Recensione: "Niente è più vero di una bugia" di Lucy Robinson

venerdì 21 giugno 2013

Lucy Robinson - Author, Blogger, Fearless Adventurer







---oOo---
Niente
è più vero di 
una bugia
di Lucy Robinson
Pagine 406
Prezzo 9,90 Euro
tre60
dal13 giugno 2013
--o--




Lucy Robinson's faithful Converse
Per anni Charley Lambert si è dedicata anima e corpo all’azienda per cui lavora: non solo è una work-addicted convinta, ma si è anche innamorata del suo capo.
Perciò, quando si rompe una gamba le crolla il mondo addosso: per la prima volta in vita sua è costretta a fermarsi, letteralmente. E, come colpo di grazia, scopre che il suo capo ha deciso di sposare un’altra donna.
A Passionate Love Affair with a Total Stranger
cover originale
Per non restare a piangere sul suo cuore spezzato e non impazzire di noia, Charley fonda la First Date Aid, una società che offre un servizio di ghost-writing per quanti muoiono dalla voglia di trovare l’amore su internet ma non hanno il tempo o il talento per scambiare messaggi online con gli aspiranti partner.
Charley non ha problemi a flirtare con perfetti sconosciuti per conto delle clienti, ma le cose si complicano quando viene ingaggiata da Shelley, una donna in carriera che le somiglia molto. Quando Shelley chiede a Charley di contattare William, la ragazza resta subito affascinata da questo dottore spiritoso e intrigante ma al tempo stesso profondo, che sembra penetrare le difese di Charley con una facilità estrema.
L’affinità immediata con William la spinge a dar sfogo a quelle che sono le questioni irrisolte della sua vita. E dalla comprensione all’amore il passo è breve. Da quel momento Charley è combattuta tra desiderio e senso del dovere: quando Shelley e William decidono finalmente di conoscersi, lei si presenta di nascosto all’appuntamento per spiarli.
Ma già a un primo sguardo, William non sembra l’uomo che ha conosciuto in rete... perché in realtà anche lui ha ingaggiato un ghost-writer per gestire il proprio profilo online! E questo ghost-writer non è nient’altri che Sam, il coinquilino sexy, rubacuori e inaffidabile di Charley. Superato lo choc della sorpresa, Charley si trova a un bivio: è mai possibile che il veroamore fosse proprio lì, sotto il suo naso?


           Considerazioni.

Bhè, come incominciare questa recensione?

No, vi spiego, perchè la storia implica un certo grado di difficoltà nell'essere comunicata a chi non l'ha ancora letta, non ci si è ancora immerso appieno.

No, non vi sto prendendo in giro e no, non avete letto male, no. Ho perfettamente compreso la trama:




- Charlotte si rompe una gamba
- Charlotte con il cuore a pezzi
- Charlotte che per uscire dal momento di depressione
decide di scrivere, novella Cyrano de Bergerac
lettere romantiche su commissione
- Charlotte che alla fine, dopo un pò di pasticci,
trova finalmente l'amore nel modo più inaspettato possibile

No, infatti, nulla di complicato, di difficile, ma è la freschezza con cui è stata scritta,  il modo in cui si pensa di aver compreso pienamente la storia, dove essa andrà a parere, che invece stupisce, che infine incanta.

Lucy Robinson - Author, Blogger, TV Producer

Ho proprio goduto pienamente di questo romanzo, verso il quale non avevo che una tiepida attesa - non so dirvi perché, a volte non ho stimolo verso alcuni romanzi - ed invece si è rivelata una storia sorprendente, gioiosa, brillante e spensierata.

Ho anche compreso come mai il romanzo in altri paesi sia andato così bene, perché sia piaciuto così trasversalmente a tante persone anche molto differenti tra loro.

Quello che mi è piaciuto sopra ogni altra cosa è sicuramente la protagonista, perché non è la solita adulta che ha le idee poco chiare e che per puro caso incontra la sua anima gemella perfetta e perfettamente idealizzata. No,Charlotte Lambert è una testona che riga dritto per la sua strada avendo bene in mente l'uomo perfetto, ed avendolo bene in mente sa che non lo incontrerà mai, perché è troppo perfetto quello che cerca, lo ha idealizzato troppo e nessuno può umanamente corrispondere a quello stinco di santo che la sua mente ha creato e il suo cuore ha imparato a volere. Ma nonostante tutto, lo incontrerà nel momento che meno se lo aspetto, nel momento in cui non può non pensare che a se stessa, bloccata a casa e con una gamba rotta a renderla forzatamente cosciente di quello che vuole e quello che invece (nulla) stringe per testardaggine e troppa fantasia.

Lucy Robinson writing her second novel in Argentina. Copyright Lucy Robinson.Bella anche la tematica per la quale si è sempre in tempo a riconoscere i propri errori ed i propri fallimenti e si è sempre in tempo per tornare indietro e riprendere in mano le redini delle nostre decisioni e dei nostri sogni, se proprio non si stanno a guardare gli uomini perfetti (che sono come le idee ... cioè impossibili per quanto si provi a trovarle).

Inoltre non guastano le tematiche recenti ed accattivanti che permettono di immedesimarcisi facilmente nella storia - mi sto riferendo a internet e alle chat -  e poi la personalità disinibita ma molto normale della protagonista, che non eccede  mai in dialoghi o azioni imbarazzanti che normalmente non faremmo.

Molto positiva anche la storia d'amore, perno  attorno al quale ruota l'intero romanzo, che non prevede il classico snodo narrativo di prendi-lascia-ritorna ed infine ama, ma pur muovendo da premesse semplici e basilari riesce a costruire una storia che sorprende ad ogni svolta, ad ogni decisione che da lettore si pensa di aver comprendo e intuito e che invece prende poi la strada per un proprio incredibile senso e piace e proprio per questo rimane nel cuore anche dopo aver letto il romanzo.

Quindi? Quindi mi è piaciuto molto, ho trovato carina la storia, belli i personaggi e particolarmente azzeccati i dialoghi che mi hanno preso e divertito.
Se amate le storie d'amore ma volete leggere qualcosa di un pò differente ecco a voi che questo romanzo penso faccia proprio al caso vostro!!



© Eva Bell Photography

Lucy Robinson ama descriversi così: scrittrice, blogger, impavida giramondo. Dopo la fine di una lunga relazione, non sapendo come uscirne ha tentato la strada di un appuntamento al buio via Internet. L’esperienza è stata talmente divertente, romantica e bizzarra che ha deciso di raccontarla in un blog, riscuotendo – post dopo post – un successo incredibile. In breve si è trovata così a collaborare con Marie Claire e con l’Huffington Post e, soprattutto, a pubblicare il suo primo libro. Vive a Londra con il suo nuovo fidanzato.

2 commenti:

Ludo ha detto...

Mi sono fatta ingannare dalla copertina!

Quando leggevo il titolo, A passionate love a ffair with a total stranger, mi ispirava talmente poco, che non leggevo affatto la sinossi sul retro della copertina.

Sinceramente questo romanzo continua a non ispirarmi, ma mi ero fatta un'idea totalmente diversa sulla trama, rispetto a quella che è davvero.

Il che mi fa riflettere su quanto mi faccia influenzare dal pacchetto. Non sono il tipo che compra un libro solo per la copertina, senza informarsi un minimio sulla trama, ma se la copertina non mi piace o il titolo non mi cattura positivamente, tendo a non guardarlo affatto.

Devo dire che preferisco il titolo dell'edizione italiana, ma non mi prende la copertina, quindi avrei lasciato a languire sullo scaffale anche questo, senza buttare l'occhio sul retro.

Endimione Birches ha detto...

Ciao Ludo!!

Concordo assolutamente con te quando dici che un libro debba - almeno per una buona dose - ispirarmi dalla copertina e dalla trama.
Ma credo anche che a volte questo metodo di scelta mi abbia "ingannato" fatalmente al punto da trovarmi, al momento della lettura, lontano mille miglia dalla trama che credavo di leggere.

Ho letto molti brutti romanzi con stupende copertine e trame potenzialmente brillanti, e questo romanzo inizialmente non mi ispirava, come credo non lo faccia per te, ma si è rivelto davvero migliore del previsto, per il genere in cui si colloca, e sono contenta di averlo letto perchè non si è rivelata la solita lettura banale e scontata.

Tuttavia, se non ti ispira assolutamente, come credo che sia, probabilmene è una lettura che non ti senti di affrontare e se anche lo facessi lo faresti magari senza affezione perdendoti le note positive e al diavolo lo spirito del romanzo ;P

Non tutti i libri devono essere letti, soprattutto se non ci ispirano, no?

Passa un buon sabato Ludo!!!!
un abbraccio
Endi