Oh love, my love ... rich out and take me ...

venerdì 21 settembre 2012

Il  romanzo che mi è stato caldamente consigliato e che vi propongo per il fine settimana è ... un erotico. Già, pare che questa scia non l'abbandoneremo per moooolto tempo. Una mia amica l'ha trovato stupefacente, quindi mi ha poi obbligato a prenderlo dicendo che avrei potuto imparare un paio di cose anche a 30 anni ... non so esattamente se fidarmi, ma tanto vale, le amiche pazze non si possono contraddire, quindi lo leggerò!

Il romanzo è la storia vera di una normalissima donna che ama la sottomissione. Lei in sostanza espone una testimonianza, la sua esperienza e scelta di vita, dalla parte delle sottomesse, del loro mondo, una storia, dal punto di vista di coloro che amano la sottomissione. La protagonista non lo vede come una tipologia perversa di amore o di rapporti sessuali.  Lei ama abbandonarsi totalmente al suo uomo e vuole cedere alla passione in tutte le sue forme, senza orpelli sociali o di qualsivoglia naturale inibizione.







---oOo---
Diario di una sottomessa
La storia vera di un risveglio sessuale
di Morgan Sophie
pagine 332
prezzo 15€
Bompiani
già disponibile
--o--







Sophie Morgan è una trentenne indipendente e di successo. È una giornalista, intelligente, brillante e sarcastica. Potrebbe essere la ragazza della porta accanto. Ma Sophie è anche una sottomessa: in camera da letto le piace lasciare la sua libertà e il suo potere nelle mani di un uomo che la domini per il puro piacere di entrambi.
Diary of a Submissive: A Modern True Tale of Sexual Awakening
cover originale
Dopo lo scalpore di "Cinquanta sfumature di Grigio", questo memoir racconta dalla viva voce della sua protagonista cosa significhi essere una sottomessa. Dalla prima sculacciata alla consapevolezza che anche le punizioni più severe le provocano piacere, la protagonista ci guida in maniera diretta e senza veli lungo la via che sta seguendo.
Ma è solo dopo il suo incontro con James che inizia a spingere sempre un po' più lontano i propri limiti. Man mano che la loro relazione si fa più coinvolgente, più audace, Sophie inizia a chiedersi dove tutto questo la porterà, se sarà possibile coniugare le sua sessualità con la vita di tutti i giorni e soprattutto se davvero l'uomo perfetto può essere animato anche da una crudeltà perfetta. 

Ma vediamo l'intervista dell'autrice pubblicata su Famaile First che potete trovare in inglese QUI: 

   
Famaile First - Sei una donna di successo di lavoro professionale, come sei arrivato alla sottomissione? 

Sophie Morgan - Anche prima di capire di che sesso fossi stata, mi ha sempre affascinato la visione di Marion catturata dallo sceriffo di Nottingham e fatta prigioniera. Del perché mi abbia provocato un brivido particolare, non ne ho idea. Ma tutti noi abbiamo le nostre perversioni non è vero? Non credo che l'essere una professionista abbastanza fiduciosa e schietta nella vita quotidiana necessiti di una barriera per godere di questo tipo di gioco sessuale nella vita domestica. 

FF - Com'è avvenuta l'attrazione per essa (la sottomissione) per te? 

SM - Credo che aggiunga una dimensione interessante e divertente al sesso. Posso parlare solo per me, ma mi piace stare sull'attenti e non sempre sapere cosa sta per accadere. Inoltre, mi piace che ci possano essere spesso quelle sensazioni di essere provocata  - non è affatto una forma di competitività (anche se sono che anche nella mia famiglia ci  sono, quando si rifiutano di giocare a Monopoli con me), ma rendere le cose difficili nel piacere / capriccio della mia dominante, sia che si tratti di fare qualcosa che trovo imbarazzante o sopportare qualcosa di doloroso è un diverso tipo di soddisfazione. Anche il dolore può essere stranamente catartico nel contesto giusto e spazio, di testa - ma non chiedermi della ceretta alle gambe, è un passo troppo lungo!

 FF - Pensi che ci sia un certo stigma collegato alle donne che indulgono in essa (la sottomissione)? 

SM - Purtroppo direi che sì, c'è. Essere una donna sottomessa ti rende politicamente scorretta. Ma è la mia scelta, ho la libertà di tale scelta e sono molto attenta a qualsiasi tipo di femminismo che avrebbe cercato di impedirmi di fare questa scelta informata. E non mi impedisce di essere femminista in altri settori. Voglio che la mia uguaglianza, in modo di poter scegliere - nelle giuste circostanze e con la persona giusta - di rinunciarvi per un po '. Questo non fa di me uno zerbino, una sempliciotta o un ritorno all'epoca pre-femminista, che purtroppo sono solo alcuni degli stereotipi prevalenti. 

FF - Diresti che è necessario disporre di un certo tipo di mentalità o chiunque potrebbe partecipare? 

SM - Chiunque può partecipare. Il divertimento in questo è che puoi essere quello che vuoi che sia dalla schiavitù lieve e la sculacciata alla sperimentazione con i giocattoli più hardcore e al gioco intenso. E grazie a "Cinquanta sfumature di Grigio" se ne parla di più e le persone sembrano sperimentare e vivacizzare la loro vita l'amore, e non può che essere una buona cosa, non importa cosa ne pensi dei romanzi. 

cover originale Penguin
FF - E 'qualcosa che si mantiene molto separato da te, dallo stile di vita di tutti i giorni e che cosa ti ha spinto a pubblicare un libro sulla tua esperienza di sottomessa? 

SM - La mia vita è abbastanza normale la maggior parte del tempo. Ho il mio lavoro, il mio ragazzo, io paga l'affitto di casa, vedo gli amici durante il fine settimana. Non è che dopo le 7 di sera indossando collare di ferro e gag ogni notte. E 'parte della mia vita sessuale (anche se nemmeno tutto questo - tra intense esperienze c'è una buona dose di sesso meno intenso, le coccole e l'affetto che ci si aspetterebbe in relazioni più tradizionali), ma non mi definisce. E 'solo un aspetto del mio carattere - in coppia con la mia ossessione per borse, il pedantismo grammaticale e drammaticamente testarda. Questo è in parte ciò che mi ha ispirato a scrivere il libro - per mostrare che non è in tutto  camere rosse di dolore e voli in elicottero. Le persone normali possono  indulgere in diversi modi che sono divertenti e di arricchimento senza che comprendano contratti di sesso, in triplice copia.

 FF - Infine, cosa possiamo aspettarci dopo da te? 

SM - Tieni d'occhio questo spazio. "Diario di una Sottomessa" è distribuito in sei paesi, e ci sono possibilità di un sequel. Nel frattempo continuo a scrivere, guardare le Olimpiadi e giocare a un sacco di giochi per computer.

Sophie Morgan è un giornalista di successo che ha appena pubblicato il suo libro "Il diario di un sottomessa" che racconta dei suoi racconti straordinari circostanti l'essere una sottomessa. 

Nessun commento: