martedì 6 marzo 2012

THE BROKEN EMPIRE

E' con assoluto entusiasmo che presento questo libro che uscirà a breve per la Newton & Compton.

                                  PRINCE of THORNS
                                  Il Principe dei fulmini   
                                                     di Mark Lawrence
 

                                                                            Newton & Compton 9.90 €  Uscita: 8 marzo 2012

 La trama.

All’età di nove anni, il principe Jorg Ancrath è testimone del brutale massacro della madre, la regina, e del fratello. Lui riesce a salvarsi per miracolo, nascondendosi in un groviglio di rovi (da qui il titolo, il principe di spine - in italiano di fulmini) che lo feriscono nel fisico tanto quanto le scene di cui è testimone quella notte lo feriscono nell’anima.

 Il mandante dell’omicidio, il conte Renar, è un nemico politico di suo padre, re Olidan, e quando Jorg scopre che la pena che gli verrà inflitta sarà di natura economica, anziché una guerra, come aveva sperato, decide di trovare da solo la sua vendetta. Ancora bambino, scappa dal palazzo reale assieme a un gruppo di mercenari e si unisce a loro, ben presto diventandone il capo. 
È solo all’età di quattordici anni che Jorg decide di ritornare da suo padre, che nel frattempo si è risposato ed è in attesa di un erede, per compiere la sua vendetta contro il conte Renar. Jorg però non sa che lui, Renar e perfino re Olidan sono solo pezzi di un gioco molto più grande, manovrati da giocatori invisibili e potentissimi. 

Plot
When he was nine years old, Prince Honorous Jorg Ancrath saw his mother and younger brother murdered before his eyes. By thirteen, he commanded a band of bloodthirsty mercenaries. By the time he is fifteen, he intends to be king. First though, Jorg must return to the life he turned his back on, to take what is rightfully his. Since the day he was hung on the thorns of a briar patch and forced to watch Count Renar's men slaughter his mother and brother, Jorg has been driven by a burning need for vengeance. Life and death are no more than a game to him—and he has nothing left to lose. But treachery and dark magic awaits him in his father’s castle. No matter how fierce, can the will of one young man conquer enemies with power beyond his imagining?

Quando ho preso in mano per la prima volta questo romanzo non ero proprio convinta al 100% perchè aveva - ed ha - come protagonista un ragazzo adolescente e devo dire che temevo appartenesse al genere YA.    Per fortuna non è cosi. 
NON è -  a parer mio - DA CONSIDERARSI TALE, anche perchè sono presenti scene abbastanza "forti" e dure. Non ho nulla contro gli YA, alcune volte poi possono addirittura sorprendere positivamente, ma tendenzialmente, non contengono quelle atmosfere totalmente coinvolgenti e appassionanti, quei contrasti e quelle situazioni che mi spingono ad andare oltre quello che conosco e sorprendermi, stupendomi; inoltre, con questo genere - in particolare - di romanzi, mi trovo con le ultime 100 pagine da smaltire in fretta perchè precipitosamente a metà del libro tutte quelle belle premesse scivolano inesorabilmente verso le paludi della noia mortale-del prevedibile-dello scontato-del senza: tho! un finale innovativo.
Detto ciò dico subito che questo romanzo mi è piaciuto moltissimo
La trama assomiglia, se vogliamo, a graaaandi linee un'altra serie che ho amato molto, di Brett Weeks.
Con "Il principe dei fulmini" siamo di fronte ad un assassino, ma non un assassino che cova nel profondo (anche solo un lumicino) dei dubbi su quello che fa, quello che è e quello che invece, magari, vorrebbe essere. E' spietato, è crudele, non prova rimorso per quello che fa. Lo fa e basta. Un lavoro semplice e pulito, senza coscienza (nemmeno sporca). Più cupo, più duro, più violento e cruento del protagonista di Weeks. 
Quello di Lawrence è da un certo punto di vista un personaggio spiazzante, come gli assassini macabri, oscuri e violenti che vediamo nel film,  quelli veramente c.r.u.d.e.l.i. 
Ma l'elemento che onestamente più mi ha affascinato e al medesimo tempo disorientato (e forse anche quello che più mi tenuta incollata al romanzo) è il per il fatto che tutti i crimini che commette Jorg Ancrath, tutto il suo mondo e tutta la psicologia violenta di sottofondo per cui lo conosciamo, appartiene a un ragazzo giovane, adolescente.Se non si sapesse che Jorg è un quattordicenne, si direbbe di essere di fronte ad un uomo maturo, adulto, sfegiato nel profono dalla vita e dagli avvenimenti. E' un adolescente che ha avuto la sua dose di dolore e brutture, per questo si vuole vendicare, ma la crudeltà sembra quasi un elmento imprescindibile del suo essere...

When I picked it up for the first time this novel was not exactly 100% because I believe thet it had - and has - a teenage boy as the protagonist and I must say that I feared belonged to the YA genre. Fortunately it is not.NOT - in my opinion - BE CONSIDERED THAT, also because scenes are pretty "heavy" and hard.  
I have nothing against YA, some times he may even surprise positively, but basically, don't contain those atmospheres immersive and exciting, these conflicts and situations that push me to go beyond what we know and surprise, surprisng me; Furthermore, in general , with his kind of novels, I find myself with the last 100 pages disposed in a hurry to rush because in the first half part of the book all those beautiful premises slide inexorably towards the marshes of the predictable boredom-of-the-obvious without: tho! a final innovation.Having said what I say at once that I loved this novel.The plot looks like, if you will, to another series that I loved very much, of Brett Weeks.With "The Prince of thornes" we are faced with a killer, but not a killer  lurking in the deep (even just a little light) doubts about what he does, what it is and what they, perhaps, would be. And 'ruthless, is cruel, no remorse for what he does. He just act. A work simple and clean, with no consciousness (even dirty). Darker, harder, more violent and bloody, then Weeks heroes. Lawrence create a character unsettling, as the killers macabre, dark and violent that we see in the movie, truly c.r.u.e.l.Honestly the element that fascinated me most and bewildered at the same time (and perhaps the one that kept me glued to the novel) is the fact that all the crimes committed by Jorg Ancrath, his whole world and all psychology violent background that we know, belongs to a young boy, adolescente. If I don't know that Jorg is a fourteen year old, it seems to be dealing with a mature, adult, deep scared by life and by events. It's a teenager who has had its share of pain and ugliness, why you want revenge, but seems almost that this cruelty elment belong to his own  ...

  • Elementi che ho apprezzato principalmente/Elements that I liked mainly: 


1. Il modo di scrivere di Lawrence! Dire che scrive benissimo è veramente limitativo, soprattutto se si pensa che è il suo debutto letterario, soprattutto se si pensa alla trama e al mondo che ha saputo ricreare. 

The way to write of Lawrence! Say that he writing very well, is really limited, especially if you think that is his literary debut, especially considering that the plot and the world that has been able to recreate.

2. Pur essendo parte di una trilogia, può essere letto da solo, perchè ha una sua conclusione.
Despite being part of a trilogy, it can be read alone, because it has a conclusion.



  • Elementi che ho apprezzato meno/Elements that I liked less:

1. I rimandi più o meno velati a George R. Martin, che in questo modo, pur omaggiandolo, lo porta a paragone del romanzo in questione, in particolare per i meccanismi politici alla base... 
The references - more or less express - to George R. Martin, bring the reader to compare this one to the novel in question, in particular for political mechanisms at the basis ...

2. Talvolta nella descrizione degli scontri mi sono persa (e un pò annoiata?).
Sometimes in the battle's description... I was lost (and a little bored?).

Complessivamente  devo dire che vale veramente la pena di essere letto se amate il genere e non disdegnate le "tinte" forti , dure e cupe in un romanzo fantasy.
Overall I must say that it is really worth reading if you love the genre and do not disdain the "colors" strong, hard and dark in a fantasy novel.

                                                                                                                      Second novel cover

 

                                                                                              Mark Lawrence 




is a research scientist working on artificial intelligence. He lives in England with his wife and four children. Prince of Thorns is his first novel.
è un ricercatore che lavora sull'intelligenza artificiale. Vive in Inghilterra con la moglie e i quattro figli. Prince of Thorns è il suo primo romanzo.

1 commento:

Anonimo ha detto...

mi ispira molto. penso che lo prenderò.
monica67