Recensione: "La mia vendetta con te" di Giovanna Roma

venerdì 25 settembre 2015

 


 ---oOo---
La mia 
vendetta
con te
di Giovanna Roma
Pagine 240 
Prezzo 0.99€
Autopubblicato 
già disponibile
--o--









La rovina di lei, potrebbe essere una salvezza per lui.
Perché difendere la figlia del peggior nemico?
La vendetta è a portata di mano ed è così dolce, giovane, perfetta per lui, per saziare la sua lussuria.
Elin crede di sapere come sarà la sua vita, peccato solo di non aver fatto i conti con ciò che è fuori dalla sua bolla felice. Incontrerà un uomo di nome Maksim, disposto a tutto per la sua vendetta ed entrerà a far parte delle più note organizzazioni criminali russe.
Le redini del gioco sfuggono di mano e gli equilibri che si erano creati saranno messi in discussione da passioni ed egoismi.
Riusciranno a capire di non essere più semplici avversari o verranno inghiottiti dagli interessi latenti della mafia russa?



Considerazioni.
Non vi foste ancora accorti delle novità in materia di storie romantiche/passionali/erotiche eccomi, oltre a recensirvi un romanzo di "nuova generazione" in materia, anche a farvi luce su un nuovo genere amoroso che in America sta prendendo piede già da qualche tempo.

Il genere in questione è il dark romance, che si caratterizza per avere al centro della storia una vicenda amorosa dalle tinte forti, a volte fortissime, che pescano nel torbido dei vari personaggi, che portano alla luce situazioni e argomenti molto spesso spinosi, scomodi, per cui vengono i brvidi solo a pensarci. Un esempio? In Italia è approfato recentemente il romanzo "I suoi occhi su di me" ("Raw" in lingua originale) in cui assistiamo all'innamoramento tra una donna con un passato non facile e lo stalker che la pedina; ma anche a "Ti appartengo" ("Indebit" in lingua originale) di Pepper Winters, dove una donna, a causa di un debito del padre, viene "presa in carico" dal suo nuovo proprietario, di cui poi si innamora. 

Spero, senza scendere troppo nel particolare, di avervi fatto comprendere a grandi linee il genere a cui appartiene anche "La mia vendetta con te" di Giovanna Roma, che insieme a Chiara Cilli, sono in qualche modo le esponenti al momento più conosciute del genere.

"La mia vendetta con te" ci racconta di Elin, una ragazza tutto sommato normale che vive tranquillamente in quel della Svizzera fino a quando un giorno un uomo, Maksim, entra nella casa in cui abita e la rapisce. Per vendetta. Dal quel momento in poi nulla nella vita di Elin sarà normale e tranquillo.
Violenza, brutalità, vendette, ricatti, morti e sesso al limite del consuale saranno il pane quotidiano di Elin, la quale vedtà la sua vita completamente distrutta e trasformata da un uomo di cui piano piano non potrà, a dispetto delle intenzioni e delle condizioni, non innamorarsi...

Guardando in giro alcuni commenti e pinioni di questo romanzo devo dire che mi avevano colpito in particolar modo i pareri negativi, alcuni decisamente feroci, che seppur non condivido nel modo, comprendo nella sostanza.
Il romanzo della Roma, è di forte impatto (e quindi fortemente sconsigliabile ad un pubblico sensibile alle scene di violenza psicologica e fisica) e con una trama che mi ha portata al limite della sopportazione, in certi punti, per la sottomissione psicologica - e la brutale dominzione fisica - a cui Elin viene sottoposta da Maksim. Certo però devo dire che lo stile è fluido, in grado di reggere la suspance e creare una certa tensione e portare avanti il lettore sino alla fine.

Come vi dicevo precedentemente è una storia che disturba, inevitabilmente, in quanto conduce a luoghi scuri, atmosfere cupe, a tematiche e comportamenti discutibili che subiamo anche da lettori, volenti o nolenti, nel corso della storia, e che incupiscono di riflesso l'animo per quanto sopportato, vissuto e raccontato dalla protagonista che non fa nulla per ribellarsi a Maksim. 
A prescindere dalle violenze e le sudditanze a vario livello quello che più mi sono trovata in difficoltà ad accettare è stata la non ribellione a quanto le succede da parte di Elin.

Occorreva una giustificazione alle azioni, una contro reazione forte fatta di piccole singole azioni. Non ho compreso profondamente Elin, e questo mi è dispiaciuto moltissimo, perchè sono dovuta scendere a patti con un romanzo che mi ha rappresentato bene il male, la prospettiva negativa rappresentata da Makim, ma non altrattando bene la possibilità, la vendetta e il riscatto di Elin, che infatti si risolve a qualcosa, che visto i precedenti non mi hanno soddisfatto del tuttto.

Tirando le conclusioni spicce di questa lettura posso tranquillamente dire che "La mia vendetta con te" non è un brutto romanzo, è una lettura che deve piacere innanzitutto per i presupposti, e quindi è in grado di stupire ed intrigare. 
Detto ciò però è importante sottolineare che esistono diverse tonalità di dark romance, e questo romanzo è uno dei più scuri e profondi che abbia provato. Non inizierei, infatti, con questo libro per iniziarmi a questo genere, in quanto è piuttosto forte e diretto (l'autrice non usa mezzi termini in descrizioni, situazioni, ecc... e questo potrebbe risultare decisamente disturbante) senza contare che è un romanzo che si focalizza più su certe esperienze che su approfondimenti psicologici e conseguenze di questi ultimi.

Non credo che sia un romanzo da massacrare su tutta la linea, come credo sia stato fatto, in quanto ho letto romanzi in cui viene detto e fatto di peggio, tuttavia credo anche che sarebbe potuto essere un romanzo più accessibile a maggiori lettori con un livello di violenza e scene sessuali meno forti e talvolta, almeno a mio gusto, piuttosto disturbanti.



Giovanna Roma dice di sè "Sono nata e cresciuta in Italia e viaggiato sin da bambina. I generi che leggo spaziano tra thriller, psicologia, erotico e dark romance. Anche quando un autore non mi convince, concedo sempre una seconda possibilità, leggendo un altro suo libro. “La mia vendetta con te” è il mio primo romanzo ed è auto-pubblicato."

Nessun commento: