Recensione: "Liv, forever" di Amy Talkington

mercoledì 23 settembre 2015


 


---oOo---
Liv
Forever

di Amy Talkington
pagine 300 circa
prezzo 14.90€
DeA
già disponibile
voto:
 4/5
--o-- 








La vita di Liv Bloom è sempre stata un disastro. Un continuo susseguirsi di famiglie affidatarie, delusioni e fallimenti.

Ecco perché, quando Liv vince una borsa di studio per
Wickham Hall, la più prestigiosa accademia d’arte dello stato, è al settimo cielo. L’arte non è solo la sua più grande passione, ma anche l’unica possibile via di fuga da una vita che detesta.
18077961
cover originale

E poco importa che l’atmosfera di Wickham Hall sia a dir poco spettrale, che gli antichi edifici abbiano un aspetto sinistro e che ogni angolo della scuola risuoni di misteri e premonizioni.


Liv è troppo felice per farci caso. Tanto più che Malcolm, il ragazzo più bello e talentuoso dell’accademia, sembra essersi disperatamente innamorato di lei. Presto, però, l’idillio si infrange.


Perché nemmeno l’amore di Liv e Malcolm può ignorare l’antica maledizione che si nasconde tra i corridoi di Wickham Hall. Una maledizione che porta con sé una lunga scia di sangue. E che ora vuole reclamare la felicità di Liv.




Considerazioni.
Questa storia inzia narrando la storia di Liv, la quale viene descritta sin da subito come una ragazza poco propensa a vivere cercando di vedere il famoso "bicchiere mezzo pieno" in quanto da sempre è in balia di eventi, dai quali si lascia trascinare per sfinimento, che non sono propriamente positivi e ottimisti. 

Viaggiando con la valigia in mano da una famiglia affidataria all'altra, ecco che Liv si è rassegnata ad essere sempre la seconda scelta, la ragazza sfortunata che nessuno vuole - o meglio che nessuno vuole sul lungo periodo - ed incapace di ottenere quella occasione che ti cambia la vita, soccombe al pessimismo più nero.

Ma ad un certo punto ecco tutto cambia con l'arrivo di una lettera di ammissione - grazie ad una borsa di studio - ad una nuova scuola, la Wickham Hall, la prestigiosa scuola d'arte a cui, se si ama il disegno, ogni artista vorrebbe accedere. Un sogno. Un colpo di fortuna fantastico per Liv, che ama l'arte più di ogni altra cosa. E soprattutto una magnifica opportunità per cambiare il proprio destino

Magnifico, verrebbe da pensare anche al lettore, ma le cose non sono come appaiono, e l'ottimismo di cui si è rimpieto l'animo di Liv si svuota velocemente quando, arrivata alla nuova scuola, oltre ad un normale senso di smarrimento per  via dell'ambiente sconosciuto e di nuovi compagni, Liv scopre che l'antica e cupa dimora è abitata da fantasmi, presenze particolarmente inquietanti e per nulla piacevoli di cui Liv dovrà e vorrà capirne l'origine, nonchè la motivazione della loro apparizione per via delle scie di morti che si lasciano alle spalle...
Ovviamente ci saranno anche incontri piacevoli a  Wickham Hall, in quanto nella nuova scuola Liv avrà modo di incontrare anche un ragazzo che le fa battere il cuore come mai accaduto prima, di nome Malcolm!

Questo romanzo ha diversi lati positivi, come l'animo di Liv, l'atmosfera cupa, dimessa e inquietante data dalla  Wickham Hall, le citazioni degli artisti, i segreti e le spettrali apparizioni senza contare la narrazione veloce ma anche diversi difettucci, come la risoluzione fin troppo semplice del mistero, il colpo di fulmine davvero molto fulmineo, i dialoghi e personaggi un pò (tanto) giovani (intendo come mentalità) e un pò tanto scontati - che avviso potrebbero non piacere ad un pubblico adulto o a cui gli YA non vanno troppo a genio - che appiattiscono un pò la storia.

Si può però certamente sorvolare su questi ultimi aspetti considerato che tra le righe è apprezzatissimo leggere i messaggi che l'autrice veicola al lettore, come la libertà dell'agire, il riscatto, il valore della famiglia, degli amici e la bellezza del primo amore

La Talkington è stata brava a inserire messaggi importanti senza gravare troppo sulla narrazione e inserendoli bene senza forzare o storpiare la storia appositamente, creando così  molteplici sfaccettature di una vicenda che sebbene ha alcuni elmenti scontati, risulta piacevole e molto godibile.





Amy Talkington scenografa e regista. Vive a Los Angeles. Ha cominciato però scrivendo di musica per riviste e giornali e dipingendo autoritratti. Liv, forever è il suo primo romanzo.

Nessun commento: