Recensione: "Sconosciuti" di Megan Hart

venerdì 21 novembre 2014

 
---oOo---
  Sconosciuti
di Megan Hart
Pagine 400 circa
Prezzo € 12,90
Ebook € 6,99 
  Harlequin Mondadori  
già disponibile
voto:
 4/5
--o--











Il sesso a volte può essere una fuga, un mezzo per creare una realtà parallela, dove sentirsi vivi e smettere di pensare.  
E' ciò che crede Stella che, ogni tanto nel fine settimana, prende un aereo e parte per una destinazione qualsiasi. Non importa quale, perché lei non è interessata a visitare questa o quella città, il suo obiettivo è un altro. 
cover originale
Si ferma al bar dell'aeroporto e lì abborda uno sconosciuto per una notte di sesso anonimo e senza legami. Le sembra questo l'unico modo per alleggerire la tensione e le preoccupazioni della vita quotidiana. 
Finché un giorno, volando a Chicago per lavoro, incontra Matthew, un ex pilota, che entra nella sua vita in maniera inaspettata. Stella infatti, per la prima volta da tantissimo tempo, è realmente attratta da lui, tanto da smettere di fingere e dargli il suo vero nome. 
Il sesso tra loro è esplosivo e si crea un'intimità intensa e nuova per entrambi. Ma le cose non sono semplici come possono sembrare. Stella e Matthew, infatti, hanno un passato difficile con cui fare i conti e sentimenti con cui riconciliarsi.  
Un romanzo intenso, che mostra come anche dal dolore più profondo si possa guarire.


Considerazioni.
Megan Hart, da un paio di romanzi a questa parte (almeno per quelli che sono stati pubblicati dalla Harlequin Mondadori) mostra una maggiore volontà di riflessione, una maturazione maggiore su certe argomentazioni e piuttosto che puntare su una narrazione ricca di eventi e prolifica di situazioni in cui muovere i suoi personaggi, ci narra una storia che si prospetta più intensa, complessa, più puntuale dal punto di vista emotivo e focalizzata sul risvolto emotivo e profondo dei suoi personaggi, pur non scostandosi dal suo genere principe, l'erotico.

In "Sconosciuti" non troverete dunque una storia ricca di eventi, e non rileverà nel vostro animo nemmeno dal punto di vista dell'originalità, ma come sempre, invece, troverete quel qualcosa che attrae, affascina e conduce facilmente all'immedesimazione nella storia di Stella. Troverete una complessa struttura narrativa volta a indagare la nascita e poi il rafforzamento di una coppia. In particolare troverete la storia di una donna, la quale è separata - con un passato piuttosto difficile con il quale non ha fatto del tutto pace  - e che vive con il figlio, che trovandosi in piena crisi adolescenziale, non le sta facendo passare un momento memorabile ...
L'unico momento di libertà ed evasione che concede a se stessa è costituita da prendere un volo, nel week end, partire per una città - tutte le volte diversa - travestirsi, camuffare se stessa e incontrare un uomo  sconosciuto semore diverso che possa cancellare la solitudine della pelle e con cui perdersi per un notte. 

Stella non cerca una storia seria, un rapporto stabile con un uomo, fondamentalmente non ci crede più, ne ha terrore, non crede nella possibilità che da esso possa nascere serenità e pace e per questo non vuole le complicazioni che implica una relazione duratura e seria sul lungo periodo.

Un un week end particolare darà però il via ad uno stravolgimento di questa routine consolidata, stravolgimento che prende il nome di Matthew e che le farà dapprima rinunciare alla regola di "una notte e basta" e successivamente le farà desiderare sempre qualcosina di più: una sera intera con lui, poi una giornata intera, poi intimità anche solo costituita dalla compartecipazione di silenzi e magari un periodo di tempo indefinito da spartire con qualcuno.

Questa volta, con questo romanzo, la Hart si spinge più in là, lasciandosi alle spalle l'incontro e la formazione della coppia e soffermandosi sulla possibilità di una nuova vita nel momento in cui tra due persone nasce un sentimento e si decide di proseguire insieme come coppia, come una nuova famiglia, pur avendo alle spalle una vecchia vita, molto presente, incancellabile e che si deve per forza far collimare con quella nuova. Le difficoltà sono molte, il senso di colpa dietro l'angolo, le frustrazioni pronte a saltare fuori in ogni momento, senza dimenticare che ci sono i sentimenti che tagliano come il coltello le intenzioni e parlano di perdita, di dolore, di fame di affetto ...

L'unico momento di pace e tranquillità, l'isola in mezzo al deserto, per Matthew e Stella, è proprio quella in cui si concedono l'uno all'altra e si perdono nel sesso, cancellando l'uno i confini dell'altro.
Questo "Sconosciuti" mi è piaciuto soprattutto per il fatto di non poter prevedere ove la Hart potesse condurre la storia, visto i personaggi, il loro passato, le loro intenzioni e la situazione problematica che si proponeva loro. E' una realtà presente, che si vede e in cui si trovano molto coppie. La storia che la Hart riporta qui ha poco di finzione, essendo più momento di riflessione di quelle situazioni difficili e particolari che realmente si riscontrano nella realtà e che sebbene abbiano un finale positivo, quest'ultimo porta con sè anche quell'amarezza che la vita quotidiana, con le relative problematiche, porta con sè.

La Hart è brava, conduce il lettore per questa storia agrodolce con malizia, erotismo e fascino stemperandola con il dolore, la fatica in cui si deve affrontare un rapporto di coppia. Il messaggio di fondo è questo infatti, la fatica a cui si deve andare incontro nel momento in cui si decide di vivere e rapportarsi con un'altra persona. E' un lavoro difficile, duro, impegnativo che mal si conciglia con quanto ci sussuranno le favole e ci dice in primo acchito la passione e il desiderio. L'amore è fatica sommersa, impegno costante e occorre lavorare sodo per coltivarlo.

Non è un romanzo per cuori romantici, sognatori, ma un romanzo per coloro che si vogliono impegolare in un amore inaspettato, cresciuto faticosamente, portato avanti con problematiche importanti (ex, figli, dolori, traumi, ecc...), non di facile risoluzione, ma con la determinazione e consapevolezza, nonchè duro lavoro e voglia, nonstante tutto, di rimanere insieme.


Megan Hart, maestra in ogni genere letterario, ama scrivere storie che spaziano dal romantico all'erotico per arrivare al suspense. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti dalla critica e riscontra allo stesso tempo un grande successo di pubblico. In Italia ha già conquistato le amanti del genere erotico, vendendo oltre 50 mila copie con altri romanzi firmati Harlequin Mondadori. A gennaio esce in hardcover in libreria con Fondente come il cioccolato.

Nessun commento: