Recensione: "Les Revenant" di Seth Patrick

mercoledì 14 ottobre 2015

 
 ---oOo---
Les 
Revenants
di Seth Patrick
pagine 450 circa
prezzo 19.50€
ebook 8.99€
Piemme
già disponibile
voto:
 3/5

--o--







In un paesino francese tra le montagne, la diga che circonda le case ha, inspiegabilmente, cominciato a cedere. E mentre l’acqua sale in modo quasi impercettibile, Camille, morta in un incidente stradale con l’autobus della scuola quattro anni prima, torna a casa.
cover originale
Non è invecchiata di un solo giorno, ha fame, molto sonno, e pensa di essere di ritorno da una gita scolastica. Lo stesso accade a Simon, morto il giorno del suo matrimonio, che torna da Adèle e la trova sposata a un altro. E poi c’è il piccolo Victor, comparso dal nulla, che non sa dove andare e segue una ragazza per strada, perché gli ricorda la fatina delle favole.
Les Revenants – Quando ritornano è la storia di Camille, di Simon, di Victor e di molti altri, ma è anche la storia dei vivi, di un’intera comunità che deve fare i conti con la sorpresa e la gioia di rivedere i propri cari, ma anche con la paura che qualcosa di ultraterreno, di terribile, si stia impossessando delle loro vite.
Una grandissima invenzione narrativa, che ha funzionato nella serie tv rivelazione degli ultimi anni, e ancor più funziona in questo romanzo ispirato alla serie, una narrazione avvincente che mescola thriller, mystery, suspense, dramma e affronta il tema della morte in modo assolutamente inedito.


Considerazioni.
Avevo letto un romanzo qualche tempo fa, mi sembra l'anno scorso ["The Returned" di Jason Mott]  che trattava di "ritornati" (da specificare che non si tratta di ritorno da viaggi, ma da ritorno dall'aldilà...) e devo dire che mi era piaciuto, anche se non lo avevo trovato particolarmente innovativo o stupefacente.

Come per il romanzo di Mott, quello di Seth Patrick, ha un tema decisamente particolare ed anche un pò inquietante, in quanto, solitamente, vengono invocati i morti sempre per cose (semi)spiacevoli.
In questo romanzo, che da poco è anche diventato una serie di tv, coloro che ritornano non appaiono nè nelle sembianze di fantasmi, nè in quelle di zombie (le due creature alle quali normalmente si pensa in questi casi), ma sono sono una specie a parte, forse semi umana, forse aliena (viene lasciato un velo di mistero in questo) che complessivamente si può affermare - con una certa sicurezza - abbiano forma umana.

Come anche nel romanzo che avevo letto precedentemente, la storia di muove in un piccolo paese di provincia, ma questa volta sito al di là delle Alpi, che ad un certo punto manifesta la ricomparsa di persone decedute. 

In un romanzo corale, che amalgama vite come quelle di Camille, Thomas, Pierre, Julie, Claire,Victor, Serge, Simon, ecc... tra ricordi, rapporti burrascosi, legami lasciati in sospeso per via della dipartita e misteri da risolvere, ecco che che l'autore ci introduce in una vicenda che non si esaurirà con questo unico romanzo, ma proseguirà almeno con un secondo.

Potrebbe sembrarvi un romanzo dalle tinte fosche, che si avvicinano al thriller, ma sebbene queste linee appaiano, ma sia molto sottili, è soprattutto un romanzo che partendo da radici profondamente cattolico - cristiane, approfondisce, ricama e ruota intorno alle vite ed i rapporti che intercorrono tra i personaggi vivi e morti.

E' una storia che se da un punto di vista meramente di intrattenimento non mi ha particolarmente conquistato (come anche era successo con il libro di Mott) forse a causa del tema, che prendo sempre dal punto di vista più serioso (non riesco a evitarlo), d'altro canto ha saputo tirar fuori quei pensieri reconditi sulla morte, la dipartita, i pensieri e le azioni che l'evento morte si porta inevitabilmente appresso e le persone che abbiamo intorno, con il pensiero di viverle di più, con maggior convincimento e vicinanze.

Personalmente ho trovato "Les Revenant" del tutto non originale dal punto di vista della sorpresa e l'innovatività di trama, per converso devo dire che Patrick è stato bravo però a svolgere la trama in modo fluido, tenendo bene le redini della trama senza farla sfociare in qualcosa di poco attendibile, senza cercare per forza spiegazioni a tutto e tutte le cose e sopratutto bravo per la gentilezza e la mitezza con cui affronta determinati argomenti. Tendenzialmente inquietante.


Seth Patrick Laureato in matematica a Oxford, ha esordito con il thriller Reviver. Il sussurro della morte, che presto diventerà un film. La serie tv Les Revenants, ideata da Fabrice 
Gobert e co-sceneggiata da Emmanuel Carrère, è andata in onda per la prima volta in Francia su Canal+ nel novembre 2012, registrando il record di un milione e mezzo di spettatori. Da allora, trasmessa in tutto il mondo (e in Italia da Sky Atlantic – nell’autunno 2015 andrà in onda la seconda, attesissima stagione), ha collezionato premi, dall’Emmy Award al Globe de Cristal, ed è stata paragonata a serie di culto come Twin Peaks o alle storie del King più classico. Il romanzo di Patrick segue da vicino le vicende di Camille, Adèle, Julie, Victor e tutti gli altri, approfondendo alcune delle storie o svelandone i retroscena, creando un romanzo avvincente, inquietante e perfetto per chiunque abbia voglia di una storia da leggere tutta d’un fiato, ma anche per chi ha amato la serie tv, i suoi personaggi, le sue atmosfere.

Nessun commento: