-------------------------------------

Recensione: "Il legame del drago" di Thea Harrison.

mercoledì 20 novembre 2013



 





 ---oOo---
Il legame del drago
di Thea Harrison
Prezzo 12.00 €
Pagine 400 
Fanucci
già disponibile
--o--






La Serie "Elder Races" è composta da:

1. Dragon Bound - Il legame del drago
2. Storm’s Heart - inedito
3. Serpent’s Kiss - inedito 
4. True Colors - inedito
 5. Oracle’s Moon - inedito
6. Natural Evil - inedito
 

Mezza umana e mezza wyr, l’antica e potentissima razza dei draghi, Pia ha sempre cercato di nascondere a tutti le sue origini. 
Ma un giorno il suo ex fidanzato scopre la sua capacità innata di aprire qualsiasi serratura e la costringe a commettere un furto. Non si tratta di un furto qualsiasi: le chiede di derubare un drago multimiliardario. 
cover originale
Pia riesce nella sua missione e ruba un penny dai suoi tesori, senza sapere che da quel momento in poi il suo sangue wyr tornerà a reclamare la sua parte. Prima ancora però, sarà il derubato a reclamare indietro la sua moneta, insieme alla ladra che ha osato sottrargliela. 
Lui è Dragos Cuelebre, nato insieme al sistema solare, predatore tra i predatori, il più temuto dei wyr. Ma quando riuscirà a catturare Pia, scoprirà segreti ed emozioni nuove, che lo uniranno a lei irreparabilmente come una forza ancestrale. 
Insieme affronteranno la minaccia dei fae oscuri e le difficoltà della trasformazione che sta avvenendo in Pia, che ora è pronta ad accettare la sua natura wyr. 
Un’esplosiva miscela di magia e romanticismo tra le fortezze dell’Altra Terra e i grattacieli di New York, un mondo popolato di creature maestose e affascinanti, in cui sarà un piacere perdersi.

 
Considerazioni.
Finalmente dopo tanti urban fantasy (UF) in cui speravo di ritrovare la scintilla e l'amore per l'UF dopo che lo avevo un po' perso per strada dai tempi della Ione e della Cole, ecco che finalmente ci pensa la Harrison a farmi tornare sui mie passi e ricredermi che il filone non avesse più molto da dire o che non mi incantasse a  sufficienza.

La Harrison crea un mondo fantasy adulto, non brutale o aggressivo (anche se c'è molta azione) ma usa termini, crea sistuazioni e personaggi, imposta dialoghi per persone adulte, finalmente, come possono essere quelli della Iono o Cole, per intenderci.

Inoltre, è questo mi è indubbiamnete piaciuto, la Harrison compie una scelta che ha fatto si che il suo romanzo - a differenza di quanto mi è successo per la Hunter e il suo "Skinwalker", che ho trovato pieno zeppo, ma davvero intriso di azione, non si ha un minuto intero di sosta - mi piacesse oltremodo: la Harrison ha ben bilanciato tutti gli elementi di un UF Romance, ed infatti qui troviamo si l'azione, ma anche l'intrigo, gli esseri fantasy, l'amore, la passione, il contrasto tra bene male/giusto e sbagliato, ma anche esseri  un po' differenti da quanto abbiamo letto fino adesso in ambito Adult Romance, come i draghi.

Infatti, il romanzo della Harrison parte proprio dal fatto che Pia Giovanni, una ragazza per metà umana e per metà wyr, Pia ha da sempre cercato di proteggere e nascondere la sua reale essenza, come le aveva insegnato la madre, per proteggersi e nascondersi, fondamentalmente, dal mondo soprannaturale.

Il piano funaziona fino a quando Pia non cede alla passione, ma dell'uomo sbagliato e si innamora di un cretino (nome scientifico di essere maschile ignobile) che la molla e la ricatta (conoscendo parte dei suoi poteri): se non ruba una cosa a un drago tutti sapranno dei suoi poteri. 
Pia esegue il furto, ma poi incastra il fidanzato con un incantesimo che non gli permette di rivelare a nessuno le sue facoltà. Tuttavia nessuno la protegge da Dragos Cuelebre, il drago millenario che ora insegue la ladra del suo penny (si sa che i draghi sono molto gelosi delle loro cose, tant'è che i draghi proteggono sempre qualcosa, notariamente).
Inizia così, tra sogni erotici, inseguimenti, passione e inganni, incidenti quasi mortali, un'avvenbtura molto più complicata di come potrebbe pensarsi ad un primo acchito e che implicherà la possibilità per Pia, di innamorarsi di un uomo decente (e dalla battuta pronta) e per Dragos, della scoperta di una possibile compagna per la sua lunga vita.

Vedete quindi come il mondo dei draghi entri ufficialmente nella lista dei libri da leggre. Si, Si. Ed anche in modo divertente, affascinante e molto prorompente. Qui oltre ad un'avventura molto intrigante, veloce, che si segue più che volentieri, ecco che troviamo due personaggi che fanno veramente la differenza e che troviamo intriganti, piacevoli, dai dialoghi efficacemnte giocati anche d'astuzia per mantenere vivo l'interesse del lettore.
Bella anche tutta la mitologia creata intorno a loro, attinente i draghi, le loro capacità, le loro regole, le mapper territoriali in cui si possono muovere, possono agire. Mi è piaciuto. 

Non mi aspettavo che potesse stupirmi tanto, non pensavo che i personaggi potessero prendermi tanto, soprattutto Dragos, che riscopre mano a mano la sua umanità, i suoi sentimenti, pian piano che viene a patti con Pia e con quello che prova per lei. Belli anche, non possibile non citarli, i personaggi che ruotano intorno ai protagonisti: Rune, Tricks, Tiago e Gray associati principalmente alle vicende più ironiche del romanzo vi piaceranno sicuramente!!.

Romanzo scevro di difetti? No, si sente che è  un primo romanzo e che la Harrison si deve ambientare essa stessa alle vicende, ai personaggi, alle situazioni. Infatti, a volte, Thea si perde per la strada qualche elemento (come ciò in cui si trasforma Pia o delle evoluzioni di Dragos) a volte poi si dilunga in certi punti, che avrebebro potuti essere ristretti in meno pagine e magari più efficacemente, ma devo dire che l'entusiasmo ripaga completamente tutto quanto la Harrison si fa sfuggire qua e la e la si perdona volentieri, concedendole il cuore e il portafoglio per i prossimi romanzi!!!

Se amate l'UF io vi consiglio spassionatamente questo romanzo!!
Consigliato!!




Thea Harrison è lo pseudonimo della scrittrice Teddy Harrison. Ha imparato a leggere da sola a quattro anni e ha scritto il suo primo romanzo a diciannove, con il nome di Amanda Carpenter. Ha conseguito due lauree e fatto mille mestieri dalla cameriera all’attivista per le associazioni di consumatori, da receptionist a manager, ma scrivere è l’unica cosa che per lei conta davvero. Ha vissuto a lungo in Inghilterra e ora vive in Colorado con i suoi cani, di piccola taglia ma dalla grande personalità. I suoi libri l’hanno portata in vetta alle classifiche del New York Times e di Usa Today e con Il legame del drago, primo volume del Ciclo delle Razze Antiche, ha vinto il RITA Award come miglior romanzo nella categoria paranormal romance.

2 commenti:

Ilenia T.D. Lemon ha detto...

L'unica cosa che mi frena con questo libro è il fatto che sia il primo di una serie così lunga.. E se dovessero non pubblcarla tutta?

Endimione Birches ha detto...

Ciao Ilenia!!!

Eh eh ... lo so! Stesso problema che ho io, ma alla fine, avendo protagonisti tutti diversi, ogni libro, lascia la scelta di quando smettere!! ;)
Buona serata!!

Endi