-------------------------------------

Recensione: "Eclissi" di Francesco Mastinu

venerdì 6 settembre 2013






---oOo---
Eclissi
di Francesco Mastinu
Pagine 192
Prezzo 13,00€
Lettere animate
già disponibile
--o--








L’Eclissi è il buio, il mare silenzioso del dolore. Riccardo sa che si tratta del suo stato di sopravvivenza, per ovviare a quei ricordi che non osa riportare alla luce, ma a cui non può sfuggire.
Italia, giorni nostri: Riccardo e Alessandro, un incontro che si trasforma in un colpo di fulmine.
In un resoconto che dura dieci anni, Riccardo ripercorre la loro vita insieme, dall’innamoramento alla convivenza e ai compromessi dell’età adulta. Fra contrasti, l’assenza e il desiderio di riscatto, la loro storia verrà messa a dura prova.
Un percorso doloroso e toccante, nel quale Riccardo dovrà fare i conti con le illusioni e le scelte compiute, in un passato dove l’amore, a volte, rimane l’unica via possibile, ma che da sola non può bastare.
Un ritratto accorato, che ci insegna cosa significhi per due persone, ancora oggi, amarsi senza avere tutela del loro legame.

 

Considerazioni.
Romanzo particolare, in cui ho trovato tanto messaggi positivi e una visione d'insieme attrattiva, interessante e ben scritta quanto un protagonista che sebbene sdogani una storia che è bello leggere e veder raccontare, non mi ha particolarmente attratto nei suoi confronti, ma non per quello che è, un ragazzo omossessuale che cerca di trovare la propria strada nella vita e anche l'amore, quanto piuttosto il suo carattere, il suo atteggiamento passivo ed anche un pochino vittimista nei suoi confronti. Ma partiamo dall'inizio. 

La storia che proprone Eclissi - tra l'altro titolo azzaccatissimo che mi è molto piaciuto - ruota intorno all'esistenza di Riccardo - un ragazzo giovane che sta per laurearsi - la cui esistenza trascorre in una sorta di quieta disperazione, tra una famiglia tipicamente italiana che gli vuole un gran bene, ma in fondo non lo accetta pienamente per il suo orientamente sessuale e un rapporto amoroso, con Alessandro, più anziano di lui, che lo porta a comprendere l'amore vero, con la A maiuscola, tanto è vero che convivranno in pianta stabile, fino a che non si insinueranno le meccaniche quotidiane, abitudinarie ed anche conflittuali tra i due, che li portanno a conoscer il "lato oscuro" del matrimonio.

Nella mia mente il romanzo è scisso nella parte della trama, della storia e dei messaggi e le tematiche che Mastinu e poi i personaggi, che invece ho amato meno, uno in particolare. 

Se per i primi non ho assolutamente nulla da dire, perchè Mastinu ha sapientemente ben incanalato e porto all'attenzione del lettore in modo pragmatico, intelligente e anche molto interessante, perchè entriamo in un territorio di cui non si legge e non si scrive così spesso, per cui, poter leggere questa storia è stato interessante per diversi motivi - vuoi per i rapporti reali che a volte si devono affrontare e purgare in famiglia per essere e volere qualcosa di non socialmente approvato; vuoi per tutta una serie di argomenti che siamo abituati a leggere in una classica coppia uomo/donna, ma traslata tra due cuori affini anche se di sesso diverso - e mi è piaciuto.

Mi è piaciuto tutto questo, soprattutto il fatto che Mastinu mostri come le meccaniche m/m non siano poi così diverse da come si possano immaginare, di come l'amore nasca, si stabilizzi e a volte si evolva fino ad incrinarsi per poi risorgere sotto una nuova veste, come capita a chiunque.

La parte che mi è piaciuta meno attiene invece i personaggi, ed in particolar modo proprio il protagonista,  il suo carattere, il suo affrontare la vita e la sua concezione di fondo di un rapporto.
Non lo amato, ecco, forse non sono entrate bene nelle corde di questo personaggio, forse è troppo distante da me, non lo so, ma non mi ha fatto impazzire, anche se ho compreso ogni sua scelta e la ho accettata, perchè in fin dei conti, ho accettato di leggere la sua storia e non la mia.



Mastinu poi scrive molto bene, riesce a essere realistico, profondo, commovente e interessante, ma secondo me (ovviamente) dovrebbe lavorare maggiormente sui personaggi, sulla loro profondità da esternare, come fa invece molto bene quando ricrea il sentimento descritto all'esterno.

Come lettura, in conclusione, credo sia una valida lettura, piacevole, scritta bene e ben argomentata, soprattutto per comprendere meglio relazioni che crediamo essere molto differenti dalla nostra vicissitude personale, ma che poi, tanto differente, non è proprio.



Francesco Mastinu nasce in Sardegna nel 1980, dove attualmente vive e lavora, in campo sociale. Ha pubblicato alcuni racconti di vario genere in alcune antologie collettive e riviste online, tra i quali si ricordano: “Fango”, “Amore virtuale”, “Talkin’ about a revolution”, “Tre Motivi”,“Fiaba di Natale”, “La storia di Erik”,“Legione”. Dal 2011 collabora con il “Writer’s Dream”, uno dei principali portali web d’Italia che si occupa di scrittura, libri ed editoria. “Eclissi” è il suo romanzo d’esordio. Il suo blog: www.jfmastinu.wordpress.com

Nessun commento: