Doppia intervista, Mood Romantico con YouFeel

lunedì 8 dicembre 2014

 Keep calm 
and read
YouFeel!

Carissimi lettori del Bostonian Library, da oggi ha avvio la Settima tappa del YouFeel Blog Tour, che vedrà presentarvi le nuove uscite della collana YouFeel, che ricordo essere pubblicazioni solo in digitale, della Rizzoli. 

Queste piccole opere (tutte brevi per scelta, in quanto devono essere fruibili velocemente) sono ben otto, come le autrici che ho intervistato per presentarvi i loro scritti
Ogni giorno vi presenterò due storie con Mood differente, così potrete scegliere quale storia si avvicinerà al vostro umore del momento, da leggere in quel momento!!

---o- Il Giveaway -o---

Come ultima cosa, prima di lasciarvi alle interviste, sappiate che alla fine delle settimana, tra tutti i commenti che lascerete ai post della YouFeel (preceduta da  #YouFeelSettimaTappa) che pubblicherò tra oggi e giovedì, verrà scelto (tramite sorteggio) un lettore o una lettrice che riceverà in regalo un ebook tra quelli presentati nella settimana! In bocca al lupo!

Pronti? Via!

Di che cosa hai voglia oggi?
--
Nell’universo You Feelc’è un libro che ti aspetta,
perfetto da leggere dovunque tu sia - su smartphone e tablet -
e qualunque sia il tuo stato d’animo:
Romantico, Ironico, Erotico ed Emozionante.
--


Romantico

Mood Romantico

Per chi è alla ricerca di un amore non scontato,
che faccia palpitare il cuore e sentire le farfalle nello stomaco.

--o--

Il lieto fine esiste solo 
nei romanzi d'amore? 

 


---oOo---
La 
cacciatrice 
di lieto fine
di Francesca Cani
pagine non pervenute
prezzo 2. 49 €
YouFeel Rizzoli
dal 3 dicembre
--o--






Chignon spettinato, occhiali spessi e un libro sempre davanti al naso, Alba conosce pochissimo il mondo reale.

Bibliotecaria veronese, lettrice da competizione e romantica disillusa, agli uomini in carne e ossa preferisce eroi come Jamie Fraser o Mr. Darcy. Quando una vacanza forzata e la prospettiva raccapricciante di passare le feste fra la madre iperprotettiva e il padre assente la mettono in fuga, Alba non sa dove rifugiarsi. Un volo last minute la fa atterrare in Irlanda.

Lì nessuno la disturberà, tranne il destino, che il giorno di Natale la porta sul sentiero che sta percorrendo Bram O’Ryan, medico, surfista e testa calda dalla chioma rosso fuoco. Con lui partirà per un itinerario alla ricerca di esseri leggendari e sfide (im)possibili. Un nuovo amore può guarire dalle ferite del passato? Ci vuole un’abile cacciatrice per catturare il lieto fine perfetto.

Un romanzo intenso che vi coinvolgerà, una storia d’amore in cui il lieto fine non è assicurato, ma va inseguito fino all’ultima pagina


---o- L'Intervista -o---

1.Puoi parlarci del tuo romanzo?

Pensate cosa sia per una ragazza innamorata di Jamie Fraser e affascinata dai modi di Mr. Darcy, trovarsi davanti a un ragazzone dalle testa rossa, che parla gaelico e ha la grazia esotica della sua terra, l’Irlanda. La realizzazione di una fantasia, ma con la paura che tutto potrebbe sparire una volta chiuse le palpebre. Immaginatevi quali sforzi debba fare un’italiana per accettare di fare surf d’inverno, nell’oceano, non nella piscina del Mediterraneo. Condite tutto con degli imprevisti, perché la vita è sempre pazza, e ballate fino a mezzanotte, la notte di Capodanno, fra le braccia di un sogno che diventa realtà. Io l’ho fatto e ho scritto La cacciatrice di lieto fine!

2. Da cosa è nata questa storia?

Ho due grandi passioni: l’Irlanda e la lettura. Facciamo tre fissazioni e aggiungiamo gli uomini dai capelli rossi, dai! Cercavo un modo diverso di vedere un paese che è bellissimo, magico e parla alla parte più autentica e primitiva di tutti noi. Mi è venuto in mente che ci voleva una sognatrice, un personaggio fuori dagli standard, per capire fino in fondo cosa c’è dietro il blu dell’oceano e l’intrico viola dei rami d’erica, ed è nata Alba, la mia protagonista. Certo, un uomo stupendo aiuta sempre, ma la vera molla di ciò che ho scritto è in una ragazza che assomiglia a tutte noi, che ha fragilità e conflitti che credo troverete familiari.

3. Perché hai scelto di improntare una trama proprio sul beneamato lieto fine?

Il lieto fine è il miraggio di tutte le lettrici di romanzi d’amore ed è la molla anche per i miei protagonisti. Ma avere un animo disposto, non solo a riconosce di essere fatti l’uno per l’altra, ma ad accettare l’amore non è così naturale. Quante volte ci facciamo un sacco di problemi davanti a sentimenti che per il nostro cuore sono chiarissimi? Il lieto fine a ben vedere è un viaggio, non è il punto d’arrivo, bisogna saperlo riconoscere, meritarselo, combattere e lasciarsi andare per averlo.

4. Come si presentano i tuoi protagonisti?

Alba Longhi ha ventisei anni e un cuore nuovo di zecca. Non cura il proprio aspetto, arrotola i capelli in acconciature che sembrano sempre un po’ sfatte e ha grandi occhiali, che usa come uno scudo. Gran parte della sua vita l’ha trascorsa a leggere nella biblioteca in cui lavora e a immedesimarsi con tutte le sue forze nelle eroine dei romanzi. La storia ha inizio quando lei deve scappare da Verona, da madre-Malefica, e rifugiarsi in un posto in cui leggere indisturbata. Il destino la porta in Irlanda, in un pittoresco cottage dalla porta verniciata di rosso, con le vetrate che danno sulla baia di Inch e una libreria turchese in cui dare rifugio ai suoi compagni di vita: i libri.

Lei sembra aver pensato a tutto per stare tranquilla, ma non ha ancora incontrato lui…

Bram O’Rayan ha i capelli rossi e gli occhi del colore dell’oceano ed è bello da togliere il respiro, questo è quello che la gente vede di lui. É un medico, tutti nella cittadina di Dingle gli vogliono bene, ma con i sentimenti è una frana. La sua amica Mary di lui dice che è sentimentalmente vergine. Questo può sembrare strano perché il giorno in cui Bram incontra Alba avrebbe dovuto sposarsi con Ellen, la sua ragazza dai tempi delle scuole, ma fidatevi in un certo senso è proprio così!

5. Quali sono gli elementi di questo romanzo che premi sottolineare ai lettori della tua storia?

Un solo elemento. A un certo punto della storia Alba chiede: “Hai mai cercato qualcosa che sai non sarà facile da trovare, Bram?”. È una domanda, ma riassume un po’ lo spirito del libro. Nel romanzo troverete una serie di obiettivi che sembrano folli, come cercare le tracce die folletti, fotografare le pulcinelle di mare d’inverno, iscriversi a una gara di winter surf. Ogni obiettivo è in realtà una nuova tappa verso la consapevolezza.

6. Se dovessi descrivere in tre parole la tua storia, quali sarebbero?

Irlandese, librosa, rossissima!

Francesca Cani, laureata in Storia dell’Arte, è autrice di romanzi storici e di numerosi racconti. È conosciuta anche con lo pseudonimo Frances Shepard. Sposata, vive e lavora a Mantova. Quando non scrive ama leggere, viaggiare, fare sport (è una ex pattinatrice di artistico). Almeno due volte l’anno parte per Inghilterra, Irlanda o Scozia, che stanno diventato la sua seconda casa .

 --o--

Ci si può innamorare di qualcuno
 senza averlo mai visto?




---oOo---
Parlami
 di te 
di Monique Scisci
pagine non pervenute
prezzo 2. 49 €
YouFeel Rizzoli
dal 3 dicembre
--o--








Sofia Leone scopre un concorso letterario in rete e rimane particolarmente colpita dal racconto Parlami di te di Christophe Martin.

Come in un gioco senza regole e confini i due iniziano una relazione a distanza “virtuale e letteraria” , che notte dopo notte si trasforma in qualcosa di molto più reale e passionale.

Christophe è perfetto, la capisce in tutto, ma come reagirebbe se sapesse che dietro quel nome di fantasia, Becca, si nasconde una delle più famose scrittrici del momento?
Un romanzo di cui vi innamorerete subito.


