Recensione: "La cura del cuore" di Marry McNear

mercoledì 30 novembre 2016




Quest'oggi ho voluto condividere il nuovo romanzo (terzo di una serie di tetralogia), appena uscito per la casa editrice Leggereditore, della McNear. Per chi non la conoscesse è davvero una brava autrice che predilige le storie complesse, articolare, di sentimento, talvolta con tematiche dolorose e/o difficili.



 ...oOo...
La Cura
del Cuore
  
di Robin Hobb
pagine 300 circa
prezzo 14.90€
eBook 4.99€
Sperling and Kupfer
già disponibile
voto:
 ★★★★
 --o--


La serie "The Butternut Lake" è composta da:
(per visionare le recensioni dei romanzi precedenti cliccare sul titolo)
---
1. Up At Butternut Lake - I desideri nascosti del cuore
2. Butternut Summer - Le scelte della vita
2.5. The Night Before Christmas - non ancora pubblicato in Italia
3.  Moonlight on Butternut Lake  - La cura del cuore
4. The Space Between Sisters - non ancora pubblicato in Italia

Quando Mila Jones lascia Minneapolis alla volta di Butternut Lake, spera soltanto di ritrovare la serenità perduta e lasciarsi alle spalle un passato difficile. 
Non immagina che il destino la condurrà sulla strada di Reid Ford, segnato nel corpo e nello spirito da un grave incidente in seguito al quale ha allontanato da sé gli amici e gli affetti più cari. 
Mila accetta di lavorare per lui come assistente domiciliare, e se inizialmente è diffidente e spaventata di fronte a quell’uomo così pieno di rabbia, a poco a poco riesce a instaurare con lui un legame sempre più profondo, fatto di complicità e comprensione reciproca. 
Sullo sfondo incantevole di uno chalet immerso nei boschi che circondano il lago, Mila e Reid troveranno insieme la forza per affrontare un nuovo inizio, percorrendo fianco a fianco la via verso la guarigione. 
Fino a quando qualcosa non riemergerà dal passato, inesorabile e pericoloso, a minacciare la loro felicità...

 
Considerazioni.
Ed ecco che la Leggereditore, in tempi davvero molto brevi, pubblica anche il terzo romanzo di questa serie, che si è dimostrata molto varia nelle storie, nei personaggi e nelle tematiche.

Se nel primo romanzo, infatti, si parlava di una donna, che dopo la morte del marito (soldato in Afghanistan) cerca di ricostruirsi una vita a Butternut con il figlio piccolo; nel secondo libro la storia si sposta sulla vita di madre ed una figlia che trascorrono tutte le estati a Butternut, ma un'estate in particolare camberà le loro vite e le loro storie sentimentali; in questo terzo volume troviamo invece una giovane donna, con un passato difficile che cerca di nascondere in tutti i modi, la quale accetta di occuparsi, come assistente domiciliare, di un uomo che ha avuto un grave incidente d'auto e sta soffrendo tanto fisicamente, che moralmente.

"La cura del cuore" ci porta nella vita di Mila Jones, una ragazza di 25 anni, con un passato difficile, di cui mal volentieri parla (anzi, proprio nasconde), che la vedeva cresciuta da una madre costantemente ubriaca, la quale teneva più alla bottiglia che a lei, ed un padre che non ha mai conosciuto. Mila ha però avuto la fortuna di conoscere Heather, un'infermiera che lavorava presso l'infermeria della sua scuola, che le è stata a fianco e che le ha fatto capire l'importanza di aiutare gli altri e le ha trasmesso la passione per la medicina e l'assistenza, nonchè la cura, dei malati.

Mila, nella sua crescita, ha trovato molti ostacoli, che hanno limato e smussato la sua parte più vivace, spensierata e solare, diventando cupa, introversa, impaurita e sempre più terrorizzata dal futuro e dalle persone, di cui ha perso fiducia.

La incontriamo per la prima volta appena scesa dall'autobus che l'ha portata a Butternut, Minnesota, decisa a buttarsi tutto alle spalle ed incominciare una nuova vita.
Non sarà facile, però, adattarsi alla nuova vita, perchè se da un lato Butternut le offre una seconda possibilità, dei panorami bellissimi, che la lasciano sbalordita, il suo lavoro, che la porta ad assistere il burbero e per niente affatto facile Reid Ford, è subito reso difficile dal caratterino del suo nuovo paziente.

Odioso, insofferente e iracondo, Reid mal sopporta quanto l'incidente gli ha lasciato sulla pelle, nelle ossa e nella mente. Non sopporta più la staticità, l'inerzia, l'importenza e i ricordi che l'incidente gli hanno inciso nei muscoli e non vuol sentire parlare di aiuto e si assistenza per la sua nuova condizione, che non sa se possa o meno migliorare nel breve periodo ...

L'inizio, pur non essendo dei migliori, lascia il passo ad una forzata sopportazione, che muta in distaccata convivenza separando sempre più i due sia nel quotidiano vivere che nella solitudine dietro cui si trincerano per evitare di affontare il motivo per si sentono così frantumanti nell'animo.
Se da un lato vediamo infatti Reid trascorrere il suo tempo in una stanza buia, con niente da fare, senza parlare e riflettere ogni attimo del suo tempo sulla sua condizione, tra incubi e rimpainti, dall'altro vediamo Mila che mal sopporta di essere finita in un posto che non l'aiuto a ricostruire se stessa e sanare le sue ferite.

Ad un certo punto, per fortuna, scatta qualcosa dentro Reid, che vede in Mila una ragazza diversa dalle altre, chiusa, intimidita da tutto e pronta a nascondersi per sfuggire dagli occhi della gente, verso cui si sente di aprirsi per proteggerla da tutti, anche da se stessa.
Quando Reid si avvicina a Mila, senza la sua maschera burbera e difficile, qualcosa scatta anche in Mila che man mano si apre a quell'uomo che mostra le sue paure, le sue fragilità ed entrambi si affezionano l'un l'altro, provando qualcosa di più profondo dell'amicizia, scoprendo di possedere un legame speciale, tenero e necessario.

Non è facile davvero creare una storia che crei empatia verso i protagonisti (anche se non subito, per quanto riguarda Reid), per narrare una storia drammatica, ma molto romantica, che racconti di momenti difficili, di sentimenti profondi, ma anche di rinascita e di possibilità per se stessi.

E' una storia raccontata bene, che scivola via piacevolmente, senza troppe ripetizioni, che riesce a essere appassionante, sollevando questioni di rilievo, che portano il lettore a soffermarsi su determinate questioni delicate, ma interessanti. Ho apprezzato anche la storia di Mila e Reid, del loro passato e della loro caratterizzazione, non facile e ben riuscita.

Unica pecca del romanzo, motivo per il quale non ho potuto dare 5 stelline piene? Il fatto che sia davvero molto simile (nel grosso della linea narrativa) a quel capolavoro drammatico/romantica che è, e che è stato, "Prima di Te" di Jo Jo Moyes ...


Boundary Waters Canoe Area Wilderness - Minnesota:



...............................................................................................................................Mary McNear  
Vive a San Francisco con il marito, i due figli adolescenti e un minuscolo e irascibile cane bianco chiamato Maccaron. mary scrive le sue storie seduta al tavolo del negozio locale di bomboloni, mentre sorseggia una Pepsi Diet e osserva il via vai della gente che vive nel suo vicinato, cercando di resistere alla tentazione costante dei bomboloni appena sfornati. Basa i suoi libri su una vita di estati passate su un lago nel Midwest del nord.

Nessun commento: