Recensione: "La diciottesima luna"di Kami Garcia e Margaret Stohl

giovedì 29 agosto 2013








 ---oOo---
 La diciottesima luna
                        di Kami Garcia e Margaret Stohl
Pagine  512
Prezzo 17€
 Mondadori
già disponibile
--o--







La "The Caster Chronicles" è così composta:

1.Beautiful Creatures - La sedicesima luna 2. Beautiful Darkness - La diciassettesima luna
3. Beautiful Chaos -  La diciottesima luna
4. Beautiful Redemption - La diciannovesima luna

Lena e io abbiamo superato le prove più dure, compresa quella di condividere persino l’intimità dei pensieri… senza quasi toccarci perché lei è una Maga e con un bacio potrebbe uccidermi. 
Beautiful Chaos (Caster Chr...
cover originale
 E adesso un nuovo presagio mi giunge sulle note spettrali di una canzone ombra: devo individuare l’Uno Che È Due prima che il mondo sprofondi nelle tenebre. 
 L’Uno che sarà sacrificato. 
In questa agghiacciante roulette russa, a chi toccherà la pallottola?  
Forse a Lena, sospesa tra i due mondi magici. Forse a John Breed, potente e patetico esperimento sovrannaturale su cui incombe la Diciottesima Luna. 
Oppure a me, che dopo essere stato strappato dalla morte ho un’anima fratturata tra i due regni.  
A ogni cupo rintocco dei giorni, il Male più nero allunga inesorabile la sua ombra: capirò in tempo come riunire ciò che non avrebbe mai dovuto essere diviso?




Considerazioni.
Altro giro altra corsa. Se pensavo di adagiarmi in una lettura scontata, dopo questa lettura ho cambiato idea. In effetti devo dire che nonostante le prime battute del romanzo, che non mi avevano colpito particolarmente, questa volta non pensavo che le autrici riuscissero a finire questo penultimo capitolo lasciandomi con il fiato sospeso, ed invce eccole pronte a farmi agguantare il quarto ed ultimo romanzo in men che non si dica. 

Come dicevo, inizialmente, il romanzo non mi è piaciuto un gran che. Mi sono detta, noooo Kami, Margaret, non ditemi che mi state per deludereeeeee!!!!! Ovviamente non è che io possa dire che le autrici si fossero messe a scrivere male, così all'improvviso, no, anche perchè non è vero, ma è come se avessero voluto allungare un pochino la storia, come capita ovviamente volendo fare 4 romanzi. No, non è scritto male, scorre veloce e ben scritto come sempre, però vengono introdotte e protratte delle situazioni e degli elemnti che non erano poi proprio così indispensabili per l'evoluzione della storia come le autrici tentano di farci credere.

Prima parte - tra caldo, cavallette e problemi di assestamento rispetto al libro precedente -  che conde ad una storia che si ribalta nuovamente su se stessa portandoci ad analizzare meglio non solo la coppia, più salda ed innamorata che mai Lena - Ethan, ma anche a spostare l'attenzione in particolar modo su Ethan e gli altri protagonisti che ruotano intorno alla coppia. Troviamo infatti Olivia e Macon, uniti a convivere per cercare di risolvere quanto attiene alla figura di John Breed; ma anche Link, il quale deve affontare il fatto di essere un Inkubus e l'amore che abita il suo cuore per una certa Ridley; trovaimo anche Marion, alle prese con un processo e Amma che si muove per grande parte del romanzo in modo anomalo. 



E mentre tutti questi personaggi di muovono sullo sfondo di un ambiente quasi gotico e surreale, Lena deve affrontare il ritrovamente di un cofanetto contente oggetti della madre, che aveva con sè al momento della reclamazione e che la turbano non poco; inoltre Ethan deve capire cosa significa quella canzoncina che lo tormenta in continuazione e che ripete, come una cantilena "L’Uno Che È Due".

 

Sebbene Ethan e Lena abbiano le loro personali lotte da combattere dovranno cercare di stare uniti e cercare di portare ordine al caos che è comparso in città insieme al caldo ed alle cavallette. La soluzione per riconquistare la calma e la serenità non è infatti nè semplice nè scontata è porterà al necessrio scacrificio di qualcuno per il bene sia del mondo magico, che dell’umanità.

Bello dunque, più nella seconda parte, dove tornano ad esserci meccaniche molto convulse, con molta azione e molte scoperte, rispetto ad una prima parte fin troppo calma e rilassata. Nel complesso finalmente incominciamo a mettere a posto qualche tassello di una storia che vedrà la fine solo con il prossimo romanzo, e che fino ad ora, a livello narrativo, è stata pressochè impeccabile. Sono molto soddisfatta dunque e non aspetto che il prossimo capitolo.

Consigliato!!!



Kami Garcia è un’insegnante part-time. È molto superstiziosa e possiede una montagna di amuleti. Ama i film catastrofici e potrebbe vivere di pizza e Diet Coke.

Margaret Stohl si è laureata a Stanford in Letteratura Inglese e ha lavorato per più di dieci anni come designer e sceneggiatrice di videogame. Entrambe vivono a Los Angeles, in California, con le loro famiglie.

Nessun commento: