Recensione: "Obiettivo pericoloso" di Pamela Clare

martedì 30 dicembre 2014

 

---oOo--- 
Obiettivo 
Pericoloso
di Pamela Clare
Prezzo €12,00
Ebook € 4,99
Leggereditore
già disponibile
voto:
3/5

--o--







La serie "I-Team" è composta da:

1. Extreme Exposure - Rischio Letale
1.5. Heaven Can't Wait - Il Paradiso Non Può Attendere
2. Hard Evidence - Obiettivo Pericoloso
3. Unlawful Contact - ancora inedito
4. Naked Edge - ancora inedito
5. Breaking Point - ancora inedito
 6. Striking Distance - ancora inedito
La giornalista investigativa Tessa Novak non poteva immaginare di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. 
cover originale
È sera, e una ragazza la supplica di aiutarla, ma lei non fa neanche in tempo a rendersi conto di quanto sta accadendo che un sicario in giacca di pelle nera fredda la giovane davanti ai suoi occhi. Tra la folla che si aggira intorno alla scena del crimine Tessa scorge un uomo con la stessa giacca che indossava il killer e, ancora sconvolta dall’accaduto, è convinta di riconoscere in lui l’assassino. 
L’uomo in realtà è Julian Darcangelo, agente dell’FBI sotto copertura che collabora con la polizia di Denver sulle tracce di un mafioso russo di nome Burien, e le attenzioni della giornalista rischiano di far saltare la sua copertura.  
Ma nel momento in cui Tessa punta Julian, diventa anche lei un obiettivo: quello dell’assassino.  
Dovranno guardarsi le spalle a vicenda, e imparare a fidarsi l’uno dell’altra, per non soccombere alla minaccia di un killer che li vuole entrambi morti.



Considerazioni.
Se Pamela Clare ha un dono è quello di imbastire delle storie forti, decise, con un forte e quasi prepotente personalità che volente o nolente ti investono nelle sue azioni frenetiche, nell'avventura sempre presente e nella suspence che crea in modo perfetto e davvero molto coinvolente!

Questo secondo romanzo della serie I-Team - che è una serie, ma è anche una lettura che si può completare senza dare eventuale seguito agli altri romanzi, avendo protagonisti sempre diversi. - ve lo consiglio calorosamente se vi siete stufate delle eroine che devono sempre essere salvate e protette senza però arrivare a delle vere e proprie virago, ecco. 
In generale, infatti, tutti i romanzi della Clare disegnano delle eroine che hanno uno spirito indomabile e un carattare dominante che si scontra spesso e volentieri con l'eroe maschile di turno, che trova acciaio da mordere sia in campo avventuroso che sentimentale.

In questo particolare capitolo troviamo la storia di Julian Darcangelo che si dimostra essere sin da subito un uomo tutto d'un pezzo, dall'aspetto un pò trascurato, ma sicuramente molto "maschio" e magnetico, caratterizzato da un animo solitario per scelta e carattere e con un passato di una certa dolorosa importanza che ancora lo determina nelle scelte di vita e lavorative.
Julian è infatti cresciuto senza madre e da un padre dedito all'alcool, sempre sospinto dal pericolo e dipendente dall'adrenalina si mette costantemente in pericolo - e in affari poco raccomandabili - fino a che non si trova a lavorare per il governo americano come agente sotto copertura in azioni ad alto pericolo e che richiedono una certa dose di odio per se stessi e le situazioni familiari stabili.

Questo almeno fino a quando, un giorno incontra casualmente una giovane di nome Tessa, protagonista della storia e sua "futura anima gemella", la quale è testimone di un assassinio e che scambia per l'assassino di una giovane donna proprio Julian.
Tessa è un'anima rotta come Julian, in quanto ha un passato difficile che a stento non l'ha distrutta e trascinata a fondo, ma da cui è riuscita a ricavare il meglio per potere vivere una vita quantomeno bilanciata.
Il fatto di incontrare un uomo che vive al limite, affacciato all'"estremo" la maggior parte del tempo, da cui si sente sempre più attratta, diciamo che non aiuta affatto ... I due si troveranno a condividere forzosamente l'abitazione di Julian, in modo da proteggere Tessa del vero assassino, che ora la perseguita quest'ultima (fino ad introdursi in camera di lei e posarle una fotagrafia che la ritrae nuda nella vasca da bagno).


E' stato un romanzo molto carino per via del fatto che è improntato sulla tenerezza e sulla delicatezza di personaggo che appaiono molto forti all'esterno, ma che sono molto fragili nel loro intimo. Julian e Tessa sono stati belli da approfondire per il fatto che tanto si muovono con sicurezza nel loro campo di lavoro, quanto sono impacciati e fragili nelle azioni facili, calorose, di espressione di sentimenti. Dolce è vedere come questo due personaggi siano in realtà due persone che si trovano bene, come protetti e completi, anche solo stando in silenzio in una stanza, senza necessariamente provare solo sensazioni ormonali "da contenimento". 

"Obiettivo pericoloso" mi è piaciuto anche perchè la parte che riguarda gli affetti è ben bilanciata con la parte thriller/suspance che ho trovato, come sempre quando leggo della Clare, decisamente ben argomentata e trattata. Consigliato, insomma.


Pamela Clare ha cominciato a scrivere come giornalista investigativa ed è diventata in poco tempo la prima donna direttrice di due testate. Ha ricevuto molti riconoscimenti, tra cui il National Journalism Award for Public Service. Madre single con due figli all’università, scrive i suoi romanzi godendosi la vista delle Rocky Mountains.

Nessun commento: