Preview: "Madame Sousatzka" di Bernice Rubens

mercoledì 28 novembre 2012



  Madame Sousatzka non è un libro sul successo o fallimento, 
ma sulla necessità di fare sempre il proprio meglio, 
giorno dopo giorno, semplicemente perché si crede in se stessi, 
a prescindere da cosa dicono gli altri...

cover 




---oOo---

Madame 
Sousatzka
di Bernice Rubens
pagine 240
prezzo 16€
Astoria 
da dicembre
--o-- 




 
Marcus, undici anni, ha un indubbio talento per il pianoforte. Dopo aver assistito a un suo saggio scolastico, Madame Sousatzka decide di dargli lezioni. E non vuole insegnargli solo l’amore per la musica, ma anche come sedersi, come respirare, come tenere i gomiti e come pensare al proprio talento. I rapporti tra i due sono spesso tempestosi, perché Marcus, pur amando la musica, ama anche il mondo, sua madre – personaggio complesso, timoroso di una realtà straniera nella quale si muove a disagio – e vorrebbe condurre un’esistenza normale, non fatta solo di lezioni. Madame Sousatzka, invece, lo vorrebbe perennemente concentrato, convinta – anche se non sempre – che solo attraverso il suo metodo il ragazzo potrà dare il meglio di sé.
Madame Sousatzka
cover originale
Ma chi è Madame Sousatzka? Donna certamente eccentrica, con alle spalle una carriera da concertista mai iniziata, ha dedicato la propria vita alla musica e all’insegnamento. A distanza di decenni un incubo la perseguita: il suo primo (e unico) concerto, fatto troppo presto su pressione di una madre ambiziosa, interrottosi a metà per una crisi di pianto. Quell’umiliazione è ancora ben presente e influenza la sua attitudine verso gli allievi: non deve essere permesso loro di esibirsi in pubblico fino a quando non siano veramente pronti. Purtroppo Madame non è mai disposta ad ammettere che forse è arrivato il momento, e prima o poi tutti i suoi allievi si trovano costretti a rompere con lei. Queste rotture hanno popolato la sua esistenza di dolori strazianti e il suo studio di fotografie ingiallite. È per questo che vuole proteggere il suo allievo da un esordio che può rivelarsi disastroso, e cerca quindi in ogni modo di trattenerlo…

Ma il mondo, la madre, la curiosità, tutto preme su Marcus per farlo uscire dallo studio di Madame Sousatzka.
Le prime pagine

 
 
Bernice Rubens si sentì per tutta la vita una musicista 
fallita piuttosto che una scrittrice di successo.
 
Bernice Rubens (1928-2004) cominciò a scrivere a trent’anni, dopo aver insegnato inglese e fatto documentari, e pubblicò 24 romanzi, che ebbero successo di critica e di pubblico e vinsero numerosi premi. Il suo quarto romanzo, The Elected Member, vinse il Booker Prize nel 1970, battendo quell’anno Iris Murdoch, William Trevor ed Elizabeth Bowen. Madame Sousatzka, scritto nel 1962, fu filmato da John Schlesinger e interpretato da Shirley MacLaine. Era una scrittrice compulsiva e prendeva i temi dei suoi libri dalle sue vivacissime esperienze, dalle vite di amici e familiari, da secoli di tradizione e cultura ebraica ma, soprattutto, dalla sua immaginazione vivida e un po’ inquietante.  coverSebbene abbia scritto di molte cose diverse, Rubens ammetteva che in realtà scriveva di una cosa sola: i rapporti umani all’interno dell’ambito famigliare – “Tutto ciò che accade in una famiglia, accade in misura molto più forte in una famiglia ebraica” –, che descriveva con candore spietato e con inesauribile umorismo. I suoi personaggi sono intensamente umani e profondamente bizzarri.

Nessun commento: