Recensione: "Sospiri nel buio" di Maya Banks

sabato 5 marzo 2016

 






---oOo---
 Sospiri
 nel buio
di Maya Banks
pagine 300 circa
prezzo 
ebook 4.99€
Leggereditore
già disponibile
voto:
★★★☆☆
--o--











La Serie "KGI – Kelly Group International" è composta da:
--
1. The darkest hour - L’ora della verità
2. No place to run - Nessuna via di fuga
3. Hidden away - Nascosti nell’ombra
4. Whispers in the dark - Sospiri nel buio
5 - Echoes at dawn - ancora inedito
5.5 - Softly at sunrise -  - ancora inedito
6 - Shades of gray - ancora inedito
7 - Forged in steel - ancora inedito
8 - After the storm - ancora inedito
9 - When day breaks - ancora inedito
10 – Darkest before dawn - ancora inedito

covero originale

È arrivata dal nulla, proprio nel momento in cui lui aveva più bisogno di lei… 
La voce di un angelo, un sospiro nel silenzio, l’unico appiglio a cui Nathan Kelly ha potuto aggrapparsi durante il periodo infinito della prigionia e delle torture, fino al giorno in cui è tornato a essere libero, pronto a ricominciare una nuova esistenza. 
Ma ora quella voce è scomparsa e lo ha lasciato a consumarsi nella solitudine, a rimettere assieme i pezzi della sua vita. 
A chi appartiene quella voce? 
È stata solo la sua immaginazione o là fuori c’è veramente qualcuno che lo chiama? 
Shea vive fuggendo da chi vuole sfruttare le capacità che la rendono unica. Non avrebbe mai voluto coinvolgere Nathan nei suoi problemi, ma non ha avuto scelta. 
Quando finalmente si ritrovano faccia a faccia, scoprono che il loro legame emozionale è molto più forte di quello telepatico. Nathan sente che non potrà più lasciarla andare, ma riuscirà a tenerla al sicuro dalla sua esistenza contrastata e pericolosa?




Considerazioni.
Questo quarto capitolo della serie KGI è una storia che ci conduce lontano, in una terra che ad oggi sentiamo essere un luogo brutale e difficile, parlo dell'Afganistan, dove la Banks colloca il suo eroe: Nathan Kelly.

Nathan è in condizioni a dir poco disperate: torturato e allo stremo sia a livello fisico che psicologico si estranea con la mente per non impazzire dal dolore e per sfuggire alle torture che lo portano vicino alla pazzia. Quest'ultima è l'ultima spiegazione che riesce a dare alla voce femminile che sente nella testa e gli intima di non lasciarsi andare, di non morire, di non abbattersi, cercare un punto fermo e combattere per sopravvivere. Il dolore rimane forte e difficile da combattere e Nathan all'inizio lotta con tutto se stesso contro quella voce alla quale, invece, sarebbe facile arrendersi ...

Ma Nathan non è pazzo, la voce che sente nella sua mente è davvero reale, e appartiene a Shea, una sensitiva che lo ha "percepito" e che ha colto il suo smarrimento e il pericolo in cui si trova.
Shea, comprendendo chi è, tra sussurri d'incoscienza, contatta i fratelli di Nathan che, al solito di questa serie, preparerano un piano per poterlo trarre in salvo.

Ovviamente riusciranno nell'intento e Nathan, una volta torntato a casa - anche se affetto dalla sidrome di stress post-traumatico che lo trascina lontano dal presente e dagli affetti che lo circondano - cercherà di trovare Shea, inizialmente nella sua mente e poi anche fisicamente. Questo perchè gli eventi precipitano al punto da imporre una ricerca vera e propria della ragazza che lo ha stregato anima e corpo (anche se non l'ha mai incontrata fisicamente) ... Shea, infatti, è in pericolo, ineguita da qualcuno che le vuole fare del male ... non resta che trovarla e salvarla ...

La prima cosa che mi è venuta in mente è il fatto che "Sospiri nel buio" avrebbe potuto essere un romanzo più maturo, per certi versi complesso (per via delle tematiche molto difficili che intendeva affrontare) e per questo condurre ad una empatia particolare e profonda i personaggi che la Banks ha creato.
Questa serie è stata, per me, davvero molto difficile da affrontare, in quanto se alcuni libri sono stati gradevoli, avventurosi, pieni di ritmo e dall'intrattenimento assicurato, per altro verso, altri romanzi sono stati un pò prolissi, senza particolare attrattiva. Proprio per queste ragioni non so mai quale tipologia mi troverò di fronte: quello avventuroso e piacevole o quello prolisso e poco avvincente.

Con "Sospiri nel buio" ho tratto un sospiro di sollievo perchè è un romanzo che certamente avrebbe saputo dare di più, ma che complessivamente risulta soddisfacente, coinvolgente.
Direte che sia cosa ovvia, data la notorietà della sua autrice, ma devo confessarvi che non sono una grande fan della Banks, la quale non è, a mio parere, del tutto costante in quanto a stile e profondità dei personaggi. Sebbene la Banks mi colpisca sempre per le trame che riesce a imbastire, non sempre mi piace per come espone le idee, soprattutto quando deve essere+ profonda o sensuale e romantica.

In questo romanzo, la Banks, che aveva tra le mani un personaggio maschile dal potenziale grandioso in termini di approfondimento psicologico e sensibilità, non spicca il volo e non riesce a rendere del tutto maturo, complesso, toccante e sfaccettato Nathan, tuttavia riesce, mescolando i generi e gli elementi che ha a disposizione, a coinvolgere nella storia grazie ad un' avventura senza respiro dal ritmo serrato con l'aggiunta di elementi inaspettati come quello (spiccato) paranormale, che l'autrice tende fino a farlo correrre sul filo del surreale (occhio se non vi piacciono queste estremizzazioni e commistioni di generi).

Il personaggio meno riuscito, sempre a mio gusto, è invece il personaggio di Shea, che sebbene sia particolare, interessante e piacevole, non mi ha particolarmente colpito e coinvolto come altri ... non saprei dirvi il perchè onestamente....

Devo infine avvertirti che a dispetto dei romanzi precedenti, che trovano una - tutto sommato - completa definizione di trama, "Sospiri nel buio"  lascia molto del filone narrativo suspance in sospeso ed in mano al capitolo successivo ...

Complessivamente dunque un romanzo che intrattiene proponendo anche spunti di riflessione non da poco e davvero attuali che fanno inevitabilmente pensare a quanto accade nel nostro tempo e non troppo lontano da noi ...




Maya Banks è il nom de plume di Sharon Long. Vive in Texas con il marito, tre figli e un assortimento di gatti. Oltre alla serie Romantic Suspense KGI, la Banks ha anche scritto storici e ha da poco pubblicato una serie erotica tradotta anche in italiano.

Nessun commento: