☆ I POST PIU' RECENTI DEL BOSTONIAN LIBRARY ☆
Il meglio ... scelto per voi!

Recensione: "Le parole del nostro destino" di Beatriz Williams

mercoledì 26 settembre 2012


Image of Le parole del nostro destino





---oOo---
Le parole del 
nostro destino
di  Beatriz Williams
pagine 464
prezzo 17,60€
Nord editore
già disponibile
--o--







La Storia.
Amiens, Francia, 1916. Incurante della pioggia battente, una donna è in attesa fuori della cattedrale. Tra i fedeli raccolti in preghiera, c'è il capitano Julian Ashford, l'uomo per cui lei ha sacrificato ogni cosa e che tuttavia non rivedrà mai più. Quando tornerà in trincea, Julian morirà. Ma lei è lì per riscrivere il loro destino. Il nome della donna è Kate... 
Overseas
cover originale
New York, oggi. Incurante del gelo, una donna è in attesa davanti alla porta di Julian Laurence: sebbene sia la vigilia di Natale, deve consegnargli dei documenti urgentissimi. I due si sono conosciuti il giorno precedente, eppure, quando lei entra in casa, lui si comporta come se l'aspettasse da sempre, come se l'amasse da sempre. Ricambiare quell'amore le sarà facile: Julian è uno degli uomini più ricchi e affascinanti di Manhattan, è romantico, appassionato, intenso, Per qualche mese, la vita diventa un sogno da cui non ci si vorrebbe svegliare mai più... Ma poi, dal nulla, spunta un libro: la biografia di Julian Ashford, un prezioso volume corredato di foto e di lettere scritte dal celebre poeta-soldato durante la prima guerra mondiale. La donna non ha dubbi: la calligrafia elegante e ordinata, gli occhi gentili, il volto che s'intravede sotto il berretto sono del suo Julian. E quel libro sta per segnare il loro destino. Il nome della donna è Kate... 

Considerazioni.
Darvi un parere, delle considerazioni e la mia opinione spassionata non è mai stato arduo come questa volta, sono assolutamente sincera. Mi riduco all'ultimo a scriversa perchè l'ho fatta più volte, in modi diversi, ma non riuscivo, almeno rileggendola, a farvi pervenire quanto la scrittrice mi avesse fatto amare questa storia, quanto l'avessi apprezzata narrativamente e stilisticamente.
Ho pensato dunque che il modo più onesto per dirvi quello che pensavo fosse meglio contenerlo in poche righe, probabilmente non abbastanza mi rendo conto, ma del tutto sincere e dirette.

Mi sono affezionata a questa storia piano a piano. Non è stato un colpo di fulmine, anche se la pubblicità che la Nord le aveva dedicato mi aveva oltremodo incuriosito, tanto che sono approdata al libro con un interesse che nelle prime pagine si è smorzato, non è stato fomentato o colmato. Immediatamente non mi ha preso moltissimo, vedevo in qualche parte anche la rilettura di alcune storie che avevo letto di recente, poi invece la Williams è riuscita a far incastrare i pezzi di questa storia in modo perfetto, molto coerente e narrativamente stimolante.

Per questo mi risulta complicato  comunicare quanto ho assorbito da quersto romanzo, perchè è nella sua totalità, una volta finito e riposto sul comodino che la storia di notte mi è entrata in circolo; il giorno dopo continuavo a pensarci e continuava a ronzarmi in testa. Confesso di averlo riletto una seconda volta, ma non perchè non riuscissi a capirlo o la trama fosse complicata o scritta in modo criptico, non è nessuna di queste, semmai il loro inverso, ma non sapevo dire cosa o quando o chi mi fosse piaciuto in particolare. Non posso dirvi di aver apprezzato di più un personaggio piuttosto che un altro, perchè i personaggi sono perfetti per come sono, per come sono stati fatti agire e pensare e discorrere. Le situazioni che vengono vissute, il tempo che scorre avanti, che torna indietro, che rivede se stesso, che tenta di compiere il giro su se stesso... tutto ha un senso senza però averlo del tutto.

Probabilmente quello che mi ha fatto arrivare di più questo romanzo non è tanto il concetto che l'amore può tutto - in ogni senso. Quanto piuttosto l'alea che ci avvolge, data dal tempo. L'irraggiungibile entità che l'uomo non potrà mai avere, controllare, contro il quale non possiamo alla fine combattere, la battaglia contro cui  anche il migliore tra tutti gli uomini parte già sconfitto, perchè è il pegno che non potrà mai chiedere indietro.
Forse il bello del tempo è anche questo, no? Il fatto che saperlo determinato ci costringe a vivere con più oculatezza, con più ostinazione le cose, i momenti, le persone...

"Le parole del nostro destino" si colloca proprio qui: cosa faremmo se potessimo tornare indietro nel passato e salvare la persona che amiamo oggi, nel presente? Come agiremmo? La saveremmo anche in un altro tempo o la lasceremmo a se stessa? Cosa succederebbe se non volesse essere salvata? Vivremmo ancora, con tale consapevolezza? Avremmo illuso solo noi stessi? O il tempo, alla fine, non è che un'opportunità di vivere sentimenti e momenti irripetibili, se non nella memoria, che non ci assicura ripetizione o felicità, che non ci promette vittoria, ma ci concede solo un riflesso del passato con il ricordo?
Il romanzo ovviamente non è così "direttamente" riflessivo, e probabilmente è capitato nel momento giusto della mia vita, tale da farmelo particolarmente apprezzare, ma secondo me pur essendo scritto in modo molto moderno, semplice e diretto concede spazio a considerazioni oltre che sul tempo, anche sull'amore - quello potente, assoluto e incredibile - che da sempre cerchiamo negli occhi di qualcuno, e perchè no in alterenativa nelle pagine dei libri, nonchè nel cuore di ogni cosa, in ogni dove e ci permette una riflessione anche sul valore delle guerre, dell'importanza del passato e soprattutto delle seconde oppportunità, che il tempo molto spesso non ci permette di lasciar sfuggire...


Consigliato? Si. Si. Si. E' davvero un bel romanzo, scritto posatamente, ma con passione, la Williams ci credeva nella storia che ha scritto, si sente, si legge; inoltre credo sia una bellissima storia romantica, dai toni moderni rivolti al presente, ma dal cuore vecchio stile che strizza un occhio al passato.


Il book trailer:


2 commenti:

Morna ha detto...

Che bella recensione! ^^ Mi hai fatto venire voglia di leggerlo! Lo inserisco in wl :)

Endimione Birches ha detto...

Grazie Morna!!!!
Si, è un libro che mi è piaciuto moltissimo!! Spero tanto che possa piacerti in egual modo ;)
buona giornata!!