Recensione: "Grifo. L'eresia" di Isa Thiad

sabato 24 settembre 2016









---oOo---
Grifo
L'eresia
di Isa Thiad
pagine 192
prezzo 1.99€
solo ebook
Lettere Animate
già disponibile
--o--














Il
Re di Grifo è vecchio e stanco.
L’Ecclesia è corrotta e sempre più il popolo si volge alla nuova eresia che giunge dal nord. Irio dei Gastaldi, figlio cadetto del Re, brama il trono e complotta contro il fratello primogenito.

I
Figli degli Dei vogliono riconquistare il potere perduto. L’eretico Clodoveo Ventonero deve conquistare un regno alla sua fede.

Crono, Rea e Nineve, assoldati da Irio, muovono eventi che non comprendono appieno, parte pedine e parte giocatori, cercando di scrollarsi di dosso i dubbi e la morale.

grifo-la-mappa-del-regno
cartina del mondo di "Grifo - L'eresia"


Considerazioni.
Carissimi lettori, oggi vorrei parlarvi di un romanzo di un'autrice italiana che mi ha colpito per l'entusiasmo, la capacità di ricreare un Medioevo a cui solitamente faccio riferimento quando devo immaginarmi questa tipologia di ambientazioni fantasy e lo stile e la prosa dell'autrice che si è dimostrata capace sia di immergermi tanto nelle atmosfere del romanzo, che di incantarmi per descrizioni e caratterizzazione dei personaggi.

Tutto inizia con Evaldo da Nivefonti, ovvero il Vecchio Inquisitore, il quale assume il compito di istruire e preparare il principe cadetto Irio dei Gastaldi, scelto dal Concilium per mettere fine all'eresia dell'Ecclesia che giunge dal nord.
Al contempo anche Crono, un allievo dell'Ecclesia, appena uscito dallo Studium di Streio dove ha appreso le arti dell'incantamento, vede, in un giorno qualsiasi la sua vita cambiare radicalmente e improvvisamente per sempre. Non solo, infatti, Crono sa di possedere due delle capacità che insieme costituiscono cosa proibita da praticare, ma trova Evaldo, che gli domanda di accettare un'importante missione, che Crono non può che accettare ...

Un anno dopo questi avvenimenti ritroviamo i nostri due protagonisti al banchetto per i festagggimenti della principessa Rosi, dove vediamo come Crono e Irio siano diventata amici, e  constatatiamo che Irio ha affidato a Crono il compito di trovare una ragazzina di nome Linetta, con poteri curativi, e portarla in camera sua. Il compito sembra semplice, ma in realtà il semplice compito di portare da lui Linetta sarà solo l'inizio per una serie di avventure che porteranno i due protagonisti a confrontarsi con l'Eresia, che devono cercare di bloccare a tutti i costi ...

Come vi dicevo in apertura di recensione ho molto apprezzato questa storia, per diversi motivi. Innanzitutto mi ha colpito lo stile dell'autrice, davvero intenso sia per evocare descrizioni che rendere giustizia alla storia, al passato e ai sentimenti dei protagonisti, a cui si partecipa sia per emozioni che per empatia nelle loro intenzioni.
Ho anche apprezzato la ricostruzione medievaleggiante delle ambientazioni, che a mio avviso risulta davvero ben fatta, credibile ed evocativa che fa davvero piacere leggere.

Ci sono poi delle cose che mi sono trovata ad apprezzare meno, come il fatto che la storia risulti un po' macchinosa, almeno all'inizio, e risulti un po' complicato mettere insieme tutti gli elementi che la Thiad ci propone: i personaggi, la distinzione di coloro che sono i protagonisti positivi da quelli negativi, ecc... perchè l'autrice prendere tempo prospettandoci le situazioni e i personaggi per poi farci meglio comprendere le loro posizioni in un secondo momento, ma una volta ingranata la lettura diventa piacevole da seguire e avvincente da portare a termine.

Complessivamente mi sento di consigliare la lettura di questa storia a tutti coloro che amano il fantay, ma non solo, in quanto è una lettura da leggere anche semplicemente per il gusto di leggere un'avventura avvincente, piacevole e con stimoli sia a livello adrenalinico che mentale.


Isa Thiad ha una trantina d'anni e una laurea in filosofia, è nata in Romagna ma ha studiato a Torino, poi ha lavorato in Inhjilterra e ha fatto la volontaria in Spagna. Ama il fantasy e la fantascienza, ha un debole per i Russi dell'800, cura il blog Maledeta Tastiera e continua a cimentarsi in nuove sperimentazioni narrative.

2 commenti:

Isa Thid ha detto...

Grazie mille Endimione per questo spazio e la bella recensione! Sono molto felice che Grifo ti sia piaciuto :)
Buon blogging,
e.

Endimione Birches ha detto...

Figurati, grazie a te!!!!
xoxo
Endi