Recensione in breve: "Anime di Luce - Perseo" di Lina Giudetti

sabato 25 marzo 2017


"«Non siamo fatti tutti allo stesso modo. 
Molti di noi non sono violenti con le donne
 e non sarebbero mai capaci di maltrattarle.» 
«Sì, lo so. Ho solo bisogno di tempo.»
«Non volete dirmi quando e chi è stato a ferirvi?»
«Non ricordo con esattezza. 
Forse Javier con la sua spada o uno dei suoi amici mentre mi minacciavano.»
«Che viscide canaglie che sono stati!»
«Non preoccuparti, passerà, è solo 
una ferita lieve in fondo e ora comunque sto bene.» 
Si fissarono a lungo, poi lui le sorrise e 
a lei parve di perdersi in quei suoi occhi così vivi 
e così magnetici che la invadevano nel profondo, 
devastando l'innocenza del suo spirito ogni volta in cui li guardava. 
Nell'azzurro intenso che li caratterizzava, 
ravvisò ancora una volta quella scintilla selvaggia 
che tanto l'attraeva guardare e sentì mancarle il respiro per qualche momento. 
Il cuore iniziò anche a batterle forte in preda a 
una violenta emozione che non aveva mai provato prima di allora
 nel trovarsi vicino a un uomo. "
da "Anime di Luce - Perseo" di Lina Giudetti



...oOo...
Anime 
di Luce
di Lina Giudetti
pagine 428
prezzo 12€
eBook 2.99€
Autopubblicato
già disponibile
..o..



Romanzo questo, in chiave molto romantica della storia dell'eroe greco Perseo che non seguendo fedelmente gli schemi e le allegorie della mitologia greca, si concentra per lo più sulla tenera storia d'amore proprio tra Perseo e la bella ed eterea principessa Andromeda. Lei, per volere dell'oracolo di Ammone, viene incatenata nuda a una roccia sulle coste di Israele e proprio quando dieci guerrieri rudi e irruenti giungono lì per caso con una nave e cercano di violentarla, Perseo, trovandosi in volo con Pegaso, interviene e la salva. 
Vengono comunque anche narrate come in una favola antica, la nascita, l'infanzia e la gioventù vissuta da lui, bello e coraggioso cavaliere senza macchia che vivrà un costante rapporto conflittuale con la propria natura di mezzosangue. Perseo infatti, è il figlio che il grande Zeus ha avuto con la mortale Danae, ma scoprirà questa verità, solo quando si appresterà a compiere sedici anni perché sarà il suo stesso fratello Hermes a rivelargliela. 
Cresciuto per anni sull'isola di Serifo e divenuto uno tra i guerrieri più forti di Atena, egli non tradirà mai la sua natura di angelo di bontà disceso dal cielo con il preciso fine divino di risollevare le sorti di Argo, la sua reale terra d'origine dominata dalla tirannia di Acrisio. 

Considerazioni.
L'autrice, descrivendo il romanzo nella quarta di copertina, questo libro, ha voluto precisare due cose:
"Questa versione di Perseo non narra avventure di guerra, né le solite battaglie tra le forze del bene e le forze del male, ma rivisita in chiave libera, alternativa, sentimentale e fantasiosa, la versione del mito medesimo scritta da Ovidio nel quarto libro de' "Le Metamorfosi". 
Anime di luce è il titolo di una sorta di saga ibrido di tematiche basate sulla mitologia greca e tematiche basate sulla leggendaria Atlantide. "Perseo" è un romanzo che collegandosi agli altri romanzi (parte di una duologia) "Miracoli ad Atlantide" e "Tumulto ad Atlantide" - che pure hanno come protagonista secondario Perseo in scene inedite dunque qui non contenute - ne rappresenta solo un episodio."
Partendo dunque da questi presupposti la storia è quella che conosciamo più o meno dalle scuole -dove Perseo (figlio di Zeus e Danae) si innamora di Andromeda (figlia di Cefeo e Cassiopea) - ma a quanto conosciamo del mito la Giudetti aggiunge qualcosina in più per renderlo narrativamente più accattivante, piegando anche il mito - dove occorre - per proporlo riletto in chiave più sentimentale e fantasioso, rispetto a quanto narrato da Ovidio ne "Le Metamorfosi". 

"Anime di Luce - Perseo" risulta essere sin da subito un romanzo che scorre molto velocemente, che usa un linguaggio semplice e diretto che però non snatura o rende meno accattivante il mito originario e che introduce immediatamente il lettore al mondo greco antico, lo mette al centro degli screzi tra Dei e i problemi che insorgono tra questi ultimi e gli umani, i quali da sempre, nel mondo greco, hanno causato non pochi problemi agli uni e agli altri. In particolare il romanzo si propone come una biografia di Perseo - il quale è un semidio che non conosce il padre - e ci narra la sua storia della sua infanzia, ci porta a conoscere la sua educazione e la fatica per emergere, ci rende partecipi di come il protagonista venga a conoscenza di Zeus fino ad arrivare all'incontro con Andromeda, la quale viene salvata da un'aggressione proprio da Perseo. 

E' stato bello, per me, immergermi nuovamente nel mondo greco antico, entrando in connessione con protagonisti davvero moto lontani nel tempo, ma caratterizzati davvero molto bene, con attenzione a renderli credibili ed appassionanti a noi lettori contemporanei, ed in grado di creare una narrazione che li rivedesse in chiave moderna, romanzata e romantica, molto appassionanti e pronti a essere riscoperti da chiunque ami questo genere letterario.

La Giudetti è stata molto brava a caratterizzare bene la psicologia dei personaggi, rendendoli così credibili e non semplici macchiette (ricordo uno su tutti proprio Perseo e la sua lotta per arrivare a definire la sua identità sia con il rapporto con il padre, ma anche con la madre, i suoi compagni e la stessa Andromeda fino a diventare l'eroe che conosciamo dal mito); è stata molto brava anche a ricostruire l'ambientazione che circonda e si muove intorno ai protagonisti e ha reso facile e godibilissima questa storia.

Consiglio questo romanzo a tutti coloro che hanno voglia di fare un tuffo nel passato e di leggere una storia ispirata ad un bel mito e piuttosto appassionante.

Lina Giudetti
Dice di sè: "Mi chiamo Lina Giudetti e nata sotto il segno del leone, vivo a Taranto, una piccola città sul mare della Puglia. Amo sia leggere che scrivere e in particolare, sono un’appassionata di mitologia, di religione e storia, ma amo leggere o scrivere anche horror, fantasy e romanzi rosa.
 Il mio primo libro lo scrissi a mano a quattordici anni, quando gli eBooks ancora non esistevano, ma non lo pubblicai mai.  Appassionata inoltre di cinema, teatro e arte grafica, oltre che di scrittura e lettura, mi sono di recente anche avventurata nel mondo del web design. Gli scrittori che da sempre mi piacciono e stimolano la mia immaginazione sono Gaston Leroux, Anne Rice, Stephen King, Clive Cussler, Michael Crichton e Bertrice Small, ma amo leggere molto anche quanto scritto da Oscar Wilde, Platone, Origene, Ovidio, (le “Metamorfosi” in modo particolare) Ermete Trismegisto, Edgar Cayce e Brian Weiss. Quanto alla poesia, ho sempre amato lo stile e le opere di Charles Baudelaire e simili. Da bambina invece adoravo leggere le fiabe di Hans Christian Andersen. I libri che hanno in qualche modo segnato la mia vita sono “Il fantasma dell’opera” di Gaston Leroux e “La piccola principessa” di Frances Hodgson Burnett. Un’altra mia fonte di ispirazione, è certamente Ermete Trismegisto con i suoi scritti. Sono infatti una seguace del pensiero ermetico."

Nessun commento: