian Solstice gli spiriti si lasciano dietro i cadaveri di chi conta poco o niente. Per la J&J Investigations però tutti sono importanti. Tutti meritano giustizia. Per gli ‘innominabili’ di Londra, Jericho e Jonas sono disposti a guardare in faccia i loro vecchi fantasmi.

  
 ecco le cover dei primi tre romanzi

 Anteprima:
24 Dicembre 1871   L’aria crepitava di polvere d’argento. Il Fantasma del Natale Futuro se n’era andato, portando con sé l’atmosfera cupa della morte. Ebenezer Scrooge, in ginocchio sotto la nevicata di coriandoli, ringraziava gli Spiriti per avergli aperto gli occhi e giurava che mai più avrebbe dimenticato di santificare il Natale. Intorno a lui, i buoni londinesi acclamavano, agitando festoni. Alcuni portavano berretti colorati, altri corone spruzzate di porporina. Quegli ornamenti non stonavano con le divise pulite che avevano indossato per l’occasione. Al gesto convenuto del direttore, il coro iniziò a cantare la canzone imparata con fatica. Avrebbero potuto fare di meglio, questo era certo, ma l’emozione era tanta e il pubblico raccolto nello stanzone sembrò apprezzare. Le signore eleganti iniziarono perfino a battere ...
Considerazioni.
Mi sono scoperta una grande fan di questa serie e di queste due autrice, che bazzicano benissimo nel gotico, nel mistero e nella Londra ottocentesca.

Questa volta il duo autoriale ci porta a Londra, certo, ma sulle tracce di Dickens, con il suo famosissimo personaggio Scrooge, e similmente a quest'ultimo il medium Jericho Shermaldine e l’ex ispettore Jonas Marlowe (i due protagonisti creati dalle autrici), ricevono la visita di fantasmi che provengono dal passato e si prospettano molto problematici, perchè uniamente a questi eventi partiolari ci sono degli omicidi che coinvolgono giovani che si prostituiscono nelle case di piacere.

Un pò di tristezza sopraggiunge per il fatto di sapere che questo era l'ultimo capitolo della serie, ma subito è dissipato di fronte al fatto che l'avventura mi ha risucchiato nelle sue spire e coinvolto ancora una volta in un'avventua estremamente affascinante.
 
Il motivo principale che mi ha spinto sempre a leggere questi romanzi era il fatto che i protagonisti erano - e sono - molto approfonditi nella loro psicologia, interessanti per il loro passato e riescono a palesare in ogni avvenura un nuovo lato della loro personalità. Anche in questo caso, infatti, sono riuscita a leggere di un Jerico più introspettivo, quasi indifeso di fronte ai fantasmi che si palesano, che lo riconducono all'infanzia ed anche ad una strega bellissima e perfida. Ed è stato un momento molto intenso, particolarmene completo della sua figura.
 
Complessivamente è una storia, come sempre, molto bella, molto cupa, estremamente affascinante per la dura versione della realtà che affronta la coppia di investigatori. Niente è facile, di semplice soluzione, i personaggi subiscono forti scossoni emotivi, atti a metterli alla prova, in qualche modo modificarli. Ed è questo che più mi è piaciuto questa serie, perchè gioca sempre il tutto e per tutto, non si risparmia mai e questo fa onore alla trama e alle aurice, che danno vita ad una storia che resta indimenticabile fino all'ultimo. 

E' stata una bellissima serie, davvero. Grazie a Soprani e Corella per l'avventura!
 
Federica Soprani vive a Parma, sfortunatamente per lei, in questo secolo. Scrivere le è necessario quanto respirare. E da parte di un’asmatica questa affermazione si ammanta di un pathos quasi insostenibile… Tale necessità non sempre riesce a coniugarsi col suo lavoro presso uno studio grafico e con la gestione più o meno rocambolesca di una famiglia che ha più zampe che arti. Ma oltre che vivere occorre sopravvivere. Laureata in lettere moderne, indirizzo Storia del Teatro e dello spettacolo, con un tesi dal titolo "La figura del Vampiro nel Teatro tra '800 e '900". Da sempre coltiva la passione per la lettura e la scrittura. Scrive racconti di vario genere, dall’horror al fantasy. I suoi autori di riferimento sono Angela Carter, Tanith Lee e Paola Capriolo, oltre ai classici dell’800 e ’900. 
 
Vittoria Corella è uno pseudonimo. La persona che si cela dietro questo nome ha lavorato come giornalista per il Romagna Corriere, il quotidiano più diffuso in Romagna dopo il Resto del Carlino. Vive a Riccione, lavora nel turismo e ha una gatta a tre zampe. 
 
 --o--
 
 


 
---oOo---
Il 
Paladino
di Angela Pesce Fassio
pagine 389
prezzo 2.99€
autopubblicato
ebook
già disponibile
voto: 
--o-- 
 

 
Orizzonti grandiosi si aprono per il giovanissimo Orlando quando Carlo Magno, re dei Franchi, lo ammette fra i paladini. 
Quell’onore infatti non è che l’annuncio di un futuro glorioso, cui Orlando può legittimamente aspirare per il coraggio e la lealtà dimostrati al suo sovrano. Eppure un sinistro presagio aleggia intorno a lui, percepibile da tutti coloro che gli sono vicini e persino dallo stesso re, che paventa un destino fatale per quel giovane fiero e indomito. 
Le vittorie dei Franchi nella Spagna occupata dai Mori, la conquista gloriosa di città e fortezze, la straordinaria audacia di Orlando sembrano tuttavia cancellare quei cupi presentimenti… almeno finché, nel momento culminante dell’assedio di Saragozza, i Sassoni non si rivoltano contro l’impero e Carlo deve ritirare l’esercito per affrontarli. Orlando, coi paladini, si dispone nelle retroguardie, per proteggerne la ritirata, ma i Baschi hanno bloccato il passo a Roncisvalle, consentendo ai Mori di sopraggiungere in forze. 
Accerchiati, i paladini sembrano non avere scampo, però Orlando sembra disposto a tutto pur di non arrendersi… 
Intrecciando abilmente miti, leggende e ricostruzione storica, Angela P. Fassio crea un appassionante romanzo d'avventura sullo sfondo dell'Europa dell’VIII secolo e tratteggia con maestria una delle figure più epiche ed esaltanti di tutti i tempi.
Considerazioni.
Altro romanzo storico estremamente interessante che ho letto della Pesce e che mi sento di consigliavi sia per la perfetta ricostruzione del tempo, che per la narrazione veloce, fluida e sorprendentemente piacevole che ci conduce direttamente al tempo di Carlo Magno.

Orlando, il protagonista, è un uomo d'armi che conduce il lettore ad una piacevole avventura ai tempi del grandissimo Carlo Magno, che lo introduce tra le fila dei Paladini. Non sarà una vita facile, tra presagi non proprio benigni e una lunga battaglia per impedire ai Mori di varcare i confini dell'Europa.

Molto interessante, come vi dicevo, tutta la ricostruzione storica del periodo che riesce ad essere molto vivace e sempre attrattiva grazie alla mescolanza non solo di accadimenti realmente avvenuti, ma di mescolare questi ultimi alle leggende che aleggiavano al tempo, rendendo il tutto poco statico e ammantato da un velo di interessante magia.

Ho apprezzato il personaggio di Orlando, della sua maturazione dovuto al tempo, alla battaglia, ai sottili meccanismi della strategia e la sua lotta per pacificarsi con i presagi che lo assalgono.

Complessivamente è dunque un romanzo interessante che lega il bisogno di avventura in tempi ormai andati, con la voglia di conoscenza della ricostruzione storica finemente intrecciata alla mitologia e alla leggenda che è cresciuta nel Medioevo e contiene una meraviglia e una costuzione che contiene una certa meraviglia. Sempre piacevole da riscoprire.


Angela Pesce Fassio è nata ad Asti, dove risiede tuttora, è un’autrice versatile, come dimostra la sua ormai lunga carriera e la varietà della sua produzione letteraria. Coltiva altre passioni, oltre alla scrittura, fra cui ascoltare musica, dipingere, leggere e, quando le sue molteplici attività lo consentono, ama andare a cavallo e praticare yoga. Discipline che le consentono di coniugare ed equilibrare il mondo dell’immaginario col mondo materiale.
Mistero, avventura, brividi e amore sono i soggetti che predilige e che ha proposto anche sotto pseudonimo. I suoi libri hanno riscosso successi e consensi dal pubblico e dalla critica in Italia e all’estero.
 
--o--
 
 
 


---oOo---
 Racconti
 svolazzanti
di Stefano Amadei
pagine 72
prezzo 1.99€
Self-Publishing
già disponibile
voto:
--o--
 
 
 

Una fantasiosa spremuta di canzoni, indovinelli e fiabe in dieci emozionanti racconti. Stacca un biglietto per il Cinema Bianchini e potrai sapere come si formano i sogni, cosa succede ai genitori quando i bimbi vanno a nanna, qual è la formula del miscuglio che rende invisibili, cosa fanno i gatti quando sono a zonzo. Vieni ad incontrare Alì l'apprendista scriba, la piccola fatina Gaia e, se ne hai il coraggio, a fare quatto passi nel Giardino dell'Orco! Contiene il racconto "Mai Stata Sognata" vincitore del 2° Premio del concorso nazionale di scrittura "Sassi&Parole" 2012 indetto dal Comune di Mercallo (Va).

Considerazioni.
Più che una recensione è un consiglio di lettura, in quanto è una lettura da fare propria in base a quello che ciascuno legge tra le righe, che proviene dalle tematiche (la principale è quella dell'adozione, tema molto caro all'autore, che tende a sensibilizzare bambini e genitori, con questa lettura, avendolo vissuto come momento importante della propria vita) ed è una piacevola riscoperta di quello che è la fanciulezza, con le fiabe, le canzoni, gli indovinelli che vengono proposti. 

Bella e piacevole l'invettiva di Amadei, che elabora, igeniandosi, delle piccole alternative alla favoa classica, per mantenere vivo l'interesse dei più piccoli, che amano la varietà e la muevolezza dei giochi.

Dalla piccola fatina Gaia, al Giardino degli Orchi, prendete in considerazioni di leggere questo libricino ai vostri figli, perchè è una bella esperienza da fare sui sogni, sul rapporto tra i bambini e la il momento della nanna, senza contare che vengono affrontate molte tematiche importanti come il rapporto tra genitori e figli, naturali o adottati, l'adozione in generale, l'amore, l'amicizia e la famiglia in modo molto fiabesco, ma molto normale, come se non ci fossero problematiche o preconcetti di sorta in questa materia. Forse, come dovrebbe essere.


Questo libro contiene anche il racconto Mille anni d'amore di  Stefano Amadei, vincitore del secondo premio del concorso "Sassi&Parole" del 2012.

Motivazioni Premio Letterario "Sassi&Parole" 2012. Secondo Premio. Il racconto “Mai stata sognata” è stato ritenuto meritevole, in quanto l’autore ha saputo cogliere, attraverso la narrazione di un sogno di una bambina, il significato che esso può assumere nell’infanzia. Il sogno diventa infatti lo strumento attraverso il quale il bambino costruisce il suo rapporto con il mondo attraverso il linguaggio, si appropria delle parole, che nel testo si trasformano in qualcosa di vivo. In questo modo i sogni non diventano un modo per sfuggire alla realtà, ma contribuiscono invece a crearla, a costruirla ad immagine del bambino, dando un senso al mondo in cui vive. 

Stefano Amadei nasce a Varese (Va) il 28/10/1974 e nel 1993 si diploma in Ragioneria presso l'I.T.C. Dalla Chiesa di Sesto Calende (Va). Collabora con il periodico isprese "Ora e Qui" poi all'inserto giovani della Rivista Civica "Spazio Aperto" del Comune di Somma Lombardo (Va). Partecipa ai corsi di scrittura e di poesia indetti nell'ambito del Premio Chiara e, negli ultimi anni, ai corsi di scrittura creativa organizzati presso il Comune di Ispra. Scrive principalmente storie, fiabe e racconti per bambini e per l'infanzia. Nel 2012 vince il secondo premio del concorso letterario nazionale "Sassi&Parole" indetto dal comune di Mercallo (Va) con il racconto "Mai Stata Sognata", storia che narra il sogno visto con gli occhi di una bambina. Nel 2014 pubblica con Narcissus il suo e-book illustrato d'esordio dal titolo "Racconti Svolazzanti" contenente dieci fiabe per bambini piccoli e grandi. Vive ad Ispra ed assieme alla moglie Tiziana è felice genitore della piccola Ivana.
 

2 commenti:

Angela Pesce Fassio ha detto...

Ciao, ti ringrazio per la bellissima recensione. Mi auguro che serva a invogliare i lettori ad acquistare l'Ebook e a farsi coinvolgere dal fascino di Orlando.
Un abbraccio. Angela

Endimione Birches ha detto...

Grazie a te Angela per essere passata!!!
un abbraccio
Endi