Recensione: "Assalto a Villa Lieto Tramonto" di Minna Lindgren

lunedì 8 maggio 2017



---oOo---

Assalto 

a Villa
Lieto Tramonto
di Minna Lindgren
pagine 230 circa
prezzo 16.50€

Sonzogno
già disponibile
voto:
★★★★☆ 

--o--



La trilogia "Villa Lieto Tramonto/Trilogia di Helsinki" è composta da:

1. Kuolema Ehtoolehdossa - Mistero a Villa del Lieto Tramonto
2. Ehtoolehdon pakolaiset - Fuga da Villa Lieto Tramonto
3. Ehtoolehdon tuho - Assalto  a Villa Lieto Tramonto


Villa del Lieto Tramonto non è più la stessa. Un avveniristico progetto di teleassistenza, combinato alle stravaganti invenzioni della domotica, ha scombussolato ritmi e abitudini della residenza per anziani alla periferia di Helsinki. 
Che fare se il frigorifero parlante ripete all’infinito la lista degli alimenti in scadenza? Come intrattenere il robottino da compagnia per evitare la raffica dei suoi stupidi quiz? Tra una partita di canasta e un caffè solubile, sono questi i nuovi argomenti di conversazione di Siiri, Irma e Anna-Liisa, le tre arzille e affiatate amiche che mai avrebbero immaginato – a novant’anni suonati – di doversi difendere dai minacciosi prodigi della tecnica. 
Da quando il personale in carne e ossa è stato licenziato, gli ospiti del Lieto Tramonto comunicano con l’esterno attraverso sofisticate e irritanti pareti intelligenti, mentre le macchine si occupano di tutto. Ma chi controlla dal cloud questa fredda tecnologia e chi lucra sul suo massiccio impiego? 
I dubbi si infittiscono nell’impavido e inseparabile terzetto di nonnine dopo la comparsa di misteriosi volontari: si presentano come fervidi credenti, ma la loro ostinazione nel racimolare donazioni in denaro è a dir poco sospetta. 
Per fare luce sulle loro reali intenzioni serviranno tutto il sangue freddo di Siiri, la spensierata vaghezza di Irma, l’acume di Anna-Liisa... e un inatteso aiuto della cara, vecchia Madre Natura.

Considerazioni.
Eccomi arriva a Assalto  a Villa Lieto Tramonto, ovvero l'ultimo romanzo che compone la divertentissima e spassosissima serie "Villa Lieto Tramonto/Trilogia di Helsinki"  della brava Minna Lindgren.

La Sonzogno è stata splendida nel pubblicare questa serie in tempi decisamente rapidi (non ho avuto tempo di separarmi dalle protagoniste, con il secondo romanzo, che ecco quest'ultimo libro!) e con copertine davvero molto, ma molto carine!

Venendo al libro, posso dire di aver apprezzato molto sia il ritorno delle tre vecchiette protagoniste della trilogia, ovvero Siiri, Irma e Anna-Liisa, le quali in ogni libro diventano vere e proprie investigatrici per risolvere il caso che si presenta loro. Questa volta le tre giovani (almeno d'animo) devono occuparsi dei cambiamenti che stanno avvenendo presso la loro dimora, Villa Lieto Tramonto, la quale si sta adeguando ai tempi ed è diventata una vera e proprio residenza demotica. Gi abitanti del rifugio per anziano hanno così visto entrare nel loro piccolo acquario tante novità tecnologiche: dalle "pareti intelligenti" touch che possono assistere i vecchietti al posto degli assistenti fisici, misurare loro il sonno, le apnee notturne i movimenti , la frequenza cardiaca, la reazione allo stress e tanto altro ... fino al frigo, impossibile da aprire ... A quale scopo?

"Villa Lieto Tramonto non era più un terminal qualsiasi per anziani del quartiere Munkkiniemi, zona ovest di Helsinki. Dopo una ristrutturazione durata quasi due anni, e dimostratasi molto piacere ampia del previsto, era stata completamente rinnovata, ventura a una società internazionale quotata in borsa e convertita in un progetto pilota di teleassistenza agli anziani a monitoraggio remoto, con il sostegno di tre ministeri diversi. Per i politici e imprenditore trasformare gli ospiti in animali da laboratorio significava non solo salvare la società ma anche risolvere il problema più esplosivo per il futuro pianeta: i vecchi."   da "Assalto a Villa Lieto Tramonto" di Minna Lindgren
In questa Villa ormai (odiosissima) domotica le tre arzille protagoniste non riescono a farsi una ragione del cambiamento avvenuto, e soprattuto non sopportano più che non ci sia nessuno che tenga loro compagnia, di cui sparlare e che le accudisca fisicamente. Trovato il caso su cui indagare non rimane che mettersi all'opera e cercare chi ha voluto e fatto il cambiamento per scoprire cosa si nasconda veramente dietro questo grandioso progetto. 

Attraverso una narrazione estremamente fluida, veloce ed ironica la Lindgren ha creato una storia che  scorre via che è un piacere narrandoci di queste tre vecchiette, che avevo imparato a conoscere bene anche nelle "puntate" precedenti e riesce ad essere addirittura migliore degli altri due volumi.
Ben poche volte ho potuto dire una cosa del genere, per cui la sottolineo, "Assalto  a Villa Lieto Tramonto" è un romanzo divertentissimo, intriso di ironia che ti lascia stampato un sorriso scemo sulle labbra e che parte laddove ci sarebbe invece, il più delle volte, da piangere, visto che nessuno di noi, potendo scegliere, vorrebbe andare a passare gli ultimi anni della sua vita in un ricovero. Ed invece il tutto è reso in maniera divertente, anche verso la politica finlandese (anche se non la padroneggio benissimo ...), come un po' tutti i paesi, che non vede gli anziani come risorsa o come pubblico privilegiato al quale rivolgersi. Oltre alle rodate tematiche dell'amicizia, degli anziani nella società e dell'accettazione, troviamo qui una sottile ironia rivolta anche alla tecnologia, vista dalla Lindgren come positiva, ma se utilizzata in un certo senso, criticandola apertamente quando viene adoperata per sostituirsi in tutto e per tutto all'uomo anche in quelle circostanza in cui il contatto dovrebbe essere imprescindibile. 

Come per gli altri romanzi della trilogia, non posso non consigliarvi la lettura di questo romanzo perché è una bella storia, perché mescola temi attuali e non semplici da trattare a un'ironia spiccia e molto piacevole da leggere. Consigliatissimo!!!




Minna Lindgren 
E' giornalista, melomane e vive a Helsinki. Dopo Mistero a Villa del Lieto Tramonto(2015), Fuga da Villa del Lieto Tramonto è il secondo episodio della fortunata trilogia finlandese, tradotta in molti paesi tra cui Germania, Inghilterra, Francia e Stati Uniti.

Nessun commento: