Recensione: "Alaska" di Brenda Novak

lunedì 19 dicembre 2016



Da diverso tempo seguo l'autrice del romanzo che vorrei consigliarvi oggi per le vostre letture da brivido (ma anche con un po' di romanticismo!) e fino ad ora, la Novak, non mi ha mai deluso. Ecco che perchè appena ho saputo che sarebbe uscito in libreria ... mi ci sono fiondata. La Novak è infatti una brava scrittrice che propone sempre moltissime trame interessanti e una diversa dall'altra. Oggi vi propongo la lettura della sua nuova serie, ambientata nella gelida Alaska e con protagonista una psicologa, che, insieme ad un suo collega, hanno collocato in una landa sperduta e lontano dal mondo civilizzato, una struttura con i più pericolosi serial killer d'America. Tutto scorre liscio fino a quando due donne scompaiono ...


...oOo...
Alaska
di Brenda Novak
 
pagine 416
prezzo 14.90€
eBook 8.99€
Giunti
già disponibile
voto:
★★★☆☆
..o..
 --
--
--
La serie "The Evelyn Talbot Chronicles" è composta da:
-- 
0. Hanover House - novella inedita
1. Her Darkest Nightmare - Alaska
2. Hello Again - non ancora pubblicato in Italia
3. ancora senza titolo
--
Stanno accadendo strane cose nel piccolo villaggio di Hilltop, remota località dell'Alaska dove l'inverno è così gelido da ottenebrare le coscienze.
Da quando, tre mesi prima, è stata aperta Hanover House, una clinica psichiatrica di massima sicurezza che ospita con finalità scientifiche i più feroci serial killer d'America, nessuno dorme più sonni tranquilli e a nulla servono
Her Darkest Nightmare (The Evelyn Talbot Chronicles, #1)
cover originale
le rassicurazioni di Evelyn Talbot, la psichiatra trentenne e determinata che dirige l'istituto insieme al collega Fitzpatrick. Soprattutto quando nella neve avviene un macabro ritrovamento: i resti di una donna, orrendamente martoriata.
Per il giovane sergente Amarok è la conferma di ciò che ha sempre temuto: portare un branco di efferati assassini a pochi metri dalle loro case e dalle loro famiglie è stata una decisione estremamente pericolosa. Ma la sua fermezza si scontra con il fascino fragile e misterioso di Evelyn, il cui passato nasconde il più nero e atroce degli incubi.
E mentre una violenta tormenta di neve si abbatte sul paese rendendo impossibili i collegamenti e le comunicazioni, la psichiatra ha più di un motivo per pensare che quel primo omicidio sia un messaggio destinato proprio a lei e che l'ombra del passato la stia per raggiungere ancora una volta. 

 Alaska Photo Mosaic - Entry Sabra Neyman Lake Louise, AK His Majesty the magnificent Alaskan Bull Moose seen from Lake Lo:

Considerazioni.
Tutto inizia con evento tragico, uno di quelli che non vanno oltre gli incubi e si collocano nel male puro, ovvero il rapimento di Evelyn Talbot ad opera del suo ragazzo sedicenne, Jason, il quale la tiene segregata in un capanno insieme alle migliori amiche di lei. Evelyn sarà l'unica sopravvisuta alle torture e alle violenze del sadivo Jason, il quale riuscirà a farla franca.

Vent'anni dopo conosciamo Evelyn da adulta, la quale è diventata psicologa, lavora presso un'istitituto facendo ricerca "sul campo", a contatto con le peggiori menti criminali. Evelyn non ha mai scordato il suo violento passato, il quale non le ha permesso un'esistenza normale, il quale l'ha spinta ad allontare gli uomini che le si avvicinavano in cerca di legami sentimentali ed il quale l'ha portata a confrontarsi con le menti malate e deviate, a studiarle in profondità, a capirne i meccanismi, a studiarne le dinamica, a prevedere le loro mosse e a aiutare il mondo a che nessuno possa patire quanto da lei vissuto  e soprattutto ad aprire un centro per studiarle, Hanover House.

Sebbene in Alaska il tempo sia quello che è un po' tutti i giorni dell'anno, proprio nel momento in cui sfogliamo le prime pagine della storia scopriamo che sulla cittadina di Hilltop si sta per abbattere una tormente particolamente violenta, tale da costringere gli abitanti a chiudersi in casa con vivere di prima necessità.

Proprio con l'arrivo della tempesta veniamo a conoscenza di altri due fatti importanti per Evelyn: il primo riguarda il sergente Amarok, con il quale ha avuto una breve conoscenza (fermatasi ai primi due appuntamenti, per una paura recondita riafforata in Evelyn a causa del passato) e con il quale tornerà a riallacciare i rapporti (nonostanze gli sguardi truci di lui durante i mesi trascorsi nel silenzio del rifiuto) con maggior sentimento, impegno e più consapevolezza; la seconda riguarda il fatto che due delle persone che lavorano all'istituto, due donne che Evelyn conosceva bene, all'improvviso scompaiono ... e la testa (ma non il corpo) di una di esse viene trovata morta, sfigurata e violata nella neve fresca.

Ha inizio così una narrazione che vive tanto del passato di Evelyn, la quale che crede che Jason posso averla trovata (in quanto è ancora libero) dopo averla terrorizzata pochi mesi prima, facendo così palese ritorno nella sua esistenza; quella decisamente avvincente con il rapporto con Amarok, il quale si rivela essere un personaggio importante, ben costruto e proprio interessante da leggere e quella che concerne i serial killer del centro, che non solo la minacciano a livello personale/emotivo, ma riescono ad essere pericolosi per la sua incolumità anche dietro le sbarre ...

La Novak ha impostato la storia in modo che vi sia un bel climax ascendente di terrore e paura che crescono nel lettore, vedendo Evelyn sempre più impaurita e terrorizzata, attaccata su più fronti e con decisioni da prendere tanto in ambito lavorativo che in quello sentimentale.
Non è pronta per entrambi, come dimostrerenno gli eventi stessi, ma la Novak vuol far si che la protagonista di "Alaska" smetta di agire solo razionalmente e impari a fidarsi del suo istinto, buttandosi e affidandosi ai sensi e alla ragione insieme, non solo a quest'ultima, che per molti versi non l'ha portata molto lontano dal suo passato.

Ho molto apprezzato due cose di questa storia: l'essere molto fluida, diretta e capace di arrivare al lettore e quello di aver creato una protagonista che apprezza sempre di più conoscendola, non essendo la tipica eroina impavida.

Certo non è un romanzo perfetto, perchè alcune cose del passato di Evelyn non vengono del tutto  spiegate (ma essendo il primo romanzo di una serie ci verranno spiegate più avanti), giustificate dal fatto che sono troppo dure e dolorose da affrontare, senza contare che l'attenzione sui veri colpevoli delle morti avvenuti in paese viene sviata e rimandata più volte non sembrando del tutto convincente l'intreccio thriller, ma complessivamente devo dire che si è rivelata una lettura più che soddisfacente.

Innanzitutto l'ambietazione è spettacolare, ricca di dettagli su come si vive nelle remote lande dell'Alaska e di abitudini locali che sono interessanti da conoscere. Oltre a ciò i personaggi principali della storia - ovvero Evelyn e Amarok - sono caratterizzati bene, credibili, ben fatti evolvere, frizzanti nei dialoghi e con una bella alchimia che li rende facili da amare, apprezzare e da seguire nel procedere della storia sia ne momenti buoni quanto in quelli più drammatici e violenti.
Ho trovato un po' forzato il fatto i due detenuti/serial killer che maggiormente vengono a contatto con Evelyn siano entrambi "attratti" dalla sua persona in modo morboso, che la cerchino e ne facciano l'oggetto del loro odio o delle loro premure altrettanto morbos, ma sono comunque funzionali a creare una certa tensione nel profondo di Evelyn.

Come vi dicevo poco sopra, dunque, vi consiglio il romanzo in questione qualora vogliate leggere un romanzo dalle tinte thriller, ma un thriller che seppur trova momenti piuttosto duri e di tensione, trova più di un momento in cui i suoi contorni vengono smussati da una storia romantica molto presente, ma ben bilanciata, che non snatura il genere thriller, ma anzi gli si amalgama molto bene e con convinzione. 

E' un romanzo che costituisce una buona via di mezzo tra questi due generi, che si fa seguire volentieri e si guadagna la voglia di leggere il seguito.







Snow bound:


 Brenda Novak
Autrice bestseller del New York Times e di Usa Today, vive a Sacramento e ha scritto numerosi thriller e romanzi femminili. Alaska è il primo volume di una serie con protagonista l’affascinante psichiatra Evelyn Talbot.

Nessun commento: