Sfondo

Questo sito si serve dei Cookie di Google per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Modalità di utilizzo dei dati da parte di Google quando si utilizzano siti o app dei suoi partner.
--
-----------------
---------------------------Prossimamente sul Bostonian Library nuove recensioni ...

------------------------------------------------Occhio a queste DUE serie targate Astoria Edizioni... --------------------------------------- «Come Agatha, non credo alle donne che invecchiano con grazia. E per quanto mi riguarda, certamente non accade così. La mattina, per mettermi a posto la faccia, ho bisogno di una lente d'ingrandimento perché da un lato ci vedo molto meno di una volta ma dall'altro rughe e zampe di gallina le vedo benissimo. Rimane un interrogativo: o la mia vista non è pessima come pare o le rughe sono peggio di quanto mi piaccia ammettere». di M.C. Beaton.
--------------------------------------------------



giovedì 30 luglio 2015

Recensione: "Sotto la stessa luna" di Ornella Albanese


 
  ---oOo---
Sotto 
la stessa 
Luna
di Ornella Albanese
pagine  210 circa
prezzo  2.99€
Youcanprint
Self-Publishing
già disponibile in ebook
--o--






Cosa succede se un romanzo rosa diventa il protagonista di un romanzo rosa?
Detta le regole, crea imprevisti e seduce completamente Lucrezia, che lo ha acquistato per noia e storcendo un po’ il naso. Così lei si trova a imitare la protagonista del libro che, guarda caso, ha il suo stesso nome.
L’Altra Lucrezia diventa il suo spirito guida e le soffia all’orecchio di lasciare il fidanzato perfetto e di dire il primo no al suo capo, dopo anni passati a strisciare. Ma l’Altra Lucrezia, smagliante tra le pagine del romanzo, brancola penosamente se si misura con il mondo reale e nessuno dei suoi consigli sembra andare a buon fine.
Forse pitturare di azzurro mare le pareti di casa, potrà servire ad arginare il vortice degli eventi negativi?
O sarà la luna a operare il sortilegio, regalando un lieto fine persino più sfolgorante di quello di un romanzo rosa?
Con Sotto la stessa luna l'autrice ha voluto fare un divertente omaggio al romanzo rosa e alle sue numerose lettrici, che amano vivere e sognare con ironia e romanticismo.

Considerazioni.
Romanzo carinissimo quest'ultima fatica della Albanese, che mi ha sorpresa davvero tanto ed in positivo. 

Sorpresa perchè sapevo che questa autrice fosse eclettica e decisamente romantica, ma la conoscevo più che altro per i suoi romanzi romantici ad ambientazione storica. Non la conosceva per nulla in campo contemporaneo e quindi è stata una bella scoperta vedere che si è mossa con scioltezza e naturalezza nel narrare una storia moderna cogliendone lo spirito e rappresentarla nei pregi e nei difetti con ironia e spensieratezza!

E' stato un esperimento decisamente riuscito, in quanto la storia risulta essere  un bell'amalgama sia dello spirito spumeggiante e divertente della nostra epoca che della sua dissacrante visione delle cose, ed in particolar modo del modo in cui consideriamo il romanzo rosa in generale. 

La trama è abbastanza semplice, una certa Lucrezia, protagonista della storia,  acquista un romanzo rosa (anche se è un diffidenti nei confronti di questo genere), ma man mano di sente presa dalla storia e cerca di imitari i comportameti della protagonista della storia che legge, che guarda caso ha anche il suo stesso nome. 
In breve tempo Lucrezia segue i consigli che le vengono inviati dalla protagonista del romanzo (mollare il fidanzato o dire di no al capo, ad esempio) e rivoluziona man mano la sua esistenza, che sembra prendere una piega piuttosto negativa fino a quando non incontra una certa Alice...

Lo consiglio perchè è un romanzo che non si prende sul serio e proprio non facendolo si attira tutta la simpatia possibile. Prendendo di mira i romanzi rosa (verso i quali a volte l'accanimento è decisamente esagerato da parte di alcuni critici/autori e persone più in generale) la Albanese riesce a confezionare un romanzo ironico e intelligente tramite il quale ci sussurra che possiamo togliere il "rosa" dalle pagine di un libro, ma non dalle persone, anche le più scettiche e che il "romanzo rosa" come genere non è altro che il riflesso di un nostro desiderio, più o meno espresso.

E' scrittto bene, scivola via senza pari tra una battura e l'altra, ti rende felice perchè ridi alle battute (e non inorridisci perchè i dialoghi fanno scempio dei protagonisti) e pensi che l'avventura surreale di Lucrezia sia in fin dei conti uno spassoso siparietto degno di essere letto perchè ti intrattiene con allegria. Piacevolissimo!!!

Ornella Albanese Dopo aver pubblicato otto romanzi contemporanei (ed. Le Onde), dodici romance storici (I Romanzi Mondadori) e due thriller storici (Fanucci Leggereditore), Ornella Albanese si cimenta in un romanzo diverso da tutti i precedenti, anche se aveva già sperimentato la commedia brillante in più di cento racconti e romanzi brevi.
Con Sotto la stessa luna l'autrice ha voluto fare un divertente omaggio al romanzo rosa e alle sue numerose lettrici, che amano vivere e sognare con ironia e romanticismo.

mercoledì 29 luglio 2015

Recensione: "Storia della pioggia" di Niall Williams

  ---oOo---
Storia
della 
Pioggia
di Niall Williams
pagine 360 circa
prezzo 17.50€
Neri Pozza Editore
già disponibile
voto:
--o--



Ruth Swain, viso affilato, labbra sottili, pelle pallida incapace di abbronzarsi, lettrice di quasi tutti i romanzi del diciannovesimo secolo, figlia di poeta giace a letto, in una mansarda sotto la pioggia, «al margine – come lei dice – tra questo e l’altro mondo». Un giorno è svenuta al college, e da allora, malata, trascorre le sue ore in compagnia dei libri ereditati dal padre. Romanzi, racconti e versi attraverso i quali si avventura su sentieri sconosciuti, vive vite altrui piene di amori e passioni travolgenti, apprende cose che pochi sanno: che Dickens, ad esempio, soffriva d’insonnia e di notte passeggiava per i cimiteri; o, ancora, che da giovane Stevenson aveva attraversato la Francia dormendo sotto le stelle, in compagnia di un’asina che somigliava vagamente a una signora di sua conoscenza.
cover originale
Quando si è costretti tra le pareti della propria stanza, è bello scivolare dentro altre storie, diventare Jane Austen che, dopo la dichiarazione del suo spasimante, il signor Bigg-Wither, trascorre una notte insonne, oppressa dal pensiero di mettere al mondo dei piccoli Bigg-Wither; oppure Emily Dickinson che scriveva facendo largo uso delle maiuscole. È bello, soprattutto, ripercorrere il sentiero della storia della propria famiglia, scavare tra i secoli, tra reverendi bizzarri e un vasto assortimento di eccentrici irlandesi, per scoprire il fardello dell’ambizione smisurata degli Swain: l’ossessione di un mondo migliore dove Dio possa correggere i propri errori e gli uomini e le donne possano vivere la seconda stesura della Creazione, liberi dal dolore.
Mentre la pioggia batte sul tetto della mansarda, Ruth rovista cosí tra i libri e legge e raduna attorno a sé tutto quello che può: la vecchia edizione arancione di Moby Dick della Penguin, un libro che ingrassa ogni volta che lo prende, la copia di Ragione e sentimento con il ritratto di Jane con la cuffietta in testa, le memorie del Reverendo, il bisnonno che nella sua mente assomiglia al vecchio Gruffandgrim di Grandi speranze, gli appunti di Abraham, il nonno, che anziché abbracciare la chiamata del Signore abbracciò quella della pesca al salmone, i quaderni da bambino su cui Virgil, figlio di Abraham e suo amato genitore, annotava con la matita le sue poesie.
Storie che, come tutte le storie, si raccontano e si leggono per scacciare il male di vivere o, come nel caso di Ruth, per mantenersi ancora «al margine tra questo e l’altro mondo».



Considerazioni.
"Noi siamo la nostra storia, la raccontiamo per rimanere vivi o mantenere in vita quelli che raccontiamo. L'Io narrante e il narrato sono così evanescenti".
Ecco cosa dice la protagonista di questo romanzo, Ruth Swain, direttamente ai lettori. E' una frase che costituisce quasi un ammonimento al lettore e a se stessa, una frase che torna più volte e che non manca di essere evocata (anche se non esplicitamente) anche nel finale del libro, ed in  qualche modo riesce sempre a chiudere il cerchio di quanto pensato e detto da Ruth.

Niall Williams ritiene che la cultura sia quella che si apprende anche e soprattutto dai libri non prettamente scolastici - ma di diletto, di evasione, di narrativa, di letteratura, ecc.. -  ecco perchè ha scelto Ruth, la quale non ha la possibilità, per via delle sue condizioni di salute, di studiare a scuola e quindi legge tutto, e impara cose che altrimenti non avrebbe modo di sperimentare o raggiungere.
Inchiodata "al margine tra questo e l'altro mondo" Ruth usa la lettura come grande occhio che le espone il mondo. Se lei non riesce ad uscire e vederlo ecco che lui va da lei con i libri (in particolar modo quelli del diciannovesimo secolo, ma si sa che il mondo cambia vestigia ma non sostanza...).
La mente è un organo formidabile ho sentito dire una volta, e credo sinceramente in questo. La convizione, la fantasia, la percezione, la costruzione di idee forti e convicenti uniti a una grande forza di volontà possono fare cose (soprattuto se a contatto con i libri) che altrimenti sarebbe difficile da sperimentare in una vita. Come grandi mani che si estendono a portare le nozioni a casa di Ruth, i personaggi, la storia, la scienza, ma soprattutto le persone, il loro animo e le loro esperienze da tutto il mondo vengono raccolte ai suoi piedi, in Iralnda, pronte per essere conosciute. 

Essendo figlia di un poeta non è quindi difficile, per Ruth, usale la mente e l'immaginazione per fare il resto e la sua storia personale di tutti i giorni - che ad una prima occhiata potrebbe apparire banale e quasi misera -  diventa motivo di intrigante scoperta e meraviglioso vissuto.
 
"Storia della pioggia" è un romanzo particolare, che si può definire con una marea di parole - profondo, personale, intimo, corale, colto, interessante - ma che in qualche modo a queste definizioni continua a sfuggire deliberatamente. Perchè una definizione definisce, ma non racchiude tutto quanto quella parola significa realmente, le sue sfumature, il contorno sfocato di quello che si porta dietro.

Ho amato molto questa lettura dal sapore irlandese, pieno di citazioni e intriso di amore puro e viscerale verso i libri.
Quest'ultimo emerge sempre e comunque a dispetto degli eventi che ci narra - e in cui è coinvolta - Ruth, a dispetto di quello che il destino e la vita hanno scelto per lei e a dispetto di quanto e quanti non credono che una lettura possa in qualche modo influenzare una vita e guidarla verso una determinata direzione.
"Ogni libro è la somma dei libri letti dallo scrittore" dice Niall Williams e prosegue dicendo "Tutti raccontiamo storie. Le raccontiamo per passare il tempo, per dimenticare il modno o capirlo meglio. Raccontiamo storie per scacciare il male di vivere". 
da "Storia della pioggia" di Niall Williams
Niall Williams, anche se propone ed impone, quale regina della storia, una donna dietro il quale celarsi non riesce a non mettere sulla carta molti dei suoi pensieri personali (in particolar modo riguardo ai libri) e quindi svelare considerazioni dolci, amare, vere, dolorosi, ecc... circa quanto più ama e lo circonda: la scrittura, i libri, la sua terra e il misticismo cdi cui è intrisa.  

E' affascinante lasciarsi immergere nella verde isola di smeraldo, nel suo rapporto conflittuale con le religioni e i suoi precetti (il Paradiso, l'Inferno, ecc...), nei suoi riti scaramantici, nei suoi miti, nelle sue credenze, nel vedere come tutto abbia un significato (il fiume Shannon come "Chiesa", il salmone come conoscenza e saggezza, ecc...) che riconduce alla natura e alla cultura celtica. 
Ma è anche curioso vedere come tutti i lavori definiscano le famiglie e questi definiscano le singole persone.

E tutto questo, Ruth lo lega a quanto legge e lo rende in un certo senso poetico “così come il Tempo, trasforma le disgrazie in fiabe”, capite cosa intendo?

Ed è ancor più interessante leggere di cosa Williams, tramite Ruth, pensi su Dickens & Co.   quanti libri ha letto, le citazioni che inserisce qua e la per stuzzicare il lettore, stimolarlo, portarlo verso un titolo piuttosto che un altro, mostrargli i passaggi e l'apertura mentale a cui conduce la lettura. E' bello leggere come Williams vede l'esistenza e come la vede in relazione alla scrittura, come assapora - quasi da poeta - l'esistenza nelle sue sfumature più diverse, come prende tempo per leggere tra le righe, per assorbire i silenzi e renderli assordanti, per usare le parole e farle rimbombare nella mente.

E' davvero un bel romanzo, suggestivo ed evocativo, che coglie la vita attraverso la mente di quanti ci hanno preceduto e di essa hanno scritto e ci dice di viverla,  possibilmente, di quando in quando, abbandonandoci alla lettura. Consigliato.


Niall Williams è uno scrittore irlandese. Si è laureato in letteratura inglese e francese presso l’University College di Dublino e dottorato in Modern American Literature. Ha lavorato come copywriter per Avon Books, a New York. Il suo primo romanzo, Four Letters of Love, è stato un bestseller internazionale, pubblicato in oltre venti paesi.

Recensione: "Etta e Otto e Russell e James" di Emma Hooper


 ---oOo---
Etta e Otto
e Russell 
e James
di Emma Hooper
pagine 350 circa
prezzo 18.50€
Bompiani
già disponibile
voto:
--o-- 






Il più grande desiderio di Etta, che vive in una sperduta fattoria a Saskatchewan, è di vedere il mare.
cover originale
Così, una mattina, all’età di ottantatré anni, decide di alzarsi molto presto, prende con sé un fucile, del cioccolato e i suoi stivali migliori, e inizia a percorrere gli oltre tremila chilometri che la separano dall’acqua.
Ma Etta sta cominciando a dimenticare le cose, mentre Otto, suo marito, ricorda tutto e la ama profondamente. Anche Russell, il loro vicino, ricorda, ma in maniera diversa: ama Etta da sempre, tanto quanto l’amava cinquant’anni prima, quando ancora non aveva sposato Otto.
Con un ritmo simile a quello delle onde, Etta e Otto e Russell e James si muove tra il presente fin troppo pacifico di una fattoria canadese e un passato arido e polveroso, fatto di guerra, passione e speranza, tra la voglia di ricordare e il disperato tentativo di dimenticare, seguendo i passi determinati di Etta nello scenario incantato del territorio canadese.




Considerazioni.
L'altro giorno mi hanno domandato, vedendomi leggere questo romanzo, come lo trovassi. La prima cosa che mi è venuta in mente è stata che l'ho trovo un romanzo inaspettato.
Inaspettato rispetto al panorama letterario paventato in questo ultimo anno e inaspettato perchè non mi ero immaginata di trovarvi una storia di questo tipo, che mi ha colpito e mi ha trovata coinvolta e impressionata.

In "Etta e Otto e Russell e James" la Hooper ci narra le vicende dei quattro protagonisti citati nel titolo del romanzo a partire da Etta, la quale ha 83 anni ed ha incominciato a dimenticare... In una mattina come tante altre - presso la sua fattoria nel Saskatchewan (Canada) - Etta si alza, si lava la faccia, si veste, mette gli stivali buoni, prende il fucile, delle cioccolata e s'incammina a piedi per andare a vedere l'oceano, che non hai mai visto. Peccato che tra casa di Etta e l'oceano vi siano solamente 3232 kilometri.

Stessa fattoria del Saskatchewan dalla quale è parita Etta. Otto, suo marito - il quale a differenza della moglie incomincia a ricorda troppo del suo passato - decide di non impedire il progetto di Etta. Di non rincorrerla. Otto la ama incondizionatamente e profondamente e proprio comprendendo le ragioni del viaggio continua a fare quello che stava facendo, come tutte le mattine, solo con la preoccupazione che Etta stia bene e che il viaggio arrivi a buon fine.

C'è una persona che si metterà sulle tracce di Etta non appena saprà del suo viaggio, ed è Russel, il vicino di casa di Otto e sua moglie, il quale da sempre è innamorato di Etta e quando viene a sapere della sua partenza si preoccupa subito per la pazzia del viaggio e quello che comporta.

Un solo amico affiancherà Etta nel suo viaggi, ed è James, un coyote parlante che le permette di "vedere" e notare le cose, di scegliere - tra le tante, con un sussurro - la strade giusta che porterà Etta verso l'oceano, a respirare, sentire e vedere paesaggi nuovi, diversi e bellissimi che non ha mai visto.

Essendo la Hooper una musicista non ci si poteva che aspettare un romanzo corale, un romanzo lirico, che traccia la concretezza del suo essere nell'invisibile trama costituita dal "sentire" dato dal  sentimento e dal ricordo, come percezione e odore, come essere ed essere stato.
Non si può propriamente cogliere e raccogliere un romanzo di questo tipo, ma si può cercare di definire quanto esso ti abbia donato in cambio del tempo investito per leggerlo. E di questo si può dire tanto, a cominciare da Etta.

Etta è il passato, colei che non riesce a vivere il presente se non con foglietti che le ricordino chi è e cosa sta facendo, i legami che costruiscono le sue radici e un coyote che sussurra parole di incoraggiamento e indicazioni che le evitino di perdersi.
Ma resta comunque un'impresa difficile quella di Etta, perchè è anziana, è fragile, è sola e perduta fuori e dentro la sua testa, ma le intenzioni e le sensazioni la guidano. Esse sono la sua forza, la ribellione alla sua condizione. Sa che la volontà la porterà dove vuole arrivare e il cuore sarà (o almeno ci spera) ciò che la riporterà da Otto.

Otto, che spera la medesima cosa, intanto ci permette di mettere insieme i pezzi della loro storia individuale e poi di coppia, è la memoria storica, la roccia su cui si fonda la famiglia.

Grazie ai ricordi di Otto, a quelli di Etta, grazie a Russell e alla bravura della Hooper di rendere un romanzo toccante sia dal punto di vista umano ma anche un meraviglioso affresco paesaggistico che sa di antico, splendido e in qualche modo perduto.
Ne sortisce una storia che si rimpiange non appena terminata, che conduce a sentimenti che sembrano impossibili da poter replicare, ma che si vorrebbe vivere, tenere per sè e augurare a chi si ama per davvero almeno una volta nella vita.

"Etta e Otto e Russell e James" è un'oscillazione toccante e bellissima tra presente e passato; un'ode alla natura, al Canada e all'amore; un canto alla libertà anche nella coppia e una musica delle parole e dei pensieri; una tela di colori che sembra oscillare, ballare e trascinare in cieli di ruggine e tra l'arsura brunita dei campi battuti dal vento e dal sole.

"Etta e Otto e Russell e James"  è la crudeltà del tempo e la dolcezza mielata dei momenti che si strappano ad esso e per il quale viviamo, anche replicandoli nella mente.

"Etta e Otto e Russell e James" E' un passato che ci conduce lontano, un presente che ci sfiora soltanto, è la guerra dei pensieri e l'incertezza della azioni.

"Etta e Otto e Russell e James" E' tutto quello che può contenere un tenero cuore umano.



Emma Hooper è musicista e scrittrice. Il suo progetto solista “Waitress for the Bees” sta continuando un tour internazionale e le è valso il Finnish Cultural Knighthood. Come autrice, ha scritto racconti, testi di non-fiction, poesie e libretti, ma anche innumerevoli testi accademici che spaziano dal retro-futurismo agli studi di genere nella musica pop. Emma Hooper è ricercatrice presso la Bath Spa University nel dipartimento di Commercial Music. Vive in Gran Bretagna, ma appena può torna nel suo paese d’origine, il Canada.

lunedì 27 luglio 2015

Recensione: "Il paradosso di Pancrazio" di Luigi Pistillo


 

---oOo---
Il Paradosso
di Pancrazio
di Luigi Pistillo
pagine 250 circa
prezzo 16€
Mursia Editore
già disponibile
voto:
--o--




 


Come il calabrone vola a dispetto delle leggi della fisica, allo stesso modo Pancrazio vive pur sprovvisto di tutti gli attributi necessari e sufficienti per affrontare la multiforme e ostile metropoli milanese.
Un paradosso vivente, questo è Pancrazio.
Stralunato e ingenuo precario esistenziale, senza un lavoro fisso, senza cultura, senza passioni (a parte le donne e la collezione di tappi), un po' sovrappeso, il protagonista di questo romanzo è ogni giorno alle prese con gli enigmi della realtà che di volta in volta hanno il volto di improbabili ciarlatani di televendite, ragazze rimediate via Internet, vicine di casa sadiche, medici avidi e artisti d'avanguardia, pubblici amministratori inaffidabili.
Per tacere della sua famiglia e degli amici. Pancrazio, il Biagiotti, la signora Giovanna – rispettivamente padre e madre del paradosso vivente – e Franco, l'amico di sempre, compongono una bizzarra compagnia di ventura alle prese con la vita e la sua straordinaria assurdità. Divertente, grottesco, satirico, spietato e tenero, questo romanzo guarda il mondo con gli occhi ingenui di Pancrazio.
E lo vede per quello che è: un rumoroso caravanserraglio dove nessuno può dirsi davvero normale. A parte Pancrazio che, paradossalmente, ha tutte le qualità senza averne nessuna.





Considerazioni.
Che si parli di un uomo che costituisce un paradosso vivente lo avrete compreso dal titolo, ma se leggete questa recensione è perché ne siete in qualche modo incuriositi, ma probabilmente non sapete bene cosa aspettarvi.

All'inizio, nemmeno io. Ma è molto facile entrare nel mondo di Pancrazio e grazie a Pistillo è  anche immediatamente accessibile e facile da fare proprio, confrontando le proprie caratteristiche con le peculiarità del personaggio in questione.
Pistillo, partendo da un personaggio semplice, pieno di contraddizioni, incomprensibili punti di vista e ragionamenti strampalati, ci mostra tanto il microcosmo in cui questo si muove, quanto il modo di interfacciarsi con la realtà che lo circonda. E sono due esperienze piene di ironia, di sardonico disincanto e anche di velata critica al mondo moderno che ci circonda - e a volte troppo imbecca su come vivere - alle persone che compongono il nostro paese e i principi morali e che lo muovono.

Si parte da un personaggio semplice, apparentemente poco (o per nulla) complesso, con caratteristiche decisamente esautorate per approcciarsi a una serie di avventure (in quanto il romanzo è più una raccolta di momenti che un vero e proprio racconto unico) in cui si vede Pancrazio tentare di confrontarsi con persone (conosciute e sconosciute), situazioni (vecchie e nuove) ed eventi che mettono alla prova il suo immoto modo di vivere, il suo mediocre modo di pensare e le sue passioni pacate e incolori.

Sembra infatti impossibile vedere Pancrazio darsi una mossa in ogni campo: lavoro, sentimenti, famiglia, amicizie, ecc... e la sua inconsapevolezza, a volte cecità è quasi impressionante e a tratti fastidiosa nella sua accidiosa costanza.
Ma Pistillo, con il palese obiettivo di dipingere pregi e difetti di quello che siamo, come siamo e metterceli sotto gli occhi, riesce bene e l'inettitudine di Pancrazio riesce quasi a dare uno schiaffo e una mossa, almeno morale, a chi legge.

Il romanzo, più per la vicenda in se stessa, mi è piaciuto molto per come viene narrato e proposto (negli argomenti e negli intenti) del suo creatore. Pistillo mi ha infatti molto colpito per il suo stile immediato, sincero (parla direttamente con il lettore) e semplice, per la sua voglia ed entusiasmo di narrare la storia di un personaggio che non sembra avere pregi o meriti se non quello dell'onestà e coerenza con se stesso e i suoi propositi. 
Pinketts aveva ragione quando ha affermato che «Pancrazio è un po' cugino di Candide, cognato sfigato di Forrest Gump, ma sostanzialmente figlio spaesato di Marcovaldo. Un umorismo irresistibile sul paradosso di una realtà inaccettabile, ma condivisibile.» perchè è fondamentalmene un ignavo, persino oltre il disincanto, l'abbandono e la lotta. Adatto anche il suo paragone a Fantozzi:  Fantozzi sta agli anni '70 come Pancrazio sta agli anni 2000. 
Pancrazio è oltre tutto e in coda a tutto e per questo è un personaggio interessante da osservare, come un pesce nella sua boccia d'acqua o gli uccellini in gabbia della copertina: per vedere cosa combina con quanto lo circonda e reagisce agli stimoli che lo circondano siano essi incarnati da suo padre, sua madre il suo amico Franco o ancora debba interfacciarsi con il teatro, la Croce Rossa i vicini e le donne...
Complessivamente è un romanzo che ho apprezzato molto per la sua autocritica alla mediocrità come obiettivo e come sprone (almeno ho voluto vederlo) e ho apprezzato uno scrittore di cui mi è molto piaciuto lo stile. 
Consiglio questa opera a tutti coloro che vogliono leggere un romanzo diverso e pieno di spunti di riflessione, in salsa ironica!


Luigi Pistillo, nato a Campobasso, vive a Milano. Ha conseguito la laurea in Lettere Moderne all’Università di Urbino. Collabora con vari periodici in qualità di critico drammatico e letterario. È autore di opere e di adattamenti teatrali. Già direttore artistico del Lombardia Festival e di numerose altre manifestazioni, ha scritto e diretto il film Trincea, presentato in vari festival a New York, Berlino, Lubiana. Il paradosso di Pancrazio è il suo primo romanzo. 

Banner del sito:

---o- Disclaimer -o----

Questo blog non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. (in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità). I contenuti e le immagini (di cui non si intende violare il copyright) sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi e tutto il materiale pubblicato è copyright delle case editrici e degli autori che ne detengono i diritti.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti.
Tuttavia, qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi a questa email bostonianlibrary@gmail.com
e si provvederà a cancellare i commenti ed il materiale ritenuto offensivo o lesivo dell’immagine o dell’onorabilità di terzi.
Si avvisa e specifica che la maggior parte delle immagini - se non la totalià - presenti su questo blog provengono dal sito http://www.pinterest.com (di cui non è sempre possibile determinare con precisione autori, data di redazione e aggiornamento, a cui si demanda al sito).