☆ I POST PIU' RECENTI DEL BOSTONIAN LIBRARY ☆
Il meglio ... scelto per voi!

Recensione "Il libro di Jade" di Lena Valenti

giovedì 28 giugno 2012







---oOo---
Il libro di Jade
di Lena Valenti
pagine 592
prezzo 11,90€
Fanucci
dal 28 giugno 2012
--o--









--o--

La Serie Vanir è  così composta:
1. El libro de Jade - Il libro di Jade  - il libro parla di Aileen e Caleb
2. El libro dela sacerdocista - il libro parla di Ruth e Adam
3. El libro de la elegida - il libro parla di Daanna e Menw
4. El libro de Gabriel - il libro parla di Gabriel e Gunnr
5. Il libro de Miya - il libro parla di Miya e Rota

--o--
Caleb è un uomo tormentato. Un Vanpiro, un essere immortale creato dagli Dei scandinavi per proteggerer l'uomo da coloro che hanno sete di sangue e potere. Giunge a Barcellona per trovare la strana organizzazione che ha rapito e assassinato i suoi simili. In cerca di vendetta, non esiterà a rapire Eileen Ernepo, figlia dello scenziato pazzo che sta conducendo esperimenti sui corpi dei suoi amici. Eileen pagherà per tutta questa scia di sangue e violenza perpetrata contro la sua razza. Tuttavia non immagina che proprio lei diventerà la sua rovina.

Eileen, vive una vita normale e tranquilla, lavora nell'impresa di famiglia nelle Relazioni Pubbliche, ha un buon stipendio e vuole bene al suo Huskie e agli amici che frequenta dall'infanzia. Inoltre gli è stato offerto, dopo la laurea in Pedagogia, un posto come insegnante a Londra. Quella è l'occasione perfetta per sfuggire alle grinfie di suo padre Mikhail, un uomo che amava ma che l'ha accusata di essere la causa della morte della madre, Elena. Finalmente può fuggire. ma non immagina che quella stessa notte, un uomo molto arrabbiato e terribilmente sexy, la rapirà e la introdurrà con la forza in un mondo mitologico, tra magia, clan, sangue e zanne.
--o--
La Storia
Dunque dunque, la storia inizia una ragazza bella (anzi bellissima). Eileen, la ragazza in questione, ha due amici e una marea di possibilità all'orizzonte se non fosse per il dibete - diagnosticatole da piccola - e il fatto che vive praticamente segregata in casa dal padre che la controlla e la fa seguire costantemente, permettendole solo di studiare e di gestire i contatti con l'estero della sua società (di produzione e commercializzazione di stumentazione medica). Quando una notte fanno irruzione in casa sua degli individui apparentemente molto violenti, sadici e con canini appuntiti, che le uccidono il padre e la rapiscono, Eileen scoprirà delle verità  e una realtà che non credeva potesse esistere.
Nell'ordine, conoscerà il sesso (quello brutale e violento), un diario che la porterà a conoscere la madre e il padre, l'apparenenza a una razza immortale ed antica, la possbilità di appartenere e amare qualcuno che ha giurato di odiare ed infine se stessa; si inoltre apriranno gli scenari per una guerra mortale tra razze destinata a cambiare gli equilibri del mondo.

Considerazioni
Probabilmente se mi aveste chiesto cosa pensassi di questo libro a 1/3 di lettura di esso vi avrei sconsigliato di leggerlo. Addirittura? Si, perchè erano più le cose che non mi piacevano che quelle che avevo trovato affascinati: non mi piacevano i dialoghi, l'affinità creata tra i due personaggi, troooppo immediata (non me ne sono quasi resa conto) e poi le similitudine ad altri libri era fin troppo evidente, vi assicuro che Ward, Adrian e Meyer saltano fuori ovunque in queste prime pagine; inoltre il compiacimento della scrittrice nel descrive i protagonisti - soprattutto A(E)ileen mi soffocava e allontanava dalla storia. 
Poi il miracolo. 

La Valenti trova, non so come, non so dove, l'identità da dare al proprio romanzo; pur permanendo qualche somiglianza con le autrici appena citate, trova una strada solo sua di far interagire i personaggi e proseguire la storia senza quel senso di dejavù che non riuscivo a scrollarmi inizialmente di dosso e finalemente la storia parte, affascina, ghermisce e intriga con dialoghi brillanti e profondi, con una storia che scava, che non banalizza i personaggi come ha fatto invece nella prima parte del romanzo, non si compiace con essi, ma li usa sadicamente (perchè i dettagli ce li fa anelare) per approndire la storia delle razze Vanir e Berserker, della loro creazione, della loro esistenza e scopo e per farci amare A(e)ileen, ma soprattutto Caleb.

Sottolineo ed evidenzio questo cambio perchè se a una prima occhiata potrebbe non entusiasmarvi dovete essere tenaci e verrete - a circa un centinaio di pagine - ricompensati e ammaliati! 

cover originale.
Nota caratteristica del romanzo è il fatto che sia intriso di un particolare, costante - e oserei dire pressante - alone erotico-sensuale tra Caleb e Aileen che si anelano e bramano constantemente (e praticano abbondantemente) e ciò porta alla riflessione per cui il punto in discussione - a parte qualche momento iniziale - non è tanto che si piacciano, che è indubbio, quanto se questo "piacersi", questo "legame" - chi ha letto la Ward e la Adrian saprà perfettamente a cosa mi riferisco - sia più che altro fisico o sottenga quello a cui tutti bramiamo consapevolmente o meno: l'amore. Tutto il percorso sentimentale di questo romanzo risiede in questo: cos'è, in cosa consiste, come si manifesta l'amore? Violenza, concessione, possesso, arrendevolezza, perdono, fiducia, pazienza, comprensione, spazio, accettazione e protezione  sono le fasi che Caleb e Aileen passeranno per comprenderlo e per capire se meritano di essere - e se sono - compagni per la vita, indivisibili e uniti, se meriteranno il sigillo (che compare per gentile concessione divina) solo quando essi saranno veramente e sinceramente pronti l'uno per l'altra. 
Ho particolarmente apprezzato l'intreccio tra questo filone narrativo - sentimentale e  quello "action" dove veniamo introdotti nel mondo Vanir e Berserker, di costruizione Valentiana, e che viene ben definito, delineato, descritto nonchè elaborato e che risulta affascinante e credibile anche agli occhi di coloro che molto - sul genere - hanno letto.
Menzione e Chapeau alla Valenti per quanto riguarda il mondo celtico: tutti i riferimenti celtici, alla cultura e alla lingua dei celti, è curata, ben inserita a rende  ancor più forte e dolce il legame tra Aileen e Caleb oltre ad essere interessante e molto, molto evocativa.

Consigliato? Si, se amate il paranormal; se adorate lo scontro fisico, mentale e sensuale tra i protagonisti; se vi appassionate nel leggere di tradizioni e usanze antiche rivisitate e non vi scandalizzate davanti a prodezze sessuali degne del diario segreto di Lora Leigh!

Links 
Per il sito della saga:
fateci un salto perchè troverete di tutto e di più della saga!

Forum ufficiale:

Lena Valenti è un autentico fenomeno in Spagna. Ha iniziato come libraia di una delle principali catene spagnole, per poi diventare la principale autrice di praranormal romance del suo Paese. La saga dei Vanir, di cui Il libro di Jade è il primo romanzo, ha venduto oltre 300.000 copie, scalando le classifiche nazionali.

Nessun commento: