I POST PIU' RECENTI DEL BOSTONIAN LIBRARY
Il meglio ... scelto per voi!

Recensione: "La loro parte" di Marco Di Carlo

mercoledì 27 giugno 2018


...oOo...
La loro
parte
di Marco Di Carlo
Pagine 248 
Prezzo 15€
Editore Augh!
già disponibile
voto:
★★★
..o..



Massimo, single non più giovanissimo, ha paura di aver perso fin troppi treni per uscire dalla grigia situazione in cui vive. Addetto vendite in un negozio di articoli per il fai da te, vessato da un superiore affetto da bruschi cambiamenti di personalità, sembra destinato a una mera esistenza allietata unicamente dalla musica heavy metal. Nella sua vita irrompono Carlotta e Federica; la prima è sua nipote, un'undicenne molto emotiva costretta ad affrontare l'improvvisa e misteriosa fuga dei genitori. L'altra è una sua ex compagna di classe, con la quale condivide la volontà di non arrendersi a un futuro di solitudine. 

Contro ogni aspettativa, le loro labili fondamenta si rivelano più coese e funzionali del previsto. Da zio a padre, da scapolo a capofamiglia: la metamorfosi di Massimo segue un percorso difficile, sotto la lente dell'esposizione mediatica; ma gli permette di scoprire in che modo può maturare e smetterla di considerarsi un'irrecuperabile pecora nera.


Considerazioni.
La storia di questo romanzo è presto detta: c'è uno scapolo ormai adulto (almeno sulla carta) da un pezzo, che ad un certo punto si trova a dover convivere con la nipote Carlotta, abbandonata malamente dai genitori per un periodo di tempo indefinito, ed una sua ex compagna di classe di nome Federica.

La convivenza, seppur iniziata con i migliori propositi (ma sarebbe meglio dire necessità), trova però diversi ostacoli che i tre dovranno per forza di cose risolvere per trovare una stabilità e non sarà facile perché i tre hanno caratteri estremamente diversi. Se Massimo è infatti abituato alla solitudine, al cavarsela da solo, all'essere molto indipendente, Carlotta, che ha solo undici anni non vuole e non ha bisogno di essere lasciata solo, soprattutto dopo l'abbandono dei genitori, essendo una ragazzina emotiva e sensibile; non procede diversamente per Federica, la quale per non perire di solitudine ben volentieri divide casa con Massimo, conoscendolo da lungo, tempo, erano infatti compagni di classe.
Ma come procederanno le cose?

Questo romanzo è davvero molto carino, in quanto è la storia di due (anzi tre) esistenze, decisamente diverse l'una dell'altra, che ad un certo punto entrano inevitabilmente in contatto e da quel contatto, nato e costruito dalla solitudine/abbandono, emerge una storia fatto di sguardi, sentimenti, vite e vicissitudini che sono molto belle da seguire nel loro intreccio, crescita ed evoluzione.

Ho apprezzato molto il fatto che Di Carlo abbia intrapreso il racconto di questa storia in modo semplice, dai toni rilassati - ma maturi e capaci di diventare riflessivi e interessanti - con la voglia nuda e cruda di far sedere il lettore e narrargli una storia con protagonisti certamente diretti, verosimili e sfaccettati, ma anche imperfetti e poco convenzionali.

E' un'avventura piacevole questa storia, certo non priva di difetti, in quanto a mio personale gusto poteva essere un pochettino meno "precipitosa" - sia a livello di flusso di narrazione che di esuberanza dei protagonisti (in particolare Massimo) - ed anche le tematiche, nonché gli avvicendamenti, potevano essere un pochino meglio strutturati, risultando invece molto spesso un  unico flusso di coscienza dei personaggi, che vivono la storia (numerosi sono infatti i salti di tematica e di situazione).

Ciò detto è comunque vero che il risultato di quest'opera è apprezzabilissimo, in quanto si passano  ore piacevoli in compagnia di uno scapolo, ormai maturo, che si trova a dover gestire i rapporti che ha creato nella vita, con i suoi sentimenti, la sua vita e soprattutto le idiosincrasie che si creano normalmente nella vita quotidiana con coloro che viviamo tutti i giorni.


Marco Di Carlo 
E' nato un anno dopo l’esplosione del punk londinese. Vive e lavora a Roma. Nel 2014 ha pubblicato L’imperatore di Marta (Lettere Animate). La loro parte è il suo secondo romanzo.

Nessun commento: