Recensione: "Il Giardiniere del Re" di Philippa Gregory

lunedì 25 luglio 2016







---oOo---
Il
Giardiniere
del Re
di Philippa Gregory
pagine 500 circa
prezzo 19.90€
ebook 9.99€
Sperling and Kupfer
già disponibile
voto:
 ★★
--o--









 La serie " Tradescant" è composta da:
--
1. Earthly Joys - Il Giardiniere del Re
2. Virgin Earth - Il Giardiniere del Nuovo Mondo (già disponibile)
--
Viaggiatore instancabile, primo architetto di giardini, raffinato conoscitore della natura, leale confidente di nobili e reali d'Inghilterra nel secolo delle grandi scoperte, il Seicento. Tutto questo e qualcosa di più è John Tradescant. 
Eppure era nato in una famiglia di umili origini, che solo il suo straordinario talento, e la sua proverbiale discrezione, avevano fatto dimenticare.
Tanto da farlo diventare il giardiniere del re, e soprattutto l'affidabile e silenzioso depositario dei più reconditi segreti della corte di
Carlo I.
 
Compresi quelli che riguardavano l'impareggiabile Duca di Buckingham, l'uomo più potente – e controverso – di tutto il Paese. 
Circondato dal lusso e dalla ricchezza, dall'amore della moglie e dei figli, dall'amicizia dei potenti, il giardiniere reale non poteva certo aspettarsi che la Storia lo avrebbe travolto insieme a chi lo aveva protetto. Ma il popolo può essere feroce contro chi considera un usurpatore, e l'esistenza idilliaca di Tradescant fu sconvolta da una sanguinosa guerra civile. 
John si trovò all'improvviso dalla parte sbagliata delle barricate. 
E dovette fare la scelta più difficile della sua vita. 
Con il suo Giardiniere del re, primo volume di un dittico travolgente, Philippa Gregory ridà corpo a uno degli uomini più affascinanti dei suoi romanzi: geniale e avventuroso, John Tradescant vive in equilibrio fra una natura che domina con passione e il lusso sfrenato e decadente di una corte dal destino segnato.



Considerazioni.
Ecco la mia ultima settimana di recensioni (che vi avverto farò a pioggia) prima iniziare finalmente le agognare vacanze estive e lasciarvi per ritrovarvi poi a settembre.
 --
Prima di lasciarvi a spiagge assolate, a gioni pieni di sole di mare/montagna/pianura/collina, ho pensato di proporvi, per tutta la settimana, giorno per giorno, tutta una serie di romanzi che sono appena usciti e che potrebbero ben intrattenervi per le vostre vacanze, ovunque esse siano.
--
Per questo lunedi dell'ultima settimana di luglio, ho pensato di proporvi un romanzo storico che ha tutte le premesse e le carte in regola per attrarre coloro di voi che amano i romanzi che portano indietro nel tempo e scoprono personaggi storici che non abbiamo mai sentito nominare, ho sentito ma mai approfondito, e che riportano una storia che supera la fantasia.
 --
Philippa Gregory ci narra infatti di John Tradescant, un botanico/naturalista - all'epoca della morte della regina Elisabetta I - il quale amava, non solo a livello accademico, il mondo vegetale, ma amava giocare con le componsizioni e la sistemazioni delle piante, crendo giardini stupendi e degni di un giardino reale. John Tradescant, per conoscere, studiare e viaggiare per il mondo è spesso a contatto con politici e con la politica e proprio questo è il lato che meno gli interessa e lo tocca, ma con cui dovrà comuqnue confrontarsi, volente o nolente ...


--

"Il Giardiniere del Re" è stata una storia estremamente interessante, piacevole, affascinante ed anche molto istruttiva, perchè ha saputo coinvolgermi con una trama particolare laquale miha condotto ad un argomento di cui onestamente sapevo poco e che invece mi ha stupito per la bellezza a cui mi ha portato, alla richezza di tipologie botaniche che mi ha fatto conoscere (senza essere logorroica ed eccessivamente tecnica), alla passione viscerale per un mondo che credevo più sterile di quanto pensassi (e che invece non è), nonchè per avermi fatto conoscere il passato di un mestiere che all'epoca era davvero complesso, difficile, pericoloso e periglioso.
 --
Ho inoltre apprezzato la Gregory per aver scelto una tematica diversa, che si allontanasse un pochino dai Tudor & Co. (non che mi lamenti, li amo tutti i suoi romanzi) in quanto è difficile da narrare senza incappare in errori come la ridondanza di termini, il poco spessore dei personaggi e una storia piatta per via del troppo tecnicismo. Invece, forse grazie anche un'incredibile esperienza e un'innata propensione a gestire trame complesse, la Gregory ha portato alla luce la storia di Tradescant conferendogli fascino e mistero, bellezza e grazia, svelandone luci ed ombre, amori e conflitti, non nascondendo le parti più brutali e complessa ma svelando anche bei momenti felici e intensi.
--
"Il Giardiniere del Re" è un romanzo che mi è rimasto molto impresso sia per la storia, che non mi aspettavo mi piacesse tanto, sia per la figura di Tradescant, che risulta essere più moderno di quanto pensassi con i suoi modi rilassati, sicuri ma spigliati, in generale poco incline a seguire le mode del momento, i vezzi della società a cui era costretto ad unirsi per ovvi motivi, disposto a cambiare a secondo della situazione, del momento e all'ambiente in cui doveva muoversi. Non solo, ma Tradescant è affscinante anche per il suo passato, il suo carattere, il suo modo di reagire tanto alle difficoltà quanto di gioire a qualcosa che lo rende felice e soddisfatto.
--
Insomma, vi consiglio di leggere questo romanzo perchè ne vale proprio la pena e alla fine della lettura vi troverete ad amare profondamente tanto la storia che i personaggi che si muovono sullo sfondo della trama che la Gregory ha romanzato per voi. Davvero molto, ma molto carino.




 ---o---

E se questo romanzo vi interessa, vi farà piacere sapere che è già disponibile il seguito:


 

---oOo---
Il
Giardino
del Nuovo
Mondo
di Philippa Gregory
pagine 480 circa
prezzo 19.90€
ebook 9.99€
Sperling and Kupfer
già disponibile
--o--




Mentre l'Inghilterra scende in guerra civile, il giovane John Tradescant, giardiniere di re Carlo I, trova la sua lealtà nella questione. Il suo status accresce il pericolo per la sua famiglia. Temendo la sconfitta reale e determinato a evitare di servire i ribelli, John sfugge nella colonia monarchica della Virginia, una terra piena di fertilità che smuove la sua passione per la botanica. Solo i popoli nativi americani capiscono la foresta, e John è attratto dal loro modo di vivere non appena essi entrano in conflitto fatale con i coloni. Diviso tra la sua lealtà al suo paese, la famiglia e il suo amore per una ragazza Powhatan, che incarna la libertà che cerca, John deve ritrovare se stesso prima di essere pronto a scegliere la sua direzione nella terra vergine.

Philippa Gregory, scrittrice e giornalista radiotelevisiva, si è laureata in Letteratura all'Università di Edimburgo. Tra i suoi libri spiccano numerosi romanzi storici di grande successo internazionale. Vive con la famiglia nel Nord dell'Inghilterra. Il suo sito è: www.philippagregory.com


Nessun commento: