Recensione: "Il Conte di Glencrae" di Stephanie Laurens

mercoledì 29 ottobre 2014



--oOo--
Il Conte 
di Glencrae
  di Stephanie Laurens
Prezzo cartaceo € 10,00
ebook: € 4,99
Leggereditore 
già disponibile 
ebook/cartaceo
voto:
4/5
--o--






La serie "The Cynster Sisters Trilogy" * è composta da:

1. Viscount Breckenridge to the Rescue - ancora inedito
 2. In Pursuit of Miss Eliza Cynster - ancora inedito
3. The Capture of the Earl of Glencrae - Il Conte di Glencrae



* questa trilogia s'innesta nella lunghissima serie dei Cynster, composta attualmente da ben 22 romanzi, di questo sarebbe il diciottesimo.


cover originale
La caparbia Angelica Cynster è certa che riconoscerà a prima vista l’uomo destinato a diventare suo marito.
Quando i suoi occhi incontrano quelli di un misterioso nobiluomo, capisce senza ombra di dubbio che lui è quello giusto.
Ma presto il suo cuore batterà forte per il motivo sbagliato: la sua anima gemella in realtà ha deciso di rapirla.
L’uomo misterioso in verità è l’ottavo conte di Glencrae e non ha scelta, ha dovuto rapire Angelica, l’unica delle sorelle Cynster con cui non ha mai voluto invischiarsi.
Per salvare il suo castello e la sua famiglia, deve persuaderla ad aiutarlo... ed è pronto a chiederne la mano per siglare l’accordo!



Considerazioni.
Corposissimo romanzo questo di cui vi sto per nannare, che prende il nome de "Il Conte diGlencrae", il quale costituisce anche l'ultimo della trilogia dedicata alle sorelle Cynster (almeno di un ramo della foltissima famiglia).

Non fatevi però ingannare dal fatto d'essere inserito nella serie (lunghissima) dei Cynster, in quanto può benissimo essere letto separatamente dagli altri, con l'unica contro indicazione di non sapere bene a che punto della genealogia della famiglia Cynster si è finiti, ma non è una grossissima perdita.
Perdita che invece accuserere se non ascoltate quel lato romantico che palpita e sussulta quando vi dedicate lettura romantica, e se quindi non vi immergerete qualche ora in questo piacevolissimo romanzo.

Va bene, forse è un periodo buono, forse sono d'animo accondiscendente per queste letture romantiche che effettuano voli pindarici su cose che non avverrano mai, vuoi forse anche per alcuni aspetti positivi che ogni tanto il cosmo mi regala, ma che cosa posso farci ... ho apprezzato davvero qualche ora di immersione in questo universo creato dalla Laurens!

Innanzitutto la trama è stata davvero un pò differente dal solito incontro/scontro/colpo di fulmine che accade in questo genere di romanzi: qui lei, ad un ballo, s'innamora di lui e lo porta sul terrazzo per sedurlo; per contro lui la rapisce per motivi di famiglia che deve risolvere in Scozia con la madre arpia e livida di gelosia. Come vedete le premesse ci sono tutte ...

Anche se le rigorose regole sociali non sono rispettate appieno e quanto accade non sarebbe stato del tutto conforme o accettato in società (come poi avviene pienamente) devo dire che l'avventura intrapresa dalla protagonista, sia nel far capitolare l'eroe (che sembra non del tutto interessato, in quel senso, a lei) sia nel risolvergli i problemi finanziari e familiari, lo hanno reso uno spasso piacevole e confortevole con cui intrattenersi qualche ora. 
Piacevole più di ogni altra cosa è proprio come Angelica affronta il mondo e le insidie che le si parano innanzi, il suo modo spensierato ma impavido di vedere e far "aggiustare" le cose, come di chi è stata protetta, amata moltissimo, coccolata e non vede motivo per non gettarsi a capofitto nella risoluzione delle difficoltà, quasi come se la pena fosse nulla e il dolore un fattore collaterale non inserire nell'equazione che come risultata da amore.

Di converso lui è più ritroso, più introverso, meno propenso a esternare quello prova, ma è di un'onestà che ve lo farà amare subito, senza però cadere nella più turpe stupidaggine. E per questo mi è molto piaciuto.
Avrei forse evitato tutta la parentesi dedicata del parentato di lei che la cerca, ma per fortuna le parti che li riguardano sono molto piccole e si leggono molto velocemente senza lasciare traccia!

La Laurens ha una scrittura ormai rodata e fortissima sia come bilanciamento di elementi che come caratterizzazione dei personaggi, che sono perfetti nei loro pregi come per i loro difetti, nulla da proferire in merito.
Ovvio la propongo come lettura di svago, sempre di qualche pregevole lettura e come diletto ... ottimo esempio!

 

Stephanie Laurens è nata in Sri Lanka. Quando aveva soli cinque anni la sua famiglia si è trasferita a Melbourne, in Australia. Lì vive con il marito e le sue due figlie.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ho letto il libro perché trovo spesso utili le recensioni del blog. Purtroppo il libro non mi è piaciuto; ho fatto fatica a finirlo. Sono un'amante della kleypas e il suo commento in copertina mi convinta a prendere il libro ... ma sono rimasta delusa.

Endimione Birches ha detto...

Mi spiace tanto!!!! A me è piaciuto molto... certo è della Laurens, che è notevolmente più prolissa della Kleypas ma è brava a narrare e intrattenere... inoltre la trama mi aveva proprio preso!!! Ripeto mi spiace se i nostri gusti per questo romanzo non hanno collimato, cosa posso dire se non un banale "a volte capita"? Ti mando un caro saluto!!!
Endi