☆ I POST PIU' RECENTI DEL BOSTONIAN LIBRARY ☆
Il meglio ... scelto per voi!

Preview: "Miracolo in una notte d'inverno" di Leino Marko

martedì 27 novembre 2012

Immersa nelle magiche atmosfere del Nord,
una favola per lettori di ogni età. 
Una storia perfetta che incanta, 
commuove, fa riflettere e sognare.
“La paura della perdita è una componente dell’amore.
Non puoi evitare i sentimenti per tutta la vita
perché sei in preda alla paura.
Se non hai il coraggio di amare o di farti amare,
non stai neanche vivendo.”
La storia del bambino che diventerà il leggendario
«Uomo del Natale»
Leino Marko







---oOo---
Miracolo in una 
notte d'inverno.
di Leino Marko
Pagine 272
Prezzo 14,00€
Feltrinelli
dal 21 novembre
--o--







Pochi giorni prima di Natale, Nikolas, cinque anni, perde i genitori e la sorellina Ada in un incidente in mare. La gente del vicino villaggio di pescatori vorrebbe aiutarlo, ma nessuna famiglia si può permettere di adottarlo, così si decide che Nikolas passerà un anno presso ciascuna casa del paese.
Wunder Einer Winternachtdie Weihnachtsgeschichte
cover originale
Il bambino, inizialmente chiuso in un lutto apparentemente inconsolabile, si apre sempre più al calore e all'affetto delle persone che lo accolgono, con le quali nascono legami indissolubili.

Nikolas ha perso la propria famiglia ma è diventato il figlio di una comunità intera, verso la quale sente un amore profondo.
A tredici anni si trasferisce a vivere dal vecchio Isak, in quella che d'ora in poi sarà per sempre la sua casa: la capanna del falegname ospita un meraviglioso laboratorio dove il ragazzino può assecondare il proprio talento nell'intagliare il legno.
I giocattoli di legno creati da Nikolas suscitano in chi li riceve una tale gioia che il ragazzo si ripromette di regalarli ai bambini del villaggio tutti gli anni, a Natale.
Quando nel paesino nasce una nuova bambina, cui viene dato nome Ada, tra lei e Nikolas, ormai uomo, s'instaura un rapporto speciale: solo lei conosce la vera identità del leggendario "Uomo del Natale" che ogni anno distribuisce di nascosto regali a tutta la comunità, ed è grazie a lei che Nikolas abbandona il dolore al passato per dedicarsi alla gioia di tutti i bambini.


Il book trailer:


Mentre giocano in riva al mare, due bambini trovano sul fondale una scatola di legno minuziosamente intarsiata, chiusa a chiave, ancora ben conservata. Quando la aprono, con l'aiuto del nonno, vi trovano un antico orologio da taschino e un biglietto ormai scolorito, sul quale è scritto:
 
"Felice Natale,
cara piccola Ada.
Tuo fratello Nikolas".


Pieno di stupore, il nonno ricorda una sorta di leggenda che aleggia sulla cittadina di Korvajoki, fin dai tempi in cui era un minuscolo villaggio di pescatori:


"Immaginate di avere ali immense
come quelle di un'aquila,
che vi sollevano in aria e
trasportano sopra il mare,
fino all'isola della famiglia Pukki.
Volate con la fantasia...".

Nikolas abita con la famiglia sulla piccolissima isola di fronte alla costa, quando una furiosa tempesta fa naufragare i genitori e la sorellina. Il bambino, che ha solo cinque anni, viene adottato da tutte le famiglie del villaggio e piano piano dimentica la paura, accetta l'amore e scopre nuove fonti di gioia. Ma non dimentica mai l'amata sorellina, finché un giorno, nel villaggio, nasce una nuova bambina di nome Ada, che riesce a provocare in Nikolas un'incredibile trasformazione.
Marko Leino (nato l’ 8 settembre 1967 a Hyvinkää ) è uno scrittore e sceneggiatore cinematografico finlandese. E’ l'autore di, tra le altre cose, gialli, e film e ha prodotto sceneggiature per il film Io e Morrison (2002), Matti (2005) e V2 - Angelo Morto (2006).
Da questo suo libro è stato tratto il film fantasy, drammatico diretto dal regista finlandese Juha Wuolijoki, “Storia di Natale” (in lingua originale finlandese: Joulutarina) che racconta le avventure di un ragazzo di nome Nikolas che diventerà Babbo Natale.
La pellicola, quasi interamente girata in Lapponia nella località di Utsjoki, è uscita in anteprima per la Finlandia il 4 novembre 2007, solo nella città di Lahti.

Nessun commento: