☆ I POST PIU' RECENTI DEL BOSTONIAN LIBRARY ☆
Il meglio ... scelto per voi!

Preview: "Il seggio vacante" di J.K.Rowling

lunedì 3 dicembre 2012


 “Il nuovo romanzo di J.K.Rowling”
 Il romanzo, che racconta le elezioni locali di una piccola cittadina inglese ...

firma dell'autrice


Ineluttabile parlare della grande Rowling che ritorna finalmente in libreria con un nuovo ed importante romanzo. Nuovo perchè ovviamente abbandonata la serie di Harry Potter la scrittrice sentiva il bisogno di affrontare nuove avventure letterarie sentendosi libera dal personaggio del maghetto, che l'ha assillata per molti anni e resa in qualche modo letterariamente immortale. Importante perchè la Rowling ha scelta di non rivolgersi, con questo romanzo, alla fascia generazionale di pubblico per cui è divenuta famosa, bensì ad un pubblico adulto.
In questo romanzo infatti vedremo una Rowling riflessiva, affrontare tematiche molto più complesse, sfaccettate, porofonde e importanti. 
L'autrice stessa, nelle varie interviste che hanno preceduto l'uscita della versione inglese ed americana, ha affermato allo  Usa Today, che i lettori internazionali potrebbero incontrare alcune difficoltà nella lettura dell’opera, a causa delle forti radici inglesi dei contenuti, nonostante l’attualità dei temi trattati: 

 “The Casual Vacancy è ambientato in una piccola comunità e i protagonisti della storia sono personaggi che vanno dall'età adolescenziale fino ai sessant'anni. Adoro i romanzi del diciannovesimo secolo  incentrati su un paese o una cittadina e questo è il mio tentativo di crearne una versione moderna. Uno scrittore deve scrivere ciò che vuole scrivere, o meglio ciò che sente il bisogno di scrivere. Io sentivo il bisogno di scrivere questo libro”.
"Non credo che a tutti piacerà il libro. Ma sono orgogliosa di questo libro. Mi piace questo libro. E' ciò che è destinato ad essere. Come autrice, davvero non si può dire di volere di più. Non voglio dire ciò con arroganza, ma se alla gente non piace, beh, questo è ciò che dovrebbe essere, non è vero? Questa è arte. E 'tutto soggettivo'. E posso convivere con questo".
ed inoltre:

Penso che ci sia la possibilità che alcune persone non potranno godere appieno del libro. Si tratta di un libro molto inglese, e ha bisogno di essere un libro molto inglese, perché sto parlando in modo molto specifico di una società che conosco molto bene.
Io credo che i temi del libro possano essere trasposti attraverso qualsiasi confine nazionale perché, alla fine, stiamo parlando della nostra responsabilità di esseri umani, a prescindere che pensiate che tutti noi dovremmo essere completamente autosufficienti e le persone dovrebbero affondare o nuotare, o che pensiate che dovremmo tendere la mano… Questi sono dei temi molto attuali in diversi paesi, visto il caos finanziario in cui ci troviamo
”.
e in riferimento ad una possibilità di farne un film, come accaduto per Harry Potter:
Personalmente, non credo che questo sia un libro da trasporre con un film. E' una delle cose che mi piaciuto di esso. Penso che sia un nuovo romanzo proprio perchè una buona parte delle cose che accadono avvengono internamente. È necessario capire quello che sta accadendo nella testa della gente. Così, anche se accadono molte cose nel romanzo, parte del suo fascino, per me, è che molte cose avvengono nella vita interiore delle persone, e un film non è necessariamente il mezzo migliore per poterle trasporre”.


Ed ora eccovi il romanzo:

Il seggio vacante
 



---oOo---
Il seggio vacante
di J.K.Rowling
pagine 560
prezzo  22€
Salani
dal 6 dicembre
--o--







A chi la visitasse per la prima volta, Pagford apparirebbe come un’idilliaca cittadina inglese. Un gioiello incastonato tra verdi colline, con un’antica abbazia, una piazza lastricata di ciottoli, case eleganti e prati ordinatamente falciati. 
Ma sotto lo smalto perfetto di questo villaggio di provincia si nascondono ipocrisia, rancori e tradimenti. Tutti a Pagford, dietro le tende ben tirate delle loro case, sembrano aver intrapreso una guerra personale e universale: figli contro genitori, mogli contro mariti, benestanti contro emarginati. 
The Casual Vacancy
cover originale
La morte di Barry Fairbrother, il consigliere più amato e odiato della città, porta alla luce il vero cuore di Pagford e dei suoi abitanti: la lotta per il suo posto all’interno dell’amministrazione locale è un terremoto che sbriciola le fondamenta, che rimescola divisioni e alleanze. Eppure, dalla crisi totale, dalla distruzione di certezze e valori, ecco emergere una verità spiazzante, ironica, purificatrice: che la vita è imprevedibile e spietata, e affrontarla con coraggio è l’unico modo per non farsi travolgere, oltre che dalle sue tragedie, anche dal ridicolo. 
J.K. Rowling firma un romanzo forte e disarmante sulla società contemporanea, una commedia aspra e commovente sulla nozione di impegno e responsabilità. In questo libro di conflitti generazionali e riscatti le trame si intrecciano in modo magistrale e i personaggi rimangono impressi come un marchio a fuoco. 
Farà arrabbiare, farà piangere, farà ridere, ma non si potrà distoglierne lo sguardo, perché Pagford, con tutte le sue contraddizioni e le sue bassezze, è una realtà così vicina, così conosciuta, da non lasciare nessuno indifferente.

Un'intervista all'autrice in merito al romanzo (inglese):



«Questo è un libro straordinario. Come scrittrice la Rowling non ha niente da invidiare a Stevenson, Conan Doyle o P.D. James. Il suo talento si fonde con la capacità di creare personaggi toccanti e memorabili in un romanzo sull’Inghilterra contemporanea sotto il segno della tenerezza e del furore».
The Observer

«Corposo, ambizioso, geniale, spregiudicato, divertente, spiazzante e sontuoso, è il romanzo dell’Inghilterra di oggi, arricchito di sapienza letteraria… L’opera commovente di un’autrice che comprende fino in fondo sia gli esseri umani che i romanzi».
Time Magazine

«Un romanzo ricco di intuizione e talento, concepito e scritto con grande maestria. Un’esaltazione delle sue doti di narratrice»
The Economist

«Un affresco impietoso, amaramente divertente, della società contemporanea dominata dal classismo… Una commedia morale dei nostri tempi»
Daily Express

cliccare sull'immagine per approdare sul sito della Rowling

Nessun commento: