"Quella che noi chiamiamo rosa non perderebbe il suo profumo se avesse un altro nome"

martedì 6 maggio 2014

Ho scelto questa citazione di Shakespeare in quanto oggi voglio presentarvi un romanzo di cui ho sentito parlare in modo davvero un pò confuso in giro e siccome ho iniziato a leggerlo in originale vorrei cercare di fare un pò di chiarezza circa di contenuti di questa opera.

Vita dopo Vita
di Kate Atkinson

Seppur pubblicata dalla Nord (per cui si colloca bene, ma non proprio nel paranormale) non è infatti un libro che potrei essere concorde nel definire paranormal, in quanto ci sono - si - degli elementi, come dire, non del tutto reali o realizzabili, come morire più volte e poi avere la possibilità di tornare a vivere nuovamente, ma a parte ciò direi che la parte (se proprio vogliamo così definirla) fantastica del romanzo, qui si esaurisce per lasciare spazio e modo ad una narrazione complessa su temi fondamentali dell'esisteza come le guerre, la vita, la morte, il significato dell'esistenza durante le prove che la vita ci propone e ci fa affrontare, e via dicendo.

Volevo specificare il fatto che non vi troverete di fronte ad un romanzo Young Adult (New Adult, ecc...) con salti nel tempo, o NA vampiri, fantasmi, licantropi, e quant'altro, bensì un romanzo adulto, profondo, concreto, riflessivo, che ha la particolarità di avere una protagonista che a seguito della morte trova un rinascita, e proprio grazie a quest'ultima trova un significato, una riflessione ed un pensiero profondo sulle cose, sulle persone, sulle scelte che deve compirere e sulle situazioni che deve e può vivere.

Pochi istanti dopo essere venuta al mondo, il mio cuore ha smesso di battere.
A quattro anni, sono annegata nell’oceano.
A cinque anni, sono scivolata da un tetto coperto di ghiaccio.
A otto anni, ho preso l’influenza spagnola.  
Quattro volte.
A ventidue anni, mio marito mi ha spinto con violenza contro un tavolino, uccidendomi.
A trent’anni, sono morta durante un bombardamento tedesco su Londra.
E su di me cadevano le tenebre.
Ma ho sempre avuto un’altra possibilità.

 --o--

Miglior romanzo dell’anno per
The New York Times
The Guardian
Time
Barnes&Nobles
Waterstone

 --o--


Vincitore del
Costa Novel Award

Vincitore del
Goodreads Choice Award

Finalista al
Women’s Prize for Literary Fiction


 




 ---oOo---
Vita dopo vita
 di Kate Atkinson
pagine 544
prezzo 18€ circa
Nord editore
dal 22 maggio
--o--







In una gelida notte di febbraio del 1910,
a Londra nasce una bambina.
Il cordone ombelicale è stretto intorno al suo collo,
e nessuno riesce a salvarla.
cover originale
Il cordone ombelicale è stretto intorno al suo collo, ma il medico di famiglia, giunto proprio all’ultimo istante, lo taglia e permette alla piccola di respirare.
Inizia così la vita straordinaria di Ursula Todd, una vita che, nel corso degli anni, verrà spezzata più e più volte, mentre l’umanità si avvia inesorabilmente verso la tragedia della guerra.
Vita dopo vita, Ursula troverà la forza di cambiare il proprio destino, quello delle persone che incrocerà e quello del mondo intero?

Vita dopo vita è uno di quei rari e fortunati casi in cui il talento creativo e la qualità letteraria hanno saputo conquistare anche il grande pubblico.
Salutato dalla critica come un capolavoro destinato a rimanere nella storia della letteratura, questo romanzo è da mesi in testa alle classifiche inglesi e americane ed è stato eletto miglior romanzo dell’anno da alcune tra le più prestigiose testate giornalistiche del mondo.

 Potete vedere il book trailer del romanzo, qui:



Kate Atkinson è una delle più importanti scrittrici del panorama narrativo inglese e, nel 2011, è diventata Membro dell’Ordine dell’Impero Britannico per meriti letterari. Vive a Edimburgo.

4 commenti:

Barbara Barone ha detto...

Come sempre recensisci testi che trovo interessanti e che corro a comprare dal mio libraio di fiducia. (Ho una libreria sotto casa). Questo romanzo mi sembra molto interessante, sicuramente lo aggiungerò alla lista di quelli da leggere. Per adesso c'è la moglie dell'aviatore

Endimione Birches ha detto...

Ciao Barbara!!
Grazie ^ ^
A me questo "Vita dopo vita" ispira moltissimo ... visto anche l'eco internazionale che ha avuto sono curiosa di vedere se c'è quanto dicono!!!
La moglie dell'aviatore è un "pilastro" moderno a mio parere. Un pugno allo stomaco necessario per comprendere l'apoteosi della narrativa profonda e toccante.
Sono curiosa circa un tuo parere!!
Un abbraccio!!!!
Endi

cooksappe ha detto...

*_*!

Endimione Birches ha detto...

^ ^