I POST PIU' RECENTI DEL BOSTONIAN LIBRARY
Il meglio ... scelto per voi!

Recensione in pillole: "Il meraviglioso incubo di Natale" di Mauro Santomauro

lunedì 11 dicembre 2017



...oOo...
Il meraviglioso 
incubo di Natale 
di Mauro Santomauro 
pagine 114 
prezzo 12€
Ferrari Editore
voto:
★★★★☆
..o..


Un racconto brioso e tagliente ma anche dolce come un Cupcake di Natale! 
Una storia attraversata dal ritmo di una fantastica innocenza che commuove, diverte e sorprende, invitandoci a riflettere sulle emozioni esistenziali. 
Una parabola luminosa e frizzante dove dramma e ironia, realismo e fantasia si fondono perfettamente, con il coraggio di una rappresentazione del destino. Dietro a un titolo che risveglia apparentemente l’incanto o l’incubo di un’atmosfera natalizia, si cela una trama inaspettata, in bilico tra l’avventuroso equilibrio del fantastico e il nonsense del quotidiano. 
D’altronde, molte cose sono diverse da come possono sembrare.

Considerazioni.
Santomauro ha un certo dono nel prendere una trama e darle quel qualcosa in più, di mai letto da nessun'altra parte, non solo rendendola interessante, ma anche speciale per chi la legge.

Con questo suo nuovo racconto, l'autore, prende una festa molto nota, ovvero il Natale, e giocando sulle parole del titolo ci induce a virare improvvisamente rotta, narrandoci di una storia davvero particolare.
"Il meraviglioso incubo di Natale" ci narra infatti di Natale, un uomo che è al capezzale di Alice, la moglie molto malata, alla quale ha fatto una promessa che ora deve mantenere, anche se rispettarla sarebbe l'ultima cosa che vorrebbe fare. Ma Natale non pensa solo alla decisione che deve prendere e, forse proprio perché sta affrontando una fine, pensa e riporta la sua mente al principio, a come tutto è iniziato, soprattutto con Alice. Prima, infatti, Natale e Alice era altro, erano un amore sbocciato, un'incontro perfetto, condivisione, amore, fiducia, allegria, spensieratezza e speranza. Riuscirà Natale a portare a termine il desiderio di Alice? Cosa farà dopo? Come riuscirà ad andare avanti?

Sebbene "Il meraviglioso  incubo di Natale" appaia inizialmente come un racconto cupo e misterioso, difficile da inquadrare a livello di genere e di aspettative, devo dire che si è rivelata essere una bella storia in grado di affrontare tematiche decisamente forti, molto importanti, i cui risvolti sono decisamente soggettivi e non certamente facili, narrate e affrontate in un modo un po' diverso, da un'altra prospettiva differente e tutta santomauriana. 

Promuovo questo romanzo sia per i motivi che ho appena detto, sia perché lo stile di Santomauro mi piace moltissimo, in quanto riesce ad essere incisivo, interessante e mai banale. Cercando il pelo nell'uovo posso dire che l'unica cosa che non ho trovato ne  "Il meraviglioso  incubo di Natale"  è stato quel sentimento di meraviglia, di antico e di stupefacente che avevo trovato in "Theriaca", che mi aveva assolutamente conquistata e che se posso dire mi è mancata, ma credo non rientrassero comunque nell'intento della storia e dell'autore, e poi lo so che fare i paragoni (soprattutto in romanzi molto diversi tra loro come quelli che ho citato) non andrebbero fatti, però l'ho detto ... cercando il pelo nell'uovo ...

Consiglio questo romanzo a tutti coloro che cercano una storia intensa, non sempre facile, che ci dia margine per riflettere, costituita da luci e ombre, da bene e male, da  felicità e tormento, che riesce a conquistarti poco a poco per la toccante semplicità e la sincerità con cui è narrata. Promosso.



Mauro Santomauro
Mauro Santomauro, musicista e raffinato scrittore, appassionato ricercatore e studioso di storia e letteratura, vive e scrive a Treviso. Si definisce un goloso professionista. Nella sua vita è stato, infatti, non solo farmacista della Serenissima, salendo alla ribalta delle cronache quando rinunciò a trasferire la sua farmacia in terraferma, ma anche chimico, distillatore, imprenditore, pilota di aerei da turismo e contadino. Ha pubblicato i romanzi “Il doppio dell’assassino” e “Theriaca” (uscito precedentemente in versione e-book, con il titolo “La Congiura dello Speziale”). 

Nessun commento: