Recensione: "Alice in Zombieland" di Gena Showalter

mercoledì 6 marzo 2013



  




 ---oOo---
Alice in 
Zombieland
di  Gena Showalter
Pagine 350 circa
  Solo Ebook 6.99 Euro
Harlequin 
Mondadori
già disponibile
--o--






La White Rabbit Chronicles  è composta da:

1. Alice in  Zombieland - Alice in  Zombieland 
2. Through the Zombie Glass - inedito

Through the Zombie Glass (White Rabbit Chronicles, #2)
cover del secondo romanzo

Per sempre. Se qualcuno mi avesse detto che la mia vita sarebbe cambiata in un momento, sarei scoppiata a ridere. E invece è proprio quello che è accaduto. 
Alice in Zombieland (The White Rabbit Chronicles, #1)
cover originale
Un attimo, un secondo, il tempo di un respiro, e tutto ciò che amavo è sparito. Mi chiamo Alice Bell, e la notte del mio sedicesimo compleanno ho perso la madre che adoravo, la mia sorellina e il padre che non ho mai capito finché non è stato troppo tardi. 
Quella notte ho scoperto che lui aveva ragione: i mostri esistono veramente. Gli zombie mi hanno portato via tutto. E adesso non mi resta che la vendetta... 
Per realizzare i suoi propositi, Alice dovrà imparare a combattere contro i non-morti e fidarsi del peggiore dei cattivi ragazzi della scuola, Cole Holland. 
Ma lui nasconde dei segreti. E quei segreti potrebbero rivelarsi persino più pericolosi degli zombie.
  Non avrò pace finché non avrò rispedito nella tomba tutti i morti che camminano. Per sempre. Se qualcuno mi avesse detto che la mia vita sarebbe cambiata in un momento, sarei scoppiata a ridere. 
Considerazioni.
Carissimi lettori e lettrici del Bostonian Library, oggi mi è chiesto parere su un romanzo che non solo è molto difficile recensire per turtta una luuuunga serie di motivazioni, No, non solo, ma mi è domandato di spiegarvi, di tramandarvi la bellezza che sono finalmente riuscita a leggere in relazione ad una delle tematiche che più mi schifano nella letteratura di sempre: gli zombie.


Dovete sapere che non amo affatto - e quando dico affatto dico per-nulla-al-mondo-vorrei-leggere-un-romanzo-di questo tipo!! - gli zombie, non mi sento tranquilla quando devo leggere di zombie, persone morte che camminano e simili, per cui ho iniziato questo romanzo tenendo un occhio aperto e l'altro chiuso (non si sa mai, non volevo gridare troppo forte nel caso di panico...) ed invece mi sono trovata a leggere una storia di cui non mi capacitavo, scritto da una Showalter in stato di grazia e in vena di un pò di sano humor e fantasia alle stelle!!!

Se avete già letto Gena (se non ancora allora vi prego davvero di provarci) sapete che la scrittrice in questione è veramente molto brava nelle linee narrative paranormali che lasciano grande spazio alla creatività che la contraddistingue, ma non sapevo davvero, non speravo si tutto cuore che potesse giungere ad un romanzo così ben fatto, ambientato in uno spazio temporale decisivo e caratteristico delineato magnificamente per lo scopo per cui il libro si propone e soprattutto la storia, Gena è riuscita ad narrare: s.p.e.t.t.a.c.o.l.a.r.e.!!

Ma incominciamo proprio con la trama. Venghino signori e signore, venghino in un mondo cupo, molto alla "Tim Burton", gotiche che vede la rivisitazione della storia di Alice nel paese delle meraviglie... tanto è che il romanzo prende il nome diAlice in Zombieland. Se separate le ragnatele che vi separano dall'entrare in questo romanzo troverete una storia, quella di Alice Bell, una giovanissima ragazza di sedici anni che si trova a fronteggiare alcuni momenti terribili: infatti in ben una sola notte vede morire i suoi genitori e la sorellina in un tragico incidente d’auto che per poco costerà ad essa stesa la vita.
Questo tragico avvenimento Alice comprenderà come alcune - se non tutte - le fantasie del padre, l’ossessione costante di combattere il male, di segregare la famiglia in casa dopo il tramonto, di non passare di notte vicino ad un cimitero, ecc...  nonsono tanto mere visioni di una ragazzina trumatizzata ed impaurita, quanto piuttosto il terrore fondato del fatto che il male alberga in noi,  attorno a noi e ha l’aspetto di zombie, ma evanescenti come fantasmi e impercettibili come ectoplasmi di nuvole, che solamenti poche persone possono vedere e combattere.
Ovviamente, nemmeno a dirlo, Alice - come lo era anche suo padre - è una di esse e si ripromette di vendicare la morte della sua famiglia, andata distrutta.




 Potrà sembrarvi un libro prettamente per adolescenti, ma in tutta onestà posso dirvi che se la pensaste così avreste in parte torto. In parte , infatti, avreste ragione, perchè l'età, la maturità di Alice fa propendere per una visione scanzonata e leggera della storia, ma Gena è riuscita a far divenire questo romanzo un romanzo leggibile trasvesalmente a qualunque età la si legga e far piacere univocamente il romanzo sia per come esso è narrto sia per come la storia - tutt'altro che banalmente - si evolve, muta e  coninvolge nel suo enuclearsi al lettore.

Secondo la mia personale opinione la cosa che mi ha più colpito, favorevolmetne, è stata proprio la visione che più temevo: quella degli zombie. Qui la riletturadi questi personaggi mi ha colpito più che favorevolmente, mi ha spiazzato ed interdetto, perchè per la prima volta in questa mia vita ho visto gli zombie come qualcosa di diverso da delle iene parassite che si cibano degli umani e basta. Già, ve l'ho detto che odio appassionatamente gli zombie!! Qui, vederli come spiritelli eterei, ma con un loro perchè, mi ha convinto e rapito al contempo. Grazie Gena, dal profondo del mio cuore, non me lo aspettavo davvero, è stato un magnifico regalo che mi ha aperto linee narrative fino ad ora inesplorate, almeno dal mio personale punto di vista.


Vi sembrerà forse presuntuoso, ma secondo me, se amate la letteratura paranormal ben strutturata, se volete immergervi in atmosfere trasognate, un pò inquietanti, avvolgenti, intrise di supance e avvenimenti succosi e interessante ... non rimmarete assolutamente insoddisfatti!! Lasciatemi dire che troverete il tutto moooolto interessante e non potrete che non fare come me aspettando il seguito. Assicurato!!

Punti a favore: Segni particoclari: bellisssimo.
Punti a sfavore: Io direi nessuno, se non il fatto che al momento lo potrete reperire solo in ebook, sigh!

Gena Showalter è americana, è nata  nel 1975 in Oklahoma ha pubblicato il suo primo romanzo nel 2004 e oggi ha al suo attivo oltre 30 romanzi di diversi generi erotici, paranormal romance e per ragazzi che sono subito balzati in vetta alle classifiche del New York Times e di USA Today. Passioni pericolose, forze soprannaturali e uomini terribilmente sexy sono gli ingredienti del suo successo.

2 commenti:

Silvia Leggiamo ha detto...

Confermo! Un young adult davvero carino, molto romance, e se piace il genere non può deludere di certo!

Endimione Birches ha detto...

Ciao Silvia!!Grazie mille!!!! <3 <3