Recensione: "Profumo di Meringa" di Kathryn Littlewood

lunedì 17 novembre 2014

---oOo---
Profumo
di Meringa
di Kathryn Littlewood
pagine 290
prezzo 17€
ebook 9.99€
Mondadori
già disponibile
voto: 
 4/5
--o--







La serie "Bliss" è omposta da:
--
2. A Dash of magic - Profumo di zucchero
3. Bite-Sized Magic - Profumo di meringa

(per leggere la recensione dei romanzi cliccate sul titolo)
 http://bostonianlibrary.blogspot.it/2014/05/recensione-profumo-di-cioccolato-di.html http://bostonianlibrary.blogspot.it/2014/05/recensione-profumo-di-zucchero-di.html
 
Con le fantastiche ricette che ha presentato al Campionato Mondiale di Pasticceria di Parigi, Rose ha sconfitto la perfida zia Lily e ha riconquistato il preziosissimo Magiricettario della famiglia Bliss. 
cover originale
Ma non basta. La pasticcera tredicenne è diventata così famosa che il potente signor Butter decide di assumerla alle Industrie Dolciarie Mostess, la sua multinazionale di merendine e snack. Grazie alla magia della giovane Bliss, Butter progetta di invadere il pianeta con i suoi dolcissimi, ipnotici Fluo-Ciok. 
Ben presto, però, Rose non sente più profumo di torta, ma puzza di bruciato, e insieme ai suoi fratelli, a Gus il gatto parlante e a Jacques il topo dall'accento francese decide di bloccare i piani di conquista dell'untuoso signor Butter.

 

Considerazioni.
Giunta (forse) all'ultimo capitolo di questa serie zuccerosissima, posso dite apertamente a voi lettori: "Cari, carissimi ospiti, visitatori accidentali o frequentatori abituali, del BL, mi sono proprio divertita, ed ho amato moltissimo leggere di questa amabile e godibilissima serie"!!

Dopo aver letto del primo capitolo, dove Rosemary doveva cavarsela da sola - dopo la partenza dei gentitori - nella pasticceria di famiglia insieme ai suoi fratelli, ed un secondo in cui aveva intrapreso un viaggio importante per portare a casa il Magiricettario di famiglia (vincendo anche il famoso Gala des Grands Gâteaux), sottrattole dalla zia Lily, siamo approdati all'ultima (ma non ne sono del tutto sicura visto la fine di questo terzo capitolo, che lascia un pò in sospeso in merito) avventura magica della famiglia Bliss.
In questo nuova capitolo, la storia, che inizia con desideri pericolosamente esauditi, coinvolge un nuovo cattivo: Butter, il quale rapisce Rose per realizzare un progetto grnadioso per la sua impresa Industrie Dolciarie Mostess, egli vuole infatti rifare i suoi snack dolci Fluo-Ciok con le ricette del male, irretendo in questo modo i consumatori per convertirli alla dipendenza dei suoi dolci. Rose, con l'aiuto dei fornai della Mostess, i suoi fratelli, le sue amiche e familiars (il gatto Gus in prima fila) produrrà i biscotti, ma anche e soprattutto l'antidoto per distruggere gli intenti dell'imprenditore malvagio.

Sebbene lo schema che la Littlewood ha creato nel primo romanzo venga riproposto ancora una volta: con la contrapposizione dei buoni contro i cattivi; la famiglia Bliss con tutti i suoi elementi (animali e familiars compresi) - anche se un pò pasticciona e presa spesso da piccoli litigi al proprio interno - che è sempre più unita contro quanto li attacca dall'esterno; Rose come protagonista principale, ecc... il romanzo procede con un buon ritmo, anche se nel complesso, sia per trama che per entusiasmo, è probabilmente il più debole della trilogia.

Anche se ho trovato sempre molto carini i dialoghi, i giochi di parole (che però in italiano un pò si perdono e sfumano), i siparietti di Rose con la sua famiglia, e soprattutto l'atmosfera confortevole, piacevole e zuccherosa ricreata per dare ristoro al lettore grande o picciono che si avvicini alle sue pagine; il romanzo ha il difetto di essere un pò più raffazzonato dei precenti, come se la Littlewood avesse dovuto scrivere per forza il romanzo conclusivo.  Il romanzo, che prende decisamente per l'entusiasmo, procedendo nel suo evolversi denota una trama decisamente più deboluccia, che se non dispiace diciamo che non esalta poi così tanto come nel passato.


Sarei inoltre in difetto, però, se non menzionassi il fatto che "Profumo di meringa" si riscatta benissimo con le tematiche che riesce a inserire - benissimo - anche in questo romanzo: la voglia di riscatto, di realizzare i proprio sogni, l'insoddisfazione di non riuscirci e per questo non deporre le armi, ma anzi, provarci ancora e con maggiore tenacia, dimostrando la tempra di cui si è capaci.

Oltre a ciò è stato piacevole leggere in un romanzo così leggero lo sforzo di far pervenire ai più giovani il messaggio della realizzazione personale mediante un mesterie che ci appartiene e rende felice, secondo me è un messaggio importate.

Ironico, piacevole, irresistibile come un cioccolatino che viene sfornato e poi proposto e che risulta irresistibile, che certo poteva essere sicuramente migliore, visto i precedenti, ma che lo rende una lettura che vi consiglio davvero tanto!!




Kathryn Littlewood Scrittrice e buongustaia, vive a New York, dove ci sono moltissime pasticcerie davvero straordinarie... ma non ne ha ancora trovata nessuna magica come la Bliss Bakery. 

4 commenti:

Ludo ha detto...

Endi, questa serie ha avuto un gran successo. Devo ammettere che a me attirano soprattutto le copertine... Mi fanno anche venir voglia di andarmi a bere una brownie hot chocolate o qualcosa di altrettanto allettante.

Endimione Birches ha detto...

Lascia stare. ... solo a leggerlo avrò preso almeno 3 kg ☺😀😁😂😃😄😆

Blog Expres ha detto...

Un libro...gustoso !!! Gnam Gnam :D ciao Maria

Endimione Birches ha detto...

s'impenna la glicemia cara Maria, con questo libro :)