---o- L'intervista -o---

1. Puoi parlarci del tuo romanzo?

Ciao, innanzi tutto grazie per l’ospitalità, è sempre un piacere poter parlare dei miei scritti. Allora, Parlami di te è la storia di Sofia, del suo amore per la scrittura e del tracollo professionale che getta un’ombra sulla sua carriera di scrittrice. Ma è soprattutto una storia d’amore molto attuale perché nasce in rete, su Facebook per la precisione. La sua relazione con il misterioso Christophe Martin inizia per caso, come spesso accade fra persone che si incontrano on line, ma è destinata a diventare qualcosa di più perché tra loro c’è un’alchimia potente. L’amicizia cresce man mano che i messaggi scorrono sullo schermo perché le parole hanno un fascino magnetico. Christophe è un personaggio particolare, un sognatore con i piedi per terra che, inconsapevolmente, riesce non solo a riportare la scrittura nella vita di Sofia, ma fa breccia nel suo cuore come nessun altro prima d’ora. Il problema è che come spesso accade, la realtà è ben diversa dalla fantasia e quando Sofia a Natale riceve la foto di Chris e lo vede per la prima volta, tutto cambia. Inoltre, lui non sa che lei è la famosa Sofia Leone, autrice di grande successo perché lei usa un account fake e questo complica ulteriormente la situazione. Il loro rapporto sembra naufragare finché fattori esterni non obbligheranno entrambi a un confronto diretto. Cosa accadrà quando Sofia sarà costretta a recarsi in Toscana da Chris?
 2. Da cosa è nata questa storia?
Questa storia nasce da tante cose, per esempio dal fatto che ormai i social sono diventati il principale mezzo di comunicazione. Molto spesso nascono vere e proprie amicizie sullo schermo, io stessa ho incontrato persone magnifiche grazie a Facebook che ora fanno parte della mia vita, ma anche amori e relazioni destinate a durare nel tempo. Inoltre, era da un po’ che volevo scrivere un romanzo che parlasse di una scrittrice. La trama si è delineata man mano che procedevo con la stesura del romanzo. Ho deciso di affrontare il tema del plagio perché è l’incubo di molti scrittori e perché capita che a volte si venga ingiustamente accusati e questo rischia di rovinare una carriera fatta di tanti sacrifici.
3. Il tuo romanzo parla di scrittori e libri scritti a 4 mani. E' stata dura sdoppiarsi e scrivere di ben due scrittori alle prese con i propri sentimenti?
In realtà l’unica scrittrice è Sofia. Chris ha una fervida immaginazione e un’ottima proprietà di linguaggio, l’aiuta a riconnettersi al suo mondo, ma non ha la sua stessa passione. Ha ereditato dal padre la capacità di scrivere, ma non sa se è quello che vuole fare nella vita, è uno scrittore per caso, non ha coscienza di cosa significhi farlo per lavoro. Forse però è proprio grazie a questo che Sofia ritrova la voglia di scrivere, perché ricomincia a farlo seguendo il suo cuore, al di là dei meccanismi editoriali che a volte spengono l’entusiasmo e condizionano la creatività.
4. Come si presentano i tuoi protagonisti?
Sofia si presenta dapprima come una donna distrutta, passiva, disillusa. Fuma un sacco e si addormenta sul divano intontita dai fiumi di alcool che ingurgita per dimenticare, ma in realtà nasconde un’anima forte e determinata. Senza l’aiuto della sua ex assistente Valeria e del suo migliore amico Simone, non saprebbe distinguere la notte dal giorno perché le sue giornate si consumano fra le quattro mura di casa sua.
Chris invece è un ragazzo luminoso, ama la vita, la natura e i suoi vigneti. Apparentemente è spensierato e felice di ciò che possiede, ma in realtà ha una voglia matta di evadere, di scoprire il mondo e grazie a Sofia capirà che a volte nella vita bisogna buttarsi senza sapere cosa ci riserva il destino.

5. Quali sono gli elementi di questo romanzo che premi sottolineare ai lettori della tua storia?
Sicuramente il fatto che in amore tutto è possibile, che a volte la distanza, le differenze che ci caratterizzano sono solo un pretesto dietro cui nascondere le nostre paure.
 6. Se dovessi descrivere in tre parole la tua storia, quali sarebbero? 
Romantico, delicato e intrigante.


Monique Scisci vive a Milano dove è nata e cresciuta. Da sempre coltiva la passione per i viaggi, la musica rock, l’arte e soprattutto la scrittura. Ha collaborato per un settimanale locale, come articolista. Nel 2012 ha pubblicato il romanzo urban fantasy L’Ampolla Scarlatta, il cui seguito, Il segreto dell’Ordine, è in corso di pubblicazione.

12 commenti:

Francy ha detto...

Grazie infinite!
Francesca Cani

Endimione Birches ha detto...

Figurati, grazie per essere passata di qui :)

federica d'ascani ha detto...

Ciao! Che belle interviste! Confesso che le risposte sui personaggi le ho saltate, perché sono troppo curiosa di leggere l'intero romanzo di entrambe :D

Endimione Birches ha detto...

Sì le trame attirano moltissimo!!!☺😄

Letizia Draghi ha detto...

Molto belle le interviste... E le trame poi!

Anonimo ha detto...

Ciao, che belli devono essere questi libri! Dopo queste interviste mi avete fatto venire ancora più voglia di aprire l'ereader e immergermi nelle vostre storie!

Monique Scisci ha detto...

Ciao,
grazie mille per l'intervista e per l'opportunità di parlare dei nostri romanzi.
Un bacio
Monique S.

Sabina Di Gangi ha detto...

Ciao! Complimenti per il blog, per le interviste e complimenti alle scrittrici youfeel!!

Sabina Di Gangi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
maria masella ha detto...

interviste molto interessanti! brave le autrici e le intervistatrici.

Endimione Birches ha detto...

@Letizia Draghi
@Anonimo
@Monique Scisci
@Maria Masella

Grazie di cuore a tutte voi ragazze per essere passate a leggere queste interviste!!!

Endimione Birches ha detto...

... dimenticata Sabina Di Gangi, ma ringrazio anche lei!!!
Besos Endi