☆ I POST PIU' RECENTI DEL BOSTONIAN LIBRARY ☆
Il meglio ... scelto per voi!

martedì 21 febbraio 2012


       Fireplace moment. What read this month?

                  Momenti davanti al caminetto.


                        Cosa leggere questo mese?






I segreti di Sible Pelden 22.02.12
COLD COMFORT FARM 

Una giovane vedova bella e povera (e un po’ sciocca), un giovane uomo bello e ricco (e un po’ sciocco), due cognate zitelle ma imprevedibili, dei suoceri insopportabili e meschini.
Cenerentola secondo Stella Gibbons!


Viola, giovane commessa senza futuro, accetta di sposare il noioso Theodore, il quale tuttavia è così opportuno da morire di polmonite poco dopo le nozze. Senza un soldo Viola, ventunenne, è costretta ad andare a vivere in campagna con la famiglia di lui: l’orrendo signor Wither, ossessionato dai soldi, la sbiadita signora Wither, che disapprova chiunque non sia serioso e insignificante, e le cognate che hanno da tempo superato la trentina - la rigida Madge, tutta sport e cani, e la nevrotica Tina che ha tentato molte carriere senza riuscire in nessuna. L’allegra compagnia vive a Le Aquile, una casa fredda e respingente. Dall’altra parte del bosco vive Victor, il classico Principe Azzurro e Viola, naturalmente, s’innamora di lui, sognando un ballo, un matrimonio fastoso…

 Dal sito dell'Astoria Editore: "Dalla prima riga del romanzo, scritto nel 1938, il lettore si trova di fronte a una di quelle storie, meravigliosamente divertenti e aspramente ironiche, che ci regalano uno sguardo non molto lusinghiero sulla gente e la società. Stella Gibbons, rielaborando la favola di Cenerentola, fino all’ultimo ci fa credere all’esito classico e un po’ scontato della storia di un personaggio per poi portarlo su strade del tutto inattese, mostrando l’assoluta imprevedibilità dell’esistenza".



 Life is not quite a fairytale for poor Viola. Left penniless, the young widow is forced to live with her late husband's family in a joyless old house. There's Mr Wither, a tyrannical old miser, Mrs Wither, who thinks Viola is just a common shop girl, and two unlovely sisters-in-law, one of whom is in love with the chauffeur. Only the prospect of the charity ball can raise Viola's spirits - especially as Victor Spring, the local prince charming, will be there. But Victor's intentions towards our Cinderella are, in short, not quite honourable ...

Except from http://robinmckinleysblog.com 


"Viola Thompson is a shop girl with no prospects and, having no prospects, somewhat reluctantly accepts the proposal of a dull young man named Theodore Wither, because she is not likely to have any others. Theodore, however, is so convenient, or inconvenient, as to die after a year of marriage; and Viola goes to live with her in-laws: the appalling Mr Wither, the watery Mrs Wither, the jolly-hockey-sticks Madge and the neurotic Tina in a dire, frigid, over-furnished house marooned in a bit of Essex countryside. Viola is soon lonelier and more miserable than she can comprehend; and with nothing to look forward to, and nothing to think about except the one other large house in the area, where an extremely wealthy and rather handsome young man named Victor Spring lives with his mother and his cousin, gives flashy and dashing house parties, and is the romantic fantasy of every shop girl in Sible Pelden and Chesterbourne. This is not exclusively Viola’s story; Tina, although she has ‘kept her brain exercised by reading heavyish books, which might not always be truly wise but at least were not those meringues of the intellect . . . novels’, is in love with the chauffeur, who is twelve years younger than she is and has a drunken washerwoman for a mother, but is very good-looking: ‘. . . They saw him walk past the window on his afternoon off, wearing a grey suit in which he looked as beautiful as he did in his dark uniform (differing therein from many chauffeurs, whose appearance when in mufti suggests that of escaped convicts).’ And Victor Spring’s cousin, a young woman named Hetty, hates her comfortable, enforced high-bourgeois existence, and can’t wait for her twenty-first birthday, when she is going to run off to London and live in a garret.

Viola is an orphan; she was raised by her father after her mother’s death. He was a passionate amateur actor, and named her Viola after his favourite heroine: ‘She liked to watch her father as he read, and to listen to the smoothly rolling tones; she felt no curiosity about what the words meant. It was only Shakespeare, and she was used to him. . . . But Viola’s father was knocked down by a young man driving a car, and died in an hour.
‘The young man was fined, and had some severe remarks made about him, and drove away from the court faster than ever because he was so cross . . .’ which is to say this is Cinderella with an edge. As Mrs Theodore Wither Viola ‘was not very happy, because after he was married to her, Teddy discovered that she was not so poetic and marvellous as he had supposed, and naturally this made him less fond of her’. Of the exciting house on the far side of the nightingale wood: ‘The telephone rang every half-hour or so. Vans from Harrods, from Fortnum and Mason and Cartier, came up to the house . . . These were for Mrs Spring, whose hobby was shopping.’
This being Cinderella, there has to be a ball, and Viola has to go to it, and meet, and dance with, Prince Charming; and there is and she does. But then the ball is over, and she has to go back to the dire frigid house where there is nothing to do—one of the things Gibbons gets bang right to my eye is the mad, frenzied, hopeless boredom of being a nice bourgeois girl of that era. Viola thinks: ‘I wish I was dead. Well, not exactly dead, but I wish I was a nun or something, or something simply marvellous would happen tomorrow.’
Being a nice girl, she cannot ring up Mr Charming and suggest they go to a film together; besides, he is already engaged to be married, to an extremely well-turned-out scion of the smart set. But—finally—and with only a tiny acceptable amount of violent manipulation, she has an excuse to write him a letter: ‘She posted her letters, keeping Victor’s until the end and pushing it slowly through the letter-box, letting it fall at last into the darkness. She heard the little sound as it landed on the other letters below. She stood for a minute, staring at the box, then turned and walked slowly home.’ And that letter arrives at a crucial juncture, and . .."


L'Autrice:   Stella Gibbons

Stella Gibbons (1902-1989) si diplomò in giornalismo alla London University nel 1923 e lavorò per la “British United Press”, l’“Evening Standard” e “The Lady”.
La Fattoria delle Magre Consolazioni, il suo primo romanzo, fu pubblicato nel 1932 e divenne un immediato bestseller (tranne che nello Stato Libero d’Irlanda, da cui fu bandito per l’esplicita approvazione delle pratiche contraccettive). Da allora è sempre stato in commercio, evento piuttosto raro nel mondo editoriale. Nel ’34 vinse il Prix Femina Vie Heureuse. Più volte adattato per la televisione e la radio dalla BBC, nel 1995 John Schlesinger diresse il film, la cui sceneggiatura fu scritta da Malcolm Bradbury.
Le critiche furono in ugual misura positive e negative per lo stesso motivo: era una donna ed era divertente. Inoltre l’aver distrutto un genere, quello rurale, passionale-gotico molto in voga all’epoca (si pensi a Thomas Hardy e D.H. Lawrence tra gli altri) non le guadagnò una grande simpatia tra i critici.  La Fattoria delle Magre Consolazioni non ha perso nulla del proprio charme anche perché la Gibbons, con insolito acume, tra le nascenti mode di quegli anni ne aveva colte e ridicolizzate alcune, che ancora oggi dominano la nostra esistenza: la psicoanalisi, il cinema e le star di Hollywood, un maschilismo mascherato da intellettualismo. 


Stella Dorothea Gibbons was an English novelist, journalist, poet and short-story writer.

Her first novel, Cold Comfort Farm, won the Femina Vie Heureuse Prize for 1933. A satire and parody of the pessimistic ruralism of Thomas Hardy, his followers and especially Precious Bain by Mary Webb -the "loam and lovechild" genre, as some called it, Cold Comfort Farm introduces a self-confident young woman, quite self-consciously modern, pragmatic and optimistic, into the grim, fate-bound and dark rural scene those novelists tended to portray.


Stella Gibbons
I segreti di Sible Pelden
Traduzione di Marina Morpurgo
13,5 x 19 cm, 416 pp.
euro 19,00

Volete conoscere altri romanzi della Gibbons? Do U wanti to know other Gibbons novel?

Siente fortunati perchè l'Atoria editore ha pubblicato poco tempo fa il suo romanzo più famoso/ Your lucky because Astoria editor pulished many month ago the most famouse opera of Gibbons:
 
La Fattoria delle Magre Consolazioni


Flora Poste è stata educata in modo eccellente a fare tutto tranne che a guadagnarsi da vivere. Rimasta orfana a vent’anni e dotata di una rendita esigua, va a vivere presso dei lontani parenti alla Fattoria delle Magre Consolazioni nel Sussex. Il suo arrivo alla fattoria coincide con l’inizio di uno dei romanzi più divertenti mai scritti. I parenti sono a dir poco eccentrici e la fattoria è sgangherata e in rovina: i piatti vengono lavati con rametti di biancospino e le mucche hanno nomi come Rozza, Senzascopo, Inetta e Superflua. La vecchia matriarca settantanovenne, zia Ada, che non è più stata giusta nella testa da quando ha “visto qualcosa di orribile nella legnaia” circa settant’anni prima, tiene in scacco l’intera famiglia. Come Alice di Lewis Carroll, Flora non si fa intimidire da chi dice cose senza senso e si rifiuta di essere trascinata in un mondo di matti. Non si può, pensa Flora, rovinare la vita propria e altrui invocando disgrazie infantili, non si può sottostare alla follia per quanto interessante, bisogna ribellarsi… e nel giro di pochi mesi le cose alle Magre Consolazioni cambiano in modo radicale.

Cold Comfort Farm

Winner of the 1933 Femina Vie Heureuse Prize, COLD COMFORT FARM is a wickedly funny portrait of British rural life in the 1930s. Flora Poste, a recently orphaned socialite, moves in with her country relatives, the gloomy Starkadders of Cold Comfort Farm, and becomes enmeshed in a web of violent emotions, despair, and scheming, until Flora manages to set things right.


Tartufi bianchi in inverno   05.02.12

La Parigi di fine secolo è meravigliosamente scandalosa: tra ombrellini e passeggiate al parco, si discute della mostruosità di quei selvaggi impressionisti, delle scoperte di una certa madame Curie, delle piccanti avventure delle celebrità in piena Belle Époque.

Solo al Petit Moulin Rouge si parla d'altro: Auguste Escoffier, lo chef che ha inventato il ristorante più chic della città, sta per sposarsi. Si mormora che il suo non sia un matrimonio come tutti gli altri, perché, invece di conquistare la futura moglie, l'ha vinta al gioco. Lei è Delphine, giovane poetessa dallo spirito libero, che incontra il marito per la prima volta praticamente il giorno delle nozze. È così basso, pensa, incrociando i grandi occhi di lui, senza immaginare che cosa l'aspetti. Invece di portarla in camera da letto, Escoffier la conduce nel suo restaurant.
Tra il nitore abbagliante degli utensili, i profumi e gli aromi delle spezie, le parole suadenti di Auguste suonano come poesia, mentre cucina solo per lei. Delphine quella notte conosce la sensualità, la passione e l'ebbrezza di un gesto d'amore. Il piccolo uomo che l'ha fatta innamorare incarna però genio e sregolatezza, follia e creazione, desiderio e ambizione, arte e libertà. Legarlo è impossibile, perderlo impensabile.
Ma, nel corso di una carriera sfolgorante, Escoffier diventa ben presto l'idolo di re e capi di stato, di grandes dames e cortigiane, e lascia la moglie troppo tempo sola. Soprattutto quando incontra la più famosa attrice di tutti i tempi, Sarah Bernhardt, cuore ribelle come lui.
Divisa tra due mondi e due anime, l'esistenza di Escoffier è un'avventura irripetibile, una vita imperfetta, geniale, appassionata. Quella che ciascuno di noi vorrebbe vivere.
A breathtaking novel, rare and moving, about the world’s greatest chef and his unruly heart.

White Truffles in Winter imagines the world of the remarkable French chef Auguste Escoffier, (1846–1935) who changed how we eat through his legendary restaurants at The Savoy and The Ritz. A man of contradictions—kind yet imperious, food-obsessed yet rarely hungry—Escoffier was also torn between two women: the famous, beautiful, and reckless actress Sarah Bernhardt; and his wife, the independent and sublime poet Delphine Daffis who refused to ever leave Monte Carlo. Set in the last year of Escoffier’s life, in the middle of writing his memoirs, he has returned to Delphine, who requests a dish in her name as he has honored Bernhardt, Queen Victoria, and many others. How does one define the complexity of love on a single plate? Kelby brings us the sensuality of food and love amid a world on the verge of war in this work that shimmers with beauty and longing.

L'Autrice N. M. Kelby
NMKelby (Nicole Mary Kelby) è una scrittrice americana di racconti e romanzo.
Cresciuta in Florida, Kelby ha lavorato come redattore giornalista ed educatorice. Inizialmente era una drammaturga, ha poi optato per romanzi e racconti.
Kelby è stata la destinataria di una borsa all'Artist Bush in letteratura, il Gruppo Heekin Fondazione James Fellowship per il romanzo, sia per la Florida e Minnesota State Arts Fellowship in consiglio fiction, Jerome due Borse di Studio di viaggio. Lei è stata nominato "Outstanding Artist Sud" dalla The Arts Southern Federazion e il suo lavoro è stato tradotto in diverse lingue. E 'stata finalista dei Pirati Alley Faulkner Award per la narrativa per tre volte, piazzato due volte al Nelson Algren Award per il racconto.
Kelby ha partecipato a un mese di scambi culturali al Centro Tyrone Guthrie, nella contea di Monaghan, in Irlanda e sarà l'Artist-in-Residence presso il Santa Fe Art Institute nel maggio 2008.
Kelby sta lavorando alla versione cinematografica di stagione Whale insieme con l'attore / cantante / songwriter Dwight Yoakam.
I suoi libri sono stati esaminati dall' Entertainment Weekly, New York Times Book Review, San Francisco Chronicle, Minneapolis Star Tribune, Atlantic Monthly, Baltimore Sun, Publisher Weekly, New York Post, New York Times Domenica Book Review, recensioni Kirkus e The Philadelphia Inquirer .

N. M.Kelby (Nicole Mary Kelby) is an American short-story and novel writer.
Brought up in Florida, Kelby has worked as a reporter, editor and educator. Initially a playwright, she later turned to novels and short stories. She is the author of Murder at the Bad Girl’s Bar and Grill, Whale Season, In the Company of Angels, and Theater of the Stars.
Her short stories have appeared in many publications including Zoetrope All-Story Extra, One Story, Minnesota Monthly, Verb, and The Mississippi Review. One was recorded by actress Joanne Woodward for the NPR CD Travel Tales, and included in New Stories from the South: Best of 2006.
Kelby has been the recipient of a Bush Artist Fellowship in Literature, the Heekin Group Foundation’s James Fellowship for the Novel, both a Florida and Minnesota State Arts Board Fellowship in fiction, two Jerome Travel Study Grants, and a Jewish Arts Endowment Fellowship. She was named "Outstanding Southern Artist" by The Southern Arts Federation and her work has been translated into several languages. She has been a Pirate’s Alley Faulkner Award finalist for fiction three times and placed twice in the Nelson Algren Award for the Short Story.
Kelby took part in a month-long cultural exchange at Tyrone Guthrie Centre in County Monaghan, Ireland and will be the Artist-in-Residence at the Santa Fe Art Institute in May 2008.
Kelby is working on the movie version of Whale Season along with actor/singer/songwriter Dwight Yoakam.
N.M. Kelby's books have been reviewed in Entertainment Weekly, New York Times Book Review, San Francisco Chronicle, Minneapolis Star Tribune, Atlantic Monthly, Baltimore Sun, Publisher's Weekly, New York Post, New York Times Sunday Book Review, Kirkus Reviews and The Philadelphia Inquirer.

Un vorticoso viaggio nel tempo: Kelby ci trasporta nel periodo più effervescente del Novecento, la Belle Époque, e nella città più peccaminosa, Parigi.

"Beautifully layered and lovingly detailed, White Truffles in Winter is a tale of extraordinary people entangled in a captivating love story. Filled with lush and decadent longing, this novel will dazzle the mind as well as the senses."Diana Abu Jaber, Birds of Paradise 



“I was instantaneously drawn into this novel, and all of its exquisite writing about food. It also contains one of the more unique and affecting seduction scenes I have ever read, and for its uniqueness, utterly believable."Pam Houston, Cowboys Are My Weakness



“White Truffles in Winter is a seductive, voluptuous journey into the heart of French cuisine.  I wanted only to linger longer at this luscious feast that brims with passion and yearning.”
Lauren Belfer, City of Light
"Through rich description based on careful research, Kelby offers intriguing possibilities regarding the life of the great Escoffier and gives us a novel well worth reading.”–Library Journal



“Readers are left dizzied but alert to a tantalizing swirl of the senses.”BookPage



“Readers in search of an evocative and sensual read will be well satisfied.”–Publisher's Weekly



“White Truffles in Winter’’ is a lot like the meals it so lavishly portrays: elaborate, densely composed, a bit too rich, but never less than entertaining, and just as often captivating.” –Boston Globe



“The sensuality of food-centered seductions beats even the famous scene from Tom Jones....lusciously rich as the truffles and foie gras that dominate Escoffier’s recipes.” –Kirkus



“The human appetite for love, for life, for food is so beautifully delicious it makes one weep.”
–St. Petersburg Times


pp. 352
€ 18,50
Frassinelli 

Il giardino delle bestie 22.02.12

In the Garden of Beasts: Love, Terror, and an American Family in Hitler's Berlin

Questo libro narra della storia vera di William E. Dodd e di sua figlia Martha, un padre e una giovane donna americani che si ritrovano improvvisamente trapiantati dalla loro accogliente casa di Chicago nel cuore della Berlino nazista del 1934. Sessantaquattro anni, snello, gli occhi grigio-azzurri e i capelli castano chiaro, nel 1933 William E. Dodd è un rispettabile professore di storia all’università di Chicago, con una certa notorietà per i suoi scritti sul Sud degli Stati Uniti e la sua biografia di Woodrow Wilson.
Fervente democratico jeffersoniano, a suo agio soltanto negli ambienti frugali della sua piccola fattoria di campagna, Dodd ha una moglie, Mattie, e due figli: William Jr – Bill – e Martha, la prediletta. Ventiquattro anni, i capelli biondi, gli occhi azzurri e un sorriso radioso, Martha ha un’immaginazione venata di romanticismo e un atteggiamento cosí civettuolo, da avere già acceso la passione in molti uomini. La vita di questa famiglia americana, a detta di tutti felice e unita, muta radicalmente nel giugno del 1933. Mentre siede alla sua scrivania all’università, Dodd riceve una telefonata da Franklin Delano Roosvelt, il presidente degli Stati Uniti, che gli annuncia la sua intenzione di nominarlo a capo della rappresentanza diplomatica americana a Berlino. Dodd è tutto fuorché il candidato modello per un simile incarico. Non è ricco, non è politicamente influente e non appartiene nemmeno alla cerchia degli amici di Roosvelt. Certo, ha conseguito un dottorato a Lipsia e conosce il tedesco, ma nulla piú. Tuttavia, per Roosvelt è un ambasciatore perfetto per un paese che, tra la crisi economica dilagante e un altro rovinoso anno di siccità, rappresenta per l’America soltanto una seccatura: la seccatura di un miliardo e duecentomila dollari, debito che Berlino ha contratto con gli Stati Uniti, e che Hitler si mostra sempre meno propenso a voler saldare. Ed è cosí che, al loro arrivo, William e Martha Dodd si ritrovano ad attraversare una città addobbata di immensi stendardi rossi, bianchi e neri; a sedere negli stessi caffè all’aperto frequentati dalle SS in uniforme nera; a passare davanti a case con balconi traboccanti di gerani rossi; a fare acquisti nei giganteschi empori della città, a organizzare tè, aspirare le fragranze primaverili del Tiergarten, il parco principale di Berlino; ad avere rapporti sociali con Goebbels e Göring, in compagnia dei quali cenare, danzare e divertirsi allegramente; finché, alla fine del 1934, accade un evento che smaschera la vera natura di Hitler e del potere a Berlino, la grande e nobile città che agli occhi di padre e figlia si svela per la prima volta come un immenso Tiergarten, un giardino delle bestie. 
The time is 1933, the place, Berlin, when William E. Dodd becomes America’s first ambassador to Hitler’s Germany in a year that proved to be a turning point in history.

A mild-mannered professor from Chicago, Dodd brings along his wife, son, and flamboyant daughter, Martha. At first Martha is entranced by the parties and pomp, and the handsome young men of the Third Reich with their infectious enthusiasm for restoring Germany to a position of world prominence. Enamored of the “New Germany,” she has one affair after another, including with the suprisingly honorable first chief of the Gestapo, Rudolf Diels. But as evidence of Jewish persecution mounts, confirmed by chilling first-person testimony, her father telegraphs his concerns to a largely indifferent State Department back home. Dodd watches with alarm as Jews are attacked, the press is censored, and drafts of frightening new laws begin to circulate. As that first year unfolds and the shadows deepen, the Dodds experience days full of excitement, intrigue, romance—and ultimately, horror, when a climactic spasm of violence and murder reveals Hitler’s true character and ruthless ambition. Suffused with the tense atmosphere of the period, and with unforgettable portraits of the bizarre Göring and the expectedly charming--yet wholly sinister--Goebbels, In the Garden of Beasts lends a stunning, eyewitness perspective on events as they unfold in real time, revealing an era of surprising nuance and complexity. The result is a dazzling, addictively readable work that speaks volumes about why the world did not recognize the grave threat posed by Hitler until Berlin, and Europe, were awash in blood and terror.

 
 L'Autore: Erik Larson

Erik Larson è nato a Freeport, Long Island, nel 1954. Collaboratore di Time, New Yorker, Atlantic Monthly, Harper’s e altre prestigiose riviste americane, ha scritto numerose opere, tra le quali si segnalano Isaac’s Storm (1999) e The Devil in the White City: Murder, Magic and Madness at the Fair That Changed America (2003), libro vincitore dell’Edgar Award in the Best Fact Crime 2004, di prossima pubblicazione presso Neri Pozza. Erik Larson vive a Seattle con la moglie e tre figlie.
Erik Larson, author of the international bestseller Isaac's Storm, was nominated for a National Book Award for The Devil in the White City. He is a former features writer for The Wall Street Journal and Time magazine, where he is still a contributing writer. His magazine stories have appeared in The New Yorker, The Atlantic Monthly, Harper's and other publications.

Larson has taught non-fiction writing at San Francisco State, the Johns Hopkins Writing Seminars, and the University of Oregon, and has spoken to audiences from coast to coast. He lives in Seattle with his wife, three daughters, a dwarf hamster, a Chinese fighting fish, and a golden retriever named Molly.

New York Times bestseller n. 1

Berlino 1934: la culla della cultura e della civiltà europea si trasforma in un giardino delle bestie.

«Una magnifica, struggente… irresistibile storia vera».
New York Times

«Come Addio a Berlino di Christopher Isherwood, Il giardino delle bestie è la cronaca diretta di una società che precipita lentamente nella follia».
Chicago Sun-Times

«Larson ha meticolosamente ricostruito il soggiorno di Dodd a Berlino, in qualità di testimone diretto dell’ascesa al potere di Hitler, e ha narrato di questa parte non del tutto nota della storia nella forma di un vero e proprio thriller politico».
New York Times Book Review

«È come scivolare lentamente in un incubo, con la logica distorta e la moralità capovolta… Tutto viene restituito con potente, inquietante immediatezza».
Vanity Fair

«Uno sconvolgente racconto di un’epoca terribile, che ripropone una domanda riguardo al nazismo cui non è stata ancora data una risposta soddisfacente: quali mezzi sono necessari per rendere inoffensiva la bestia, per evitare l’estrema malvagità di cui sono capaci alcuni esseri umani?».
Seattle Times 
pagine 560
Euro 18,00
Collana: Bloom 



La torre dei sussurri    05.02.12 

Nella Parigi elegante e misteriosa di fine Ottocento, crocevia di modernità e superstizione, sta per sorgere un edificio azzardato e innovativo: una torre di ferro alta più di 300 metri. Sarà l’emblema dell’Esposizione universale del 1889. Eiffel, l’ideatore, ha già radunato l’équipe che parteciperà al progetto. Tra gli altri, ci sono due ingegneri: Armand, arrivato dalla campagna fresco di laurea, e Odilon, parigino di nascita. I due diventano amici e Odilon guida l’altro alla scoperta della città.Città che, dietro al fermento progressista, è un brulichio di irrazionalità. Ovunque si tengono sedute spiritiche, persone di ogni ceto si rivolgono ai medium per entrare in contatto con l’aldilà, in cerca degli affetti perduti o di consigli. E la Torre, questo mostro di cui tutti parlano e che molti temono e osteggiano, è un catalizzatore di curiosità e stranezze. Quando Roseline, la donna di cui Armand si è innamorato, scompare, si scatena per la città una corsa per ritrovarla. è morta, come parrebbe, o qualcuno la tiene prigioniera? E perché? Nella ricerca, diventa chiaro ai due amici che non è solo la vita della ragazza a essere in pericolo. Anche la Torre stessa corre dei rischi. Qualcuno trama affinché il simbolo di Parigi non veda mai la luce.
Paris 1888. Armand and Odilon are young apprentice draughtsmen in the offices of Gustave Eiffel, working on what will be the engineer’s greatest invention and the city’s most famous landmark. The Eiffel Tower is the symbol of a new age, but in the exotic gas-lit streets of Paris, strange beliefs, dark desires and mysterious forces are loose. Soon Armand and Odilon find themselves involved with a spiritualist society who hold seances in the Paris Morgue, a card-reading clairvoyant, a female ventriloquist with a shady secret and a spirited young actress. Behind them all are the scheming machinations of Gordon Hole, an ambitious American architect who has vowed to destroy the Eiffel Tower before it can even be completed.


L'autore: Olivier Bleys 
Nato nel 1970, ha pubblicato vari romanzi, tradotti in una decina di lingue, e vinto molti premi. Per Piemme ha già pubblicato Il mercante di tulipani (oltre 100.000 copie complessive vendute) e Il maestro di blu (vincitore in patria del Premio François Mauriac de l’Académie Française).
He holds master's degrees in modern literature, computer graphics and cultural project management. At the age of twenty-two he won the young novelist's prize for The Island. Three years later his second book, The Prince of the Fork, received a national prize. His third novel, Pastel, was translated into several foreign languages and rewarded by the French Academy.
Besides writing novels and travel diaries, Olivier Bleys designs interactive CD-Roms, lectures on multimedia, manages cultural projects and organises exhibitions. He has a wide range of interests spanning 

medieval history, music and science-fiction. He lives in Paris.  
Collana Narrativa
Pagine 392
Prezzo consigliato € 18,50  

Good reads!! 

giovedì 9 febbraio 2012


                                 Brent WEEKS




Il killer perfetto non ha amici, ha solo obiettivi
 The perfect killer has no friends. Only targets.
 Un assassino ha un solo codice: quello della spada
A killer has only one code: the sword
 Quando scende la notte, nulla può fermare Kylar Stern
When night falls, nothing can stop Kylar Stern



Oggi vi parlo di una serie che mi ha proprio entusiasmato. Sebbene a volte lo scrittore mi confonda con alcune cose date per scontate e mi induca a rileggere un paio di righe e poi a tornare indietro a rileggerle, devo dire che è una delle serie più affascinanti degli ultimi anni. Siamo in presenza di una storia cupa, violenta, che anche se a volte è incerta è ben orchestrata con un mix perfetto di azione, politica, fantasy, intrighi, avventura, battaglie, maghi e tanto altro. Prendendo in mano questo libro, che ha un' impronta prettamente maschile, ma adatto a tutti, il tempo vola, ci si immerge facilmente nella vita e nelle avventure di Azoth/Kular - che come personaggio è assolutamente fantastico, deciso, duro mai insoddisfacente nelle aspettative di chi legge - che non lascia scampo al lettore che viene conquistato con incessanti colpi di scena e svolte narrative. Devo dire che inizialmente mi aveva conquistato quasi esclusivamente per le copertine, che come potete vedere sono (Deo Gratias) uguali alle originali, ma poi la trama conquista e si conferma libro dopo libro un'avventura meritevole del tempo e del denaro che si investe, tenedolo sul comodino, pronto a essere riletto ancora ed ancora!!

Today I speak about a series that really impressed me. Although sometimes the writer  confusing me with some things for granted and leads me to reread a few lines and then go back and reread them, I must say this is one of the most fascinating series of recent years. We are in the presence of a darkly violent story, that even though sometimes it is uncertain, it was well orchestrated with a perfect mix of action, adventure, fantasy, political intrigue, battles, wizards and much more. Taking up this book, which has a 'footprint predominantly male, but suitable for all, time flies, you plunge easily into the life and adventures of Azoth / Kular - which is great as a character, determined, hard ever unsatisfactory in expectations of the reader - that leaves no way for the reader who won with endless twists and turns narrative. I must say that I initially had conquered almost exclusively for the covers that (Deo Gratias) are the same as the originals, but then the plot and the conquest itself as a book after book an adventure worthy of time and money you invest, carefully by your bedside, ready to be reread again and again!

Attenzione alle trame, leggendo infatti quelle del secondo e del terzo romanzo, potrebbero esserci degli spoiler!

Attention to the plots, because the reading of the second and third novel, there may be spoilers!

1. L'angelo della notte. La via delle tenebre.

Uno dei 5 finalisti al concorso letterario David Gemmell fantasy awards! Il giovane Azoth ha dovuto imparare a giudicare in fretta le persone. Per uno come lui, cresciuto nei sobborghi di Cenaria, una città da incubo controllata da criminali, la sopravvivenza è un premio da conquistare, giorno dopo giorno. Per questo, quando incontra casualmente Durzo Blint, il sicario più richiesto e temuto, il ragazzo non può fare a meno di restare affascinato dal suo carisma: in una città come Cenaria, Durzo non è un semplice assassino, ma una vera e propria leggenda, un artista dell’omicidio circondato da un’aura di invincibilità. Azoth sogna di essere come lui, anzi, più forte, per non dover più avere paura, e sa che l’unico modo per farcela è diventare apprendista di Durzo stesso... Deciso a percorrere fino in fondo la via delle tenebre, che richiede sacrifici estremi, Azoth dovrà impegnarsi al massimo ed essere disposto a mettere in gioco tutto, anche la sua stessa identità, rinascendo come Kylar Stern, spietato assassino che si muove tra rischiosi intrighi e strani incantesimi, coltivando il suo talento per la morte...

«Mi ha ipnotizzato dall’inizio alla fine. Personaggi indimenticabili, una trama sorprendente, ricca d’azione, e quella particolare capacità di tenere con il fiato sospeso che rende ammirevole il lavoro di uno scrittore.»
Terry Brooks, autore della saga di Shannara

«Un grande romanzo d’esordio… Se qualcuno mi chiedesse di consigliargli un fantasy ben scritto, che riassuma e innovi gli elementi tipici del genere, gli raccomanderei subito La via delle tenebre.»
SFFworld.com

1. The Way of Shadows

For Durzo Blint, assassination is an art. And he is the city’s most accomplished artist, his talents required from alleyway to courtly boudoir.
For Azoth, survival is precarious. Something you never take for granted. As a guild rat, he’s grown up in the slums, and learned the hard way to judge people quickly — and to take risks. Risks like apprenticing himself to Durzo Blint.
But to be accepted, Azoth must turn his back on his old life and embrace a new identity and name. As Kylar Stern, he must learn to navigate the assassins’ world of dangerous politics and strange magics — and cultivate a flair for death.




2. L'angelo della notte. Il tempo delle tenebre

[SPOILERS] Kylar Stern ha deciso di abbandonare la sua vita da sicario. Durzo Blint, il leggendario maestro al quale deve tutto, e Logan, il suo migliore amico, sono morti, sconfitti dal potente Re Divino. Ora Kylar vuole lasciarsi alle spalle la via delle tenebre e ricominciare da capo: una nuova città, una nuova professione e una nuova famiglia, con la sua amata Elene, che spera di convincerlo a vendere la sua spada magica compagna di tante avventure. Ma più il tempo passa più Kylar si accorge che gli manca qualcosa, spesso di notte non resiste alla tentazione di tornare a volare sui tetti della città… E presto il passato bussa alla sua porta. Quando scopre che Logan potrebbe essere vivo e che forse si sta nascondendo, Kylar si trova di fronte a una scelta dolorosa: rinunciare per sempre al mondo delle tenebre per vivere in pace con la sua nuova famiglia o rimettere in gioco tutto e accettare l’ultima, sanguinosa sfida?

«Kylar è un personaggio grandioso!»
Fantasy Book News and Reviews

«Uno dei più bei libri fantasy che abbia mai letto, pieno di splendidi personaggi, continue rivelazioni e con un finale del tutto inaspettato.»
Dragons, Heroes and Wizards

«Questa serie porta nuova linfa al genere fantasy.»
The Beezer Review

«Nei libri di Brent Weeks può succedere di tutto, e tutto quello che succede vi sorprenderà.»
Graeme’s Fantasy Book Review 

2.  Shadow’s Edge.



[SPOILERS] Highlight to see text.Kylar Stern has rejected the assassin’s life. The 
Godking’s successful coup has left Kylar’s master, Durzo, and his best friend, Logan, dead. He is starting over: new city, new friends, and new profession.
But when he learns that Logan might actually be alive and in hiding, Kylar is faced with an agonizing choice: will he give up the way of shadows forever and live in peace with his new family, or will he risk everything by taking on the ultimate hit?



3. L'angelo della notte. Oltre le tenebre.             Il 23.02.2012


[SPOILERS] Kylar Stern haconosciuto il terribile prezzo dell’immortalità e nulla potrà mai più essere come prima. L’Angelo della Notte sa che il suo destino è legato con un nodo indissolubile a quello della terra di Midcyru. Ma il continente è devastato da guerre e conflitti per il potere. Cenaria è sotto assedio, con un esercito allo sbando e poche speranze di riuscire a resistere; per salvarla, re Logan Gyre ha un’unica possibilità: una scommessa disperata che, in caso di fallimento, porterà alla distruzione del regno. Intanto, a nord, il nuovo Re Divino di Khalidor ha un piano ed è disposto a tutto pur di realizzarlo, persino a commettere terribili atrocità. Kylar Stern non ha scelta. Per proteggere i suoi amici, dovrà affrontare le tenebre e superarle, per portare a termine un incarico impossibile: assassinare una dea…

Una saga fantasy tradotta in tutto il mondo
New York Times bestseller

«Il miglior fantasy dell’anno, forse dell’intero decennio.»
Books Monthly

«Questa serie porta nuova linfa al genere fantasy.»
The Beezer Review

«Kylar è un personaggio grandioso!»
Fantasy Book News and Reviews 

3.  Beyond the Shadow. 

[SPOILERS] Highlight to see text.Logan Gyre is king of Cenaria, a country under siege, with a threadbare army and little hope. He has one chance — a desperate gamble, but one that could destroy his kingdom. In the north, the new Godking has a plan. If it comes to fruition, no one will have the power to stop him. Kylar Stern has no choice. To save his friends-and perhaps his enemies-he must accomplish the impossible: assassinate a goddess.




L'AUTORE/THE WRITER




E' nato e cresciuto nel Montana. Dopo aver conseguito la laurea all’Hillsdale College, si è dedicato per qualche tempo all’insegnamento e alla frequentazione assidua di bar, finché, buttando giù idee su tovagliolini di carta e programmi delle lezioni, ha scoperto la sua vera vocazione: oggi è scrittore a tempo pieno. Brent vive in Oregon con la moglie, Kristi. Oltre le tenebre è il capitolo conclusivo di una trilogia di grande successo, iniziata con La via delle tenebre, a lungo nella lista dei bestseller del «New York Times», e proseguita con Il tempo delle tenebre.
Il sito di Brett Weeks? Guarate in basso!

Brent Weeks was born and raised in Montana.  After getting his paper keys from Hillsdale College, Brent had brief stints walking the earth like Caine from Kung Fu, tending bar, and corrupting the youth. (Not at the same time.) He started writing on bar napkins, then on lesson plans, then full time. Eventually, someone paid him for it. Brent lives in Oregon with his wife, Kristi. Beyond the Shadow.  is the last book of the trilogy start with The Way of Shadows.

Brett Weeks site? Look down!




Good Read!
Endimione Birches







Mini recensioni

mercoledì 8 febbraio 2012

What reading on the sofa?

Sono davvero tanti i libri che ho letto in passato e di cui vorrei fare una recensione, ma è impossibile per cui ho deciso di fare delle mini - recensioni che spero possano esservi utili. Potrebbero essere libri anche non troppo recenti, ma chi ha detto che i libri invecchiano????

 1° Libro.



 

Ti amo ti odio mi manchi
Rules of a Perfect Life
Greene Niamh
Prezzo € 9,90
Ebook a € 4,99  
Pagine 347
Newton Compton  (Anagramma)
Qui il primo capitolo:  
http://giotto.ibs.it/prime_pagine/75/9788854136175.pdf



Vivere una vita felice non è complicato. Basta seguire delle regole precise. Per esempio: mai mollare un uomo solo perché ha mangiato l'ultimo orsetto gommoso della confezione. Mai trasferirsi in un rudere fatiscente per "ritrovare se stessi": si rischia solo di diventare lo zimbello altrui e di coprirsi di ridicolo davanti a tutti. E soprattutto, non innamorarsi di un uomo che ha due figlie, un attaccamento morboso alla defunta moglie - una donna perfetta che nessuna compagna potrà mai rimpiazzare - e una madre che ti tratta come se fossi la domestica e pensa che la tua unica funzione sia quella di pulire e tenere in ordine la casa. Maggie passa da una disavventura all'altra, perde il lavoro a Dublino, rinuncia alle sue Jimmy Choo per calzare orribili stivali da lavoro e si rifugia nella sonnolenta cittadina di Glacken.
Ma è una donna testarda, non si arrende ed è anzi pronta a tutto pur di conquistare la gioia e la serenità che merita. Una vita perfetta e un amore da sogno sono lì ad aspettarla. 

E' un  libro spassosissimo, carino, leggero, in una parola, godibilissimo! Appena letto i primi capitoli mi ha ricordato subito la verve e  lo stile della Kinsella, in particolare quando scrive i suoi romanzi indipendenti, quindi se se K vi è piaciuta dubito possiate disdegnare la Greene.
La storia è pressochè raccontata già nella trama, siamo nell'Irlanda della crisi economica e Maggie, la protagonista del romanzo, mollato ragazzo e perso il lavoro con la scusa di "badare" alla nuova casa della sua migliore amica (che parte per un ritiro spirituale in India) si trasferisce in campagna destreggiandosi con una vita che prevede il contatto con gli animali, il lavoro all'aria aperta, il contatto con gli strambi abitanti del minuscolo villaggio in cui si trova catapultata.  
E' un libro ironico e vivace, la scrittura è spumeggiante ed è perfetto se state cercando qualcosa che vi faccia sorridere ed evadere spontaneamente, a me ha strappato più di una risata involontaria, perchè Maggie è veramente fuori di testa!!
---oOo---
Living a happy life is not complicated. Just follow the rules. For example: never give a man just because he ate the last pack of gummy bear. Never move into a crumbling ruin to "find yourself" is likely only to become the laughing stock of others and of ridicule in front of everyone. And above all, do not fall in love with a man who has two daughters, an unhealthy attachment to his late wife - a woman that no perfect companion can never replace - and a mother who treats you as if you were home and think that your only function is to to clean and keep the house tidy. Maggie goes from one misadventure to another, loses his job in Dublin, Jimmy Choo drops its horrible to wear work boots and takes refuge in the sleepy town of Glacken. But it is a stubborn woman, does not give up and is even ready to do anything to achieve joy and serenity it deserves. A perfect life and a love of your dreams is waiting for her.
Its a very amusing book, pretty, light, in a word, really enjoyable! Just finished to read the first chapters reminded me immediately the Kinsella's verve and style, especially when she writes her independent novels , so if you liked K, I doubt you can't disdaining Greene.
The story is narrated almost already in the plot, the economic crisis we are in Ireland and Maggie, the protagonist of the novel, dumped boyfriend and lost her job with the excuse of "look after" the new home of her best friend (who goes on a retreat spiritual in India) moved in the country juggling a life that involves contact with animals, work outdoors, contact with the wacky inhabitants of the tiny village where finds herself.
Its an ironic and lively book, the writing is bubbly and is perfect if you're looking for something that makes you laugh and escape spontaneously, tore me more of a laugh involuntarily, because Maggie is really crazy!

 2° Libro.






Contro L'apocalisse
Any Given Doomsday
Lori Handeland
DelosBooks - Odissea Streghe
Pagine 370
Prezzo 14.90 €








Elizabeth Phoenix ha usato una volta le proprie eccezionali capacità psichiche per aiutare il Dipartimento di Polizia di Milwaukee a lottare contro l'ingiustizia. Ma quando sua madre adottiva viene scoperta barbaramente assassinata, e Liz trovata priva di sensi sulla scena del crimine, il suo unico ricordo di quanto è avvenuto arriva sotto forma di sogni terrificanti... di creature più spaventose di qualsiasi cosa Liz abbia visto nella vita reale. Che cosa significano queste visioni? E cosa hanno mai a che vedere con il suo ex compagno, Jimmy Sanducci?

Avevo già letto questo libro in inglese e mi era piaciuto veramente molto. Rileggendolo dopo un pò di tempo ho ritrovato l'ironia della protagonista e la trama intrigante che ricordavo. Mi era è mi è piaciuto rileggere questa storia che a raccontare brevemente è complicatissimo, sia per i poteri e il modo con cui Elizabeth li "assorbe", sia per il numero elevatissimo di creature che ritroviamo: da vampiri, a essere demoniaci dai nomi coplicatissimi, ai versipelli (andrebbe letto solo per questa creatura), agli angeli e chi più ne ha più ne metta.
Secondo me, nel panorama attuale, questa lettura, che è indirizzata ad un pubblico adulto, è una lettura validissima per chi ama l'urban fantasy, dove ad una trama principale ed orizzantale - per tutti i libri successivi - che sorprende ad ogni romanzo con colpi di scena che lasciano a bocca aperta ogni volta, ssi contrappone il "problema da ricolvere immediatamente" di ogni libro. Inoltre il punto forte della serie sono sopprattuto i personaggi: Liz, Sawyer e Jimmy.  Esiste un triangolo amoroso, lo confesso subito, ma non solo per questo, i personaggi hanno una storia passata e un carattere che trovato solo qui così interessanti, anomali, sfaccettati e intriganti! Hanno elementi positivi e negativi, si odiani e amano al contempo, e alla fine - piancendo tutti - è stato difficle, almeno per me, trovarmi a dover scelgiere se parteggiare per qualcuno e dover dire per chi, in paricolare!
Probabilmente le cose che ho scritto non vi rendono complessivamente l'idea del romanzo, ma olte al fatto che è un romanzo che per essere "assaporato" va letto, punto; non è totalmente colpa mia, ve lo assicuro, perchè da un lato nemmeno io, che sono al quarto libro attualmente, ho ancora del tutto capito alcuni personaggi - moooolto enigmatici -  ed di com si possa evolvere la trama; dall'altro lato, vengono introdotti man mano,  nei romanzi, degli elementi che stravolgono le cose e le idee sui personaggi cambiano. Per me è stata una scelta giustissima perchè non ci si annoia mai e la tensione è sempre dietro l'angolo, non sappiamo come andranno le cose.
Io ve lo consiglio tantissimo!!
---oOo---
Elizabeth Phoenix once used her unique skills as a psychic to help in the Milwaukee Police Department’s fight against injustice. But when Liz’s foster mother is found viciously murdered—and Liz is discovered unconscious at the scene—her only memory of the crime comes in the form of terrifying dreams...of creatures more horrific than anything Liz has seen in real life. What do these visions mean? And what in the world do they have to do with her former lover, Jimmy Sanducci?
While the police question Jimmy in the murder, Jimmy opens Liz’s eyes to a supernatural war that has raged since the dawn of time in which innocent people are hunted by malevolent beings disguised as humans. Only a chosen few have the ability to fight their evil, and Jimmy believes Liz is among them. Now, with her senses heightened, new feelings are rising within Liz—ones that re-ignite her dangerous attraction to Jimmy. But Jimmy has a secret that will rock Liz to her core…and put the survival of the human race in peril.
I had read this book in English and I liked very much. Rereading it after a while I found the irony of the protagonist and intriguing plot that I remembered. I was rereading it I liked this story that is complicated to briefly, for the powers and the manner in which Elizabeth will "absorb", both for the large number of creatures that we find: From vampires to be demonic names coplicatissimi , to versipelli (worth reading just for this creature), the angels and so on and so forth.   In my opinion, the current scene, this reading, which is sent to an adult audience, is a very valuable read for those who like urban fantasy, where a main plot and orizzantale - for all the books that followed - that surprises at every novel twists that jaw-dropping every time, ssi contrasts the "problem ricolvere immediately" of each book. Moreover, the strong point of the series are the characters sopprattuto: Liz, Sawyer and Jimmy. There is a love triangle, I confess it immediately, but not limited to this, the characters have a past history and a character found only here so interesting, unusual, multifaceted and intriguing! Have positive and negative elements, and they love it odiani while, and eventually - piancendo all - it was very difficult, at least for me, see me having to take sides if scelgiere someone and having to say who, in Precise!  Probably the things that I wrote there makes the whole idea of ​​the novel, but the fact that we select is a novel to be "tasted" it read, point, is not entirely my fault, I assure you, because on the one hand, even I, who are currently fourth book, I still completely understand some people - soooo enigmatic - and you can evolve with the plot, on the other hand, are introduced gradually, in the novels, the elements that distort things and ideas about the characters change. For me it was a choice because most just do not get bored and the stress is always around the corner, we do not know how things go.I will recommend it very much!

 3° Libro.





Innamorarsi a Manhattan
Kate Parker
Pagine 304
Prezzo € 10,00
Prezzo Ebook € 5,00





Un uomo e una donna, i loro destini sembrano essere già scritti. Lei è un’infermiera pediatrica con il mito di Audrey Hepburn, lui uno scrittore di successo che ha dimenticato cosa significa sognare. Poi l’incontro da Tiffany, uno sguardo e il tempo si ferma. In un attimo le loro vite vacillano, ed entrambi intravedono la possibilità di un futuro diverso, senza però riuscire a mettersi in gioco fino in fondo. Il loro momento è intenso, ma sembra che siano destinati a separarsi e a non vedersi mai più. Un anno dopo si ritrovano, protagonisti di un romanzo del quale toccherà a loro scrivere il finale... Riuscirà la magia di Tiffany a trasformare un semplice istante in qualcosa di speciale che durerà per sempre? Un romanzo delicato e profondo, che risplende a ogni pagina. Una storia che ci ricorda il potere dell’amore, e la meraviglia che si nasconde dietro un incontro inaspettato che può stravolgere una vita intera e forse dare felicità a chi osa rischiare fino all’ultimo respiro.
Non mi è piaciuto, ve lo dico subito. Dall'impostazione della trama, che prevede un uomo ed una donna che si incontrana SOLO ad inizio e fine libro, o è un romanzo indimenticabile oppure una storia dall'eterna lungaggine. Sebbene io abbia letto pareri positivissimi, propendo per la seconda. Mi sono annoiata. E' ripetitivissimo: lei lavora, torna a casa e pensa a lui, lavora, torna a casa e pensa a lui, ecc... anche se non necessariamente nell'ordine; lui lavora, torna a casa e pensa a lei, ecc... Punto. Non succede praticamente nulla. E non è "Prima dell'alba", per intenderci...
Non è che sia impossibile provare simpatia per i protagonisti, il problema è che il loro primo incontro, pue essendo romantico, non "fulminante", non è coinvolgente al punto tale da giustifica le 300 pagine successive. Mi dispiace dirlo, ma non ho trovato una giustificazione profonda per i loro sentimenti, e mancando l'ironia, essendo una storia sofferta, il romanzo risulta fiacco. Non è da scartare totalmente, non fraintendetemi, ma io mi aspettavo una prima parte molto coinvolgente, doveva esserlo per forza, dal mio punto di vista, per trascinare la storia ... e invece non mi ha preso.
Io non mi sento di consigliarlo in assoluto, ci sono letture migliori, soprattutto con una location come New York!

---oOo---
A man and a woman, their fates seem to be already written. She is a nurse with pediatric myth of Audrey Hepburn, himself a successful writer who has forgotten what it means to dream. Then the meeting at Tiffany's, a look, and time stops. In an instant their lives falter, and both glimpsed the possibility of a different future, but could not get involved until the end. Their time is intense, but it seems that it is intended to separate and do not see each other again. A year later they find themselves, protagonists in a novel which will be up to them to write the ending ... Will the magic of Tiffany to turn a simple moment into something special that will last forever? A delicate and profound novel that shines on every page. A story that reminds us of the power of love, and wonder who is hiding behind an unexpected encounter that can overturn a lifetime and perhaps give happiness to those who dare to face up to the last breath.
 I did not like, I'll tell you. Setting of the plot, which involves a man and a woman who incontrana ONLY at the beginning and end of the book, or is an unforgettable novel or a story from the eternal slowness. Although I have read opinions really positive, bet on the latter. I got bored. And repetitive: she works, goes home and thinks of him, she works, goes home and thinks of him, etc. ... although not necessarily in that order, he works, goes home and thinks about her, etc. ... Stop. It does not happen nearly nothing. It is not "Before Sunrise", so to speak ...
Not that it's impossible to feel sympathy for the protagonists, the problem is that their first meeting, Due being romantic, not "burning" is not compelling to the point
a justification
the 300 pages. Sorry to say, but I have not found a justification for their deep feelings, and missing the irony, having suffered a story, the novel is weak. Not be ruled out completely, do not get me wrong, but I was expecting a very exciting first half, had to be by force, from my point of view, to drag the story ... and instead I took.
I do not feel I absolutely recommend it, there are readings best, especially with a location like New York!