Recensione: "Ladra di cioccolata" di Laura Florand

giovedì 13 settembre 2012

 
Come mangiare da fontane di cioccolato 
... ma senza rimorsi!

 








---oOo---
  Ladra di Cioccolato
di Laura Florand
pagine 330 circa
prezzo 10€
  Leggereditore
dal 13 settembre 
--o--






La serie"Chocolate" si compone di :

0. All's Fair In Love And Chocolate - novella
 inclusa nella raccolta "Kiss the Bride" - inedita in Italia
1. The Chocolate Thief - Ladra di Cioccolato
2 The Chocolate Kiss.

The Chocolate Thief (Chocolate, #1)
cover originale
Cade Corey è la figlia del principale produttore di barrette di cioccolato americano; Sylvain Marquis è il più raffinato chocolatier di Parigi. Lei vorrebbe mettersi in affari con lui, ma lui non intende svendere la sua arte a un colosso industriale. Lei però è disposta a tutto pur di creare un nuovo prodotto dal sapore inconfondibile e raffinato, in grado di accrescere la fama del suo già popolarissimo marchio, persino a rubare le ricette dell’ostinato e affascinante chocolatier.
Presto la notizia che una ladra di cioccolato si aggira per le strade di Parigi rimbalza di giornale in giornale, fino al New York Times, portando così nuovi clienti al negozio, ma mettendo in serio pericolo la reputazione della donna. Tuttavia, in guerra e in amore non ci sono regole, e nonostante tutto l’attrazione fra i due non si farà attendere. Complice l’inebriante sensualità del cioccolato…
 
Considerazioni:

Come avrete potuto appurare, se mi seguite da un pochino, amo
visceralmente i romanzi che la Leggereditore ci offre ogni mese. Ma devo proprio dirvi che come il libro che è in uscita per il 13 settembre ne ho letti pochi. Perchè è un pò come per i grandi amori o i grandi avvenimenti o ancora per le grandi personalità: una concatenazioni di eventi ti portano inspiegabilmente al momento perfetto, a quell'incontro casuale e unico, quella posizione astrale fortuita che in qualche modo ti conduce a quel momento.  
Magari non lo cerchi, magari non era la tempistica giusta, ma è quello che sicuramente fa per te e niente, niente al mondo potrebbe renderlo più perfetto ai tuoi occhi come il momento che ti viene portato in dono.
Ecco, questo è il romanzo che ci voleva. Proprio questo, proprio in questo momento. Proprio quando per certi versi, su certi fronti non volevo più saperne di storie di un certo tipo in un certo contesto, ecco la storia perfetta, narrata in quel momento perfetto che ha fatto di me una persona felice ed entusiasta della lettura, dei dolci, dell' amore che li lega e anche nel tempo in cui sono immersa mio malgradro (talvolta).

E una storia che è contiene tutto: dalla passione viscerale e assoluto per il lavoro che si intraprende, per le radici, per la famiglia; è ironico quanto basta per non farlo apparire una commedia stupida o sui generis, è lussuriosa, appassionata, sensuale, come le spire del cioccolato che viene mescolato, steso, manipolato e poi assaporato, sciolto sulla lingua. E poi i personaggi sono perfetti come i cioccolatini che vengono prodotti dalle loro mani, e durante la storia sciolgono la loro corazza pian pian che si trovano ad affrontare i sentimenti che aumentano e si sciolgono e spandono per quello che sono, riversando il loro contenuto e appaiono appassionati, dolci, romantici, ma anche leggermente aspri, combattivi e tenaci, come il gusto del cioccolato che ti abbandona lentamente.


Una nota di merito va sicuramente data all'autrice che si è dimostrata capace di realizzare un romanzo leggero, appassionante, spassoso senza cadere nell'ovvio o nel-già-visto/letto-da-qualche-parte-ma-non-ricordo-dove. La Florand ha preparato una trama efficacemente romantica, in una città che non può non ispirare romanticismo e poi la arricchisce incredibilmente di sentimento e di beneamato ironico agire della protagonista che non risultamai stucchevole o pendante.
Inoltre, cosa che ho apprezzato tantissimo è che la Florand non si limita ad accennare a casti baci degni compagni romantici di questa tipolgia di romanzi, ma lascia dar sfogo alla passione accumulata nelle pagine precedenti e imprime concretezza e sessualità alla sensualità creata fino a quel momento della cioccolata, e l'incontro/punizione/sesso dei protagonisti non potrebbe essere più perfetto!

E proprio come il cioccolato ecco che questa storia rimane impressa a lungo, la si vuole moltiplicare nella propria mente ... si vogliono replicare i momenti vissuti con (al posto) loro in pasticceria, si vuole provare la magia del cioccolato caldo appena fatto dalle mani del proprio amante, si vuole poter giacere con lui sul ripiano di marmo dove crea le perle d'ebano che ci sciolgono l'anima e annebbiano la mente, si vuole provare a giocare con i gusti a passeggiare a Parigi con in mano un pacchetto di cioccolatini misti e abbandonarsi ad un luogo ed a un tempo che appartengono (ahi noi) solo ai libri.



---oOo---
Consigliatissimo, Si!
--o--


Nessun commento: