mercoledì 30 novembre 2011


REVIEW:

                                                                     

I must confess.

I'm addicted to the English/American books (I was born in Italy). Why? Because I cannot stop to read them! Simple ... it seems more effective/efficacious, more attractive, it seems more "right" especially in regency age, which I love so much. Have you read Kleypas? Well, in English is better, it's more...WONDERFUL! I don't another level, another story, because it would be unfair, but it's like eating pizza in London, I hope you understand ... Comparisons aside, my reading recently led me  - last year - to some passionate reading ... in the beautiful world of ....steampunk (yeeeeeeeeeeeeeeeeeees!) and I find a new love! I LOOOOVE those books; I find them very "challenging" , fun and (also) pure escape-books. An interesting read was the saga of Gail Carriger called "The Parasol Protectorate", which recently has also been translated in Italy, by Dalai Editore and consisting of 5 volumes (final number as announced by the author): 

sabato 26 novembre 2011


TOMBA DI FAMIGLIA 
di KATARINA MAZETTI
RECENSIONE/REVIEW  


          




TRAMA:
 
La bibliotecaria Désirée e l' allevatore Benny sono innamorati ma non riescono a stare insieme perché troppo diversi nei gusti e nelle idee. Quando però il desiderio di maternità si fa pressante, lei sa che l'unico padre possibile del suo bambino non potrà che essere lui. Così si accordano nel provare ad avere un figlio, con la promessa di non rivedersi mai più se il tentativo non avrà buon esito. Ma quando il test di gravidanza si rivela negativo, la delusione è talmente grande che non possono fare a meno di ritentare, a prezzo di bugie e sotterfugi nei confronti di Anita, la cugina con cui Benny vive ormai da quasi un anno. Il secondo tentativo va in porto e, dopo qualche esitazione, Desirée vende il suo appartamento in città e va a vivere con Benny, facendo avanti e indietro dal lavoro. Tuttavia, con la nascita del bambino e la necessità di un aiuto in azienda, Desirée mette da parte i libri e s'impegna a diventare la perfetta moglie di un allevatore. Nonostante le buone intenzioni, però, seguire la fattoria, lavorare in biblioteca ed essere una buona madre non è affatto semplice e la vita diventa presto una lunga e sfiancante corsa a ostacoli che mette a dura prova la tenuta della giovane coppia. Riusciranno ancora una volta i sentimenti a sopravvivere alle fatiche della quotidianità?

ENGLISH REVIEW:

A brief note: "Familjegraven" is the sequel to "Benny & Shrimp" but you don't need to read the first book to read the second, because: frst, it'ss inherently legible; second, because the latter contains a brief summary in the opening that helps the reader with an overview ... so if read them both is preferred but not essential or required...When a few weeks ago, I've knew of this new book I jumped over the rooftop because finally I could read the next new adventures - and perhaps a worthy end - of the hilarious novel "Benny & Shrimp". Sweden literature has produced in recent years beautiful books  with  police and thrillers tones, so  I've join this little gem of reading romance, very bright and fun - so much that sometimes I've find myself laughing loudly in train! - That book revolves around the relationship (impossible?) between men / women from very different walks of life (in the first book) and the roles of wife / husband post - marriage (in seconds). Probably, though, that romance seems a story about the society (and instill it is) but above all it's a comedy, irreverent, funny and utterly realistic. But let's go step by step. In the first book "Benny & Shrimp" we met Desiree, called "tenderly" shrimp, sad-young-widow occasional frequenter of gray stone and bare of her deceased husband, as beautiful as inconsistent, struggling with a torn infatuation occurred in cemetery area with Benny, who was also visiting the "allegorical" tomb of his deceased parents. They both observed each other, approach, talk, don't (dis)like what they saw and both know that will never be suited for each other. They know it for the first time when they look their clothes: she is absolutely minimal and sloppy, his lonely, neglected and unmarried; then, by the discovery of the kind of work and the life they lead: she is a librarian cultured without any domestic practical; he is a farmer who cannot lives without a female presence / mother to take care of him! They know that, but they even knowy - inside - that they cannot stay away, cannot thinka life without each other. There's that fire under the embers that does not want to go out. They meet, they try to communicate, to make things go, but in the end they spit and he fall in the arms of the "convenient" and capable cousin Anita, which prepare meals and décor his home (but not exactly "warm" his bed) and she meet  an polite and reliable (but cold) man. In the and of this first  book we left our heroes at a crossroads: be together or not together? At last they decided to meet only to generate a child or to finally spit? Could not possibly end like this! In fact ... 
As all things, when we try to dominate an event in the end we were the victims. Our heroes, therefore, in the secon book, opt to meet each other wih only reproductive purposes, of course - so after various mishaps and misunderstandings generate their longed-for heir (you must read the point where she call Benny to tell him about the arrival of the baby). So what? So ... Although their are not able to stay away, they didn't even know how to be more close and make decision: who moves to stay with who? In the city apartment of super - minimalistic - emancipated woman who despite pregnancy, which wants to continue to maintain her economic independence and career, or in the rustic and empty (Anita has taken away ALL the furniture!) Benny breeding farm where are his milk cows? Also, once married - with not enviable proposal - it's hilarious to see how our two very different players assume the stereotypical roles of wife (she Intellectual doc, with a lot of ideals rooted and head in the clouds, almost convenience foods that don't cook) and he, the husband (peasant from the tip of the ears to the toes, hoping to get home, throw mud on your shoes and eat, no doubt to do than slam his fist on the table!). As well all know, then, are those rare families of "Mulino Bianco", so there are bills to pay, feedings, diapers, babycolic every three hours (overnight), mortgages, foreign rude boys, (other) ... pregnancies. unexpected accidents in the home, the excess of the monthly budget and the bill in red at the end of the month! In short, everything that normally happens. You must tell me, Why I must read a book that makes me collide with reality rather than escape? Because sometimes it's nice being in daily situations (right) and see the notes of these sardonic, as Mazetti incredibly manages to make us out! The book is really funny, not only confronts us with a couple in a very different expectations and way of being, but smiling at the sound of sarcasm and self-mocking highlights the profound differences, the perception of a lot different than the same situation have men and women. I've loved that every chapter is - alternatively - the point of view of Desireè and  Benny, allowing us to enter their minds. We find ourselves in the shoes of her - perhaps not entirely all - and then we see the re-reading him immensely different feeling than us have of the opposite sex , especially  in the little things: the relationship between his/ her friends, work, habits, hopes and demonstrations of affection. "Familjegraven" it's a novel that allows us to understand better how that there are hundreds / thousands differences that may divide women from men, lifestyle,  preferences and  foibles, and  there's something of profound and unexplained that binds us to our "he" thtat  always worthwhile (after of a lot of work on it!). 
Both books are very very nice, the right length not to tire or get bored, are simple, immediate, crisp, and Mazetti has a very cool style and chose a theme of a kind and nature which can be spontaneous, effective and witty. It 'a volcano of humor, you'll appreciate! Beautiful cover too! You must read it!!

I leave you with a question: Do you think marriage is the "family tomb" of love?


Mazetti official website:  
http://www.katarinamazetti.com/



RECENSIONE:

Breve annotazione: "Tomba di famiglia" è il seguito di "Il tizio della tomba accanto". Non occorre però aver letto il primo libro per leggere il secondo, da un lato perché è di per sé leggibilissimo, dall'altro perché quest'ultimo contiene nell'incipit un breve riassunto che aiuta il lettore con un quadro generale...quindi se li leggete entrambi è preferibile ma non essenziale o obbligatorio!

 Quando qualche settimana fa ho saputo della sua uscita ho esultato perché finalmente avrei potuto leggere la continuazione - e magari un degno finale - di quello spassosissimo romanzo che è stato "Il tizio della tomba accanto". A dispetto della letteratura dai toni più thriller e polizieschi che la Svezia ha prodotto in questi anni, infatti, si affianca questo gioiellino della lettura romance, molto brillante e divertente  -  tanto che a tratti ridevo sguaiatamente in treno! - che ruota intorno al rapporto (impossibile?) uomo/donna provenienti da estrazioni sociali molto differenti (nel primo libro) e rispetto ai ruoli moglie/marito post - matrimonio (nel secondo). Probabilmente, però, così tratteggiato vi sembrerà un racconto sulla società (ed infondo lo è) ma è soprattutto una commedia, irriverente, divertente e assolutamente realistica. Ma andiamo per gradi. Nel primo libro "Il tizio della tomba accanto" avevamo incontrato Desireè, chiamata "teneramente" Gamberetto, giovane-triste-vedova frequentatrice saltuaria della lapide grigia e spoglia del suo defunto marito, tanto bello quanto inconsistente,  alle prese con una combattuta infatuazione avvenuta in ambito cimiteriale con Benny, anche lui in visita alla “allegorica” tomba dei defunti genitori. I due si osservano, si avvicinano, si parlano, non si (s)piacciono e sanno entrambi che non saranno mai adatti l'uno per l'altro. Lo sanno dapprima dal modo di vestirsi: lei assolutamente minimalista e sciatta, lui solingo, trascurato e celibe;  poi dalla scoperta del tipo di lavoro e dalla vita che conducono: lei bibliotecaria colta priva di qualsiasi arte pratico/domestica; lui contadino che non riesce a vivere senza una presenza femminile/materna ad accudirlo! Lo sanno, ma nonostante ci provino non riescono a stare lontano, a non pensarci reciprocamente, c’è quel fuoco sotto le braci che non vuole proprio spegnersi. S’incontrano, ci provano a comunicare, a far andare le cose, ma si allontanano; lui trova la “comoda” capace cugina Anita che gli preparare i pasti e gli arreda la casa (ma non gli scalda propriamente il letto) e lei trova un uomo colto e affidabile (ma freddo). Li avevamo quindi lasciati ad un bivio: stare insieme o non stare insieme? Incontrarsi solo per generare un figlio o lasciarsi completamente? Ma andiamo non poteva assolutamente finire così!!! Infatti …
Come per tutte le cose, quando uno certa di dominare gli eventi alla fine ne resta vittima. I nostri eroi, dunque, nel secondo romanzo optano per il darsi degli appuntamenti – a scopo puramente riproduttivo s’intende – fino a quando tra varie disavventure e fraintendimenti generano il loro anelato erede (da leggere è la telefonata di lei a lui sull’arrivo del pargolo). E allora? E allora sebbene non riescano a rimanere lontani non sanno nemmeno decidere come stare vicini: chi va a stare da chi? Nell’appartamento in città superminimalista della donna emancipata che nonostante la gravidanza, stravoluta,  vuole continuare a mantenere la sua indipendenza economica e la carriera, o nella rustica e vuota (Anita ovviamente si è portata via l’arredamento!) fattoria dove Benny alleva mucche da latte? Inoltre, una volta sposati - e con una proposta di matrimonio che non definirei propriamente invidiabile - è spassosissimo vedere come i due nostri diversissimi protagonisti assumono gli stereotipati ruoli di moglie (lei intellettuale doc, con tanto di ideali radicati e testa tra le nuvole, praticamente non cucina che cibi precotti) e lui di marito (contadino dalla punta delle orecchie agli alluci, che spera di arrivare a casa, gettare le scarpe infangate e mangiare, senz’altro da fare che sbattere il pugno sul tavolo!). Come tutte ben sappiamo poi, raramente le famiglie sono quelle del Mulino Bianco, per cui ci sono bollette da pagare, poppate, pannolini, coliche del pupo ogni tre ore (di notte), mutui, garzoni stranieri maleducati, (altre) gravidanze …. inattese, incidenti domestici, lo sforamento del budget mensile e il conto in rosso a fine mese! Insomma tutto quello che normalmente ci accade. Voi mi direte, ma perché devo leggere un libro che mi fa scontrare con la realtà anziché evaderci? Perché ogni tanto è bello ritrovarsi in situazioni giornaliere (stra)note e vedere la parte sardonica di queste, come la Mazetti incredibilmente riesce a farci notare! Il libro fa veramente ridere, non solo ci mette di fronte una coppia diversissima in aspettative e modo di essere, ma sorridendo a suon di battute sarcastiche e autoironiche sottolinea le differenze profonde, la percezione molto differente che di una medesima situazione hanno uomini e donne. Mi è piaciuto moltissimo il fatto che il romanzo sia strutturato in modo tale che ogni capitolo sia il punto di vista alternato di Benny e di Desireè permettendoci di  entrare nella loro menti. Ci ritroviamo nei panni di lei - forse proprio non in tutto tutto - e poi ne vediamo la ri-lettura da parte di lui percependo quanto immensamente differenti noi e l’altro sesso possiamo essere anche - e soprattutto - nelle piccole cose: dal rapporto tra amici di lei e di lui, nel lavoro, nelle abitudini, nelle speranze e nelle dimostrazioni d’affetto. Tomba di famiglia è un romanzo che ci fa capire come nonostante ci siano centinaia e forse migliaia di differenze che possono dividerci da un uomo, dal suo stile di vita, dalle sue preferenze ed dalle sue manie, s’è esiste qualcosa di profondo ed inspiegabile che ci lega a lui vale sempre la pena di goderselo appieno, nonostante e soprattutto dovendoci lavorare molto su! Entrambi i libri sono molto molto piacevoli, della lunghezza giusta per non stancare, né annoiare, sono semplici, immediati, frizzanti; la Mazetti ha uno stile estremamente fresco ed ha scelto un genere ed un tema su cui le riesce naturale essere spontanea, efficace e  spiritosa. E’  un vulcano di umorismo, l’apprezzerete sicuramente!  Un plauso va non di meno alla Elliot che ha saputo valorizzare entrambi i romanzi, cogliendone lo spirito, con stupende copertine, che caldamente mi sento di consigliarvi.

Vi lascio con una domanda: Secondo voi il matrimonio è la “Tomba di famiglia” dell’amore?



Sito dell’autrice:

Pagina Elliot Editore (in questo periodo c'è il 20% di sconto su questo titolo): http://www.elliotedizioni.com/catalog/title/title_card.php?title_id=198

Endimione Birches

venerdì 25 novembre 2011

Art & Reality : Alyssa Monks


Ho conosciuto la produzione artistica (purtroppo non tutta) di Alyssa Monks per la prima volta ad una esposizione a NY. Non ero troppo entusiasta della cosa quando un'amico me lo propose, ma quando vidi le sue opere rimasi folgorata - quando vedrete quello e come dipinge sono sicura che lo capire anche voi del perchè.  Alyssa dipinge - prevalentemente - la figura umana immersa nell'acqua,  ad olio. Probabilmente una delle cose più difficili a questo mondo in ambito artistico, perchè? Perchè l'acqua deforma, muove e smuove il corpo, la figura umana ne rimane stravolta - il più delle volte, quasi deformata. L'acqua ha la proprietà di modellare le forme a suo piacimento, a suo casuale e imprecisato gusto, talvolta creando immaginifiche ed eteree immagini, altre volte buffe e sgraziate forme, ma anche vuoti e risacche a casaccio che da dipingere, credetemi, non è affatto facile. Pensate a quando guardate dall'alto un corpo immenso in una piscina (vestito e non). La prospettiva muta, le forme cambiano, si gonfiano, ingrandiscono e diminuiscono in alcune parti, creando un "tutto" molto particolare. Ha poco senso dunque definire la Monks solamente "brava" e "capace", perchè queste poche parole non le rendono giustizai. La Monks è un'artista superba, capace, duttile e meritevole di ogni lode che le è stata mossa.
Non mi credete?
Guardate qua:
 
I've  knew the artistic production (unfortunately not all) of Alyssa Monks for the first time at an exhibition in New York. I was not too excited about that when a friend suggested it to me, but when I saw his work I was struck by lightning - and when you see what she painted, I'm sure that you also understand why. Alyssa paints - mostly - the human figure submerged in water, with the oil. Probably one of the hardest things in this world in painting, why? Because water deforms, moves and budge the body, distorted human figure, which remains - most of the time, almost deformed. The water has the ability to model the shapes at will, in its random and unknown taste, sometimes creating imaginative and ethereal images, sometimes funny and awkward shapes, but also empty and undertows that random paint, believe me, it is not not easy. Think about when you look from an immense body in a pool (clothed or not). The perspective changes, the forms change, swell, enlarge and decrease in some parts, creating a "whole" very special. There's no sense, therefore, define the Monks only "good" and "capable", because these few words isn't fairly. The Monks are superb artist, capable, versatile and worthy of all praise that has been moved.
Do not believe me?
Check it out:


"Monks’ paintings explore the tension between abstraction and realism, using different filters to visually distort and disintegrate the body." 
"I dipinti della Monks esplorano la tensione tra astrazione e realismo, usando diversi filtri per distorcere visivamente e disintegrare il corpo".


In this shallow painted space, the subject is pushing against our real space. Strokes of thick paint in delicate color relationships are pushed and pulled to imitate glass, steam, water and flesh.  
In questo spazio poco profondo dipinto, il soggetto sta spingendo contro il nostro spazio reale. Colpi di vernice spessa nei rapporti colori delicati sono spinti e tirati da imitare vetro, vapore, acqua e carne.


 “When I began painting the human body, I was obsessed with it and needed to create as much realism as possible. I chased realism until it began to unravel and deconstruct itself” A. Monks
"Quando ho iniziato a dipingere il corpo umano, sono stata ossessionata da esso e il realismo necessario per ricrearlo il più possibile. Ho inseguito il realismo fino a quando non ha cominciato a svelare e decostruire se stesso " A. Monks.


Alyssa states, “Realism and Abstraction are in a symbiotic relationship – they need each other to exist and eventually become the same."
 Alyssa afferma," Realismo e astrazione si trovano in una relazione simbiotica - hanno bisogno l'uno dell'altro per esistere e alla fine diventano la stessa cosa ".



Indirizzi utili per conoscerla meglio:

Tutti i suoi dipinti classificati per anno:

giovedì 24 novembre 2011

Benvenuti!


"Ho deciso di aprire questo blog perchè amo i libri sopra ogni cosa. 
Amo le parole e il silenzio pesante che vibra tra di esse. 
Desidero parlarne e consigliarne, perchè con i libri, in fondo, conosciamo noi stessi.  
Ma è e sarà anche un blog di viaggi, di pensieri e parole in tutte le loro sfaccettature .
Venghino dunque signori, venghino nella "Bostonian Library" dove le parole non sono incise sulla pietra, ma vagano incerte nell'aere, ove gli accostamenti tra i libri sono improbabili ed incoerenti, come le persone ed i luoghi che li ispirano